LA VERSIONE DI MUGHINI - ALLA NOTIZIA CHE ENZO MARI SE NE È ANDATO, A STENTO RIESCO A TRATTENERE LE LACRIME. DOPO LA MORTE DI ALESSANDRO MENDINI E DI ETTORE SOTTSASS, I SOLI “GIGANTI” CHE RIMANE DEL TEMPO GRANDISSIMO IN CUI IL DESIGN ITALIANO HA DETTATO LEGGE NEL MONDO SONO MARIO BELLINI E GAETANO PESCE. MARI INVITAVA ALLA “AUTOPROGETTAZIONE”, A FARSELI DA SÉ E CON I MATERIALI I PIÙ UMILI GLI OGGETTI DI CUI FARE E VIVERE – IL CALENDARIO PERPETUO E QUELL’“ALBERO” DI ALLUMINIO AL QUALE…

-

Condividi questo articolo


Giampiero Mughini per Dagospia

 

enzo mari enzo mari

Caro Dago, alla notizia che Enzo Mari se ne è andato, a stento riesco a trattenere le lacrime. Dopo la morte di Alessandro Mendini e di Ettore Sottsass, i soli “giganti” che rimane del tempo grandissimo in cui il design italiano ha dettato legge nel mondo sono Mario Bellini e Gaetano Pesce.
 
Beninteso, Mari non lo avevo mai accostato di persona. Non era uomo da accostarsi come se niente fosse, e nei libri di quel grande scrittore che è suo figlio Michele questo emerge chiarissimamente. Un uomo difficile, difficilissimo, arduo. Solo che il suo genio è presente quasi dappertutto in casa mia.
 
Fra pochi minuti andrò a mangiare in cucina sul cui tavolo è un “albero” di alluminio al quale Mari aveva appeso forchette coltelli e cucchiai, un’idea che poi gli hanno copiato in tanti. Lui se l’era inventata una trentina di anni fa. Un aggeggio che costava qualche decina di euro e non più che questo.

mughini mughini

 
Un aggeggio per tutti, come li voleva lui, ché anzi Mari invitava alla “autoprogettazione”, a farseli da sé e con i materiali i più umili gli oggetti di cui fare e vivere. Per me è impossibile pensare a mangiare nella mia cucina se non utilizzando quell’ “albero”, quelle forchette e quei coltelli. E a non dire che non c’è giorno che Dio manda in terra che io non lo cominci maneggiando quel suo calendario sublime in plastica fatto per la Danese 50 e passa anni fa. Lo prendo in mano, cambio giorno e data, sta qui di fronte al computer su cui sto scrivendo. Lo avevo comprato in Francia nei primi anni Sessanta, quando ancora non avevo mai sentito pronunciare il termine “design” né dai professori del liceo né da quelli dell’università. Addio, indimenticabile maestro

 

 

 

 

 

 

 

GIAMPIERO MUGHINI

enzo mari enzo mari enzo mari calendario perpetuo enzo mari calendario perpetuo enzo mari enzo mari enzo mari enzo mari enzo mari enzo mari enzo mari enzo mari enzo mari enzo mari enzo mari designer 1 sbp lr enzo mari designer 1 sbp lr enzo mari designer 280 enzo mari designer 280 enzo mari designer 13 enzo mari designer 13 LEA VERGINE E ENZO MARI LEA VERGINE E ENZO MARI enzo mari designer e1 enzo mari designer e1 enzo mari designer pezzini 3 enzo mari designer pezzini 3 enzo mari designer .41.56 pm enzo mari designer .41.56 pm enzo mari designer 1009 enzo mari designer 1009 enzo mari designer 38 2 enzo mari designer 38 2 enzo mari designer 34 8745 cover dscf23042 enzo mari designer 34 8745 cover dscf23042 enzo mari designer big enzo mari designer big LEA VERGINE E ENZO MARI LEA VERGINE E ENZO MARI enzo mari designer d81 enzo mari designer d81 michele enzo mari michele enzo mari enzo mari enzo mari

GAETANO PESCE 1 GAETANO PESCE 1 mario bellini mario bellini mario bellini mario bellini

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

“PIO E AMEDEO SONO DUE MALEDUCATI, NON LI HO TIRATI SU IN MACCHINA PERCHÉ NON LI HO RICONOSCIUTI” – CECCHI PAONE SCATENATO A “LA ZANZARA”: “INCITANO ALLA MORTIFICAZIONE DI CHI NON HA STRUMENTI DI DIFESA. FROCIO E FINOCCHIO A ME NON FANNO IMPRESSIONE MA PER UN RAGAZZINO DI UN PAESINO SPERDUTO È UNA FERITA NELL’ANIMA” – “L’OMOFOBIA È COME L'ANTISEMITISMO, SALVINI E MELONI SONO DUE OMOFOBI, SONO LIBERTICIDI. HO APPENA RICEVUTO UN MESSAGGIO DA UN RAGAZZINO CHE MI DICE…”

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute