ANCHE A NAPOLI RIPARTE IL TURISMO – SAN GREGORIO ARMENO, LA STRADA FAMOSA PER I NEGOZI DEI MAESTRI DEL PRESEPE, È TORNATA QUELLA DI UN TEMPO: I TURISTI SI ACCALCANO DAVANTI ALLE BOTTEGHE E GLI ALBERGHI NAPOLETANI STANNO FACENDO REGISTRARE QUASI IL TUTTO ESAURITO - GLI ARTIGIANI ORA SI PREPARANO AL MOMENTO CLOU DELL'ANNO: SE L'ANNO SCORSO I PASTORI INDOSSAVANO LA MASCHERINA, QUEST' ANNO VENGONO RITRATTI CON GREEN PASS ALLA MANO (CON TANTO DI POLEMICHE DAI NO PASS)

-

Condividi questo articolo


SAN GREGORIO ARMENO SAN GREGORIO ARMENO

Antonio Averaimo per “Avvenire”

 

È tornata la vita tra le botteghe di San Gregorio Armeno. La strada più famosa tra quelle del centro storico di Napoli, che ospita i negozi dei maestri del presepe, è di nuovo quella di un tempo. 

 

I turisti, arrivati in gran numero a Napoli già dalla scorsa estate - gli alberghi stanno facendo registrare quasi il tutto esaurito anche negli ultimi fine settimana -, sono tornati ad accalcarsi davanti alle botteghe, in cerca della statuina più adatta al loro presepe o di quella più alla moda. Già, perché in questa strada sacro e profano sono sempre stati tutt' uno. 

SAN GREGORIO ARMENO SAN GREGORIO ARMENO

 

E, se i pastori l'anno scorso indossavano la mascherina, quest' anno vengono ritratti con Green pass alla mano, col consueto seguito fatto di clamore mediatico e di polemiche da parte dei puristi del presepe che vorrebbero la rappresentazione della Natività assolutamente sganciata dall'attualità. 

 

SAN GREGORIO ARMENO SAN GREGORIO ARMENO

In ogni caso, San Gregorio Armeno è tornata quella di un tempo ed è il simbolo della ripartenza di Napoli, colpita di striscio dalla pandemia durante la prima ondata, ma centrata in pieno nel corso della seconda e della terza. Era aprile, quando i maestri del presepe napoletano diedero vita a una plateale protesta per il crollo delle vendite e le chiusure imposte dalle misure anti-Covid decise dal governo. 

 

presepe san gregorio armeno presepe san gregorio armeno

C'è il serio rischio, si disse in quell'occasione, che le 40 botteghe o buona parte di esse chiudano per lasciare spazio a rosticcerie, baretti e fast food, come già avvenuto in molte altre zone del centro storico di Napoli. I rischi temuti non sono arrivati. In compenso sono tornati in massa i turisti, che si annunciano ben più numerosi nei mesi a venire i più affollati e remunerativi per le botteghe di San Gregorio. Vicino agli artigiani partenopei, nei mesi più duri, c'è stata la Chiesa di Napoli. 

san gregorio armeno protesta san gregorio armeno protesta

 

L'arcivescovo della città, Mimmo Battaglia, favorì l'accordo fra i maestri del presepe e la Banca di credito cooperativo, che è valso loro quei prestiti agevolati che avevano chiesto ad aprile alla Regione Campania. Una immissione di liquidità che ha ridato ossigeno agli artigiani di San Gregorio, dopo mesi in cui si è andati avanti solo con l'e-commerce. 

 

SAN GREGORIO ARMENO SAN GREGORIO ARMENO

Una modalità di vendita, quest' ultima, che poco si adatta alla tradizione delle botteghe del presepe napoletano, sebbene rappresenti una nuova frontiera da esplorare (soprattutto sul fronte estero). 

 

Quello di cui non può fare a meno la strada più famosa del centro storico di Napoli sono i turisti che circolano fra le botteghe, entrano, guardano, comprano. Gli artigiani ora si preparano al momento clou dell'anno, quando la corsa al presepe che qui dura tutto l'anno - si farà più intensa in vista del Natale. Quello dell'anno scorso ormai è solo un brutto ricordo da cancellare.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - COME MAI I QUOTIDIANI DEGLI ANGELUCCI (“LIBERO” A FIRMA SECHI, “IL GIORNALE” CON MINZOLINI) HANNO SPARATO A PALLE INCATENATE CONTRO LA MELONA, DOPO LA SCONFITTA IN SARDEGNA, BEN EVIDENZIANDO I SUOI ERRORI E LA SUA ARROGANZA? - MAGARI L'ANGELUCCI FAMILY E’ SCONTENTA PER LE PROMESSE NON MANTENUTE DALLA DUCETTA? - O FORSE LE RASSICURAZIONI RICEVUTE, DOPO LA PRESA DEL SECONDO QUOTIDIANO A MILANO, SI SONO RIVELATE ARIA FRITTA? - LA CAUTELA DI SALLUSTI CHE, PER NON IRRITARE LA DUCETTA, HA LASCIATO SCRIVERE L'EDITORIALE A MINZOLINI…

DAGOREPORT - SUSSURRI MILANESI DI TERZO POLO TV: LA7 DI CAIRO, TV8 DI SKY E NOVE DEL GRUPPO WARNER BROS-DISCOVERY STANNO RAGIONANDO SULL’OPPORTUNITÀ DI CREARE UN “CARTELLO” PER ARRIVARE A PALINSESTI “RAGIONATI”, EVITANDO DI FARSI CONCORRENZA NELLE RISPETTIVE SERATE “FORTI” - FABIO FAZIO “PESCE PILOTA” PER PORTARE A NOVE ALTRI TELE-DIVI RAI (L’ARRIVO DEL DESTRISSIMO GIAMPAOLO ROSSI COME AD A VIALE MAZZINI DARÀ L’AVVIO ALLA DIASPORA DEI RANUCCI E COMPAGNI...)

DAGOREPORT! - LA SCONFITTA IN SARDEGNA AVVIA LA RESA DEI CONTI MELONI-SALVINI - DUCETTA-VENDETTA: VUOLE DISARCIONARE IL “CAPITONE” DALLA GUIDA DELLA LEGA, PER AVERE UN CARROCCIO MODERATO A TRAZIONE NORDISTA CON LA “SUPERVISIONE” DI ZAIA, FEDRIGA E GIORGETTI -  MA PER “CONQUISTARE” IL DOGE, TOCCA RISOLVERE LA GRANA DEL TERZO MANDATO: CON UNA LEGGE DI RIORDINO DEGLI ENTI LOCALI: LE REGIONI DECIDERANNO SUL NUMERO DEI MANDATI - LA ''CONCESSIONE'' CHE SI MATERIALIZZERÀ PER ZAIA SOLTANTO DOPO LA DETRONIZZAZIONE DI SALVINI DALLA GUIDA DELLA LEGA. DELLA SERIE: FRIGGERE IL “CAPITONE”, VEDERE CAMMELLO - LA CONTROMOSSA DI SALVINI: CHIEDERE AL CONSIGLIO FEDERALE DELLA LEGA UN MANDATO PER CHIARIRE LO STATO DI SALUTE DELL'ALLENZA PER POI TOGLIERE L'APPOGGIO  AL GOVERNO - QUANDO LA MELONA SI AUTO-DEFINISCE “NANA” VUOLE FAR SAPERE A SALVINI CHE CONOSCE LO SFOTTÒ CHE LUI USA PER SBERTUCCIARLA (“NANA BIONDA”) – ABRUZZO, EFFETTO TODDE: CALA IL VANTAGGIO DEL MELONIANO MARSILIO SUL CANDIDATO DEL CAMPOLARGO, D'AMICO...

DAGOREPORT - LA FESTA APPENA COMINCIATA È GIÀ FINITA? NO: MA LA SARDEGNA SARÀ L’INIZIO DELLA FINE SE LA DUCETTA NON SI FICCA NELLA TESTOLINA CHE LA POLITICA NON È “QUI COMANDO IO!” - GRAZIE A SU POPULU SARDU, IL CENTROSINISTRA UNITO HA PIÙ NUMERI DEL CENTRODESTRA A PEZZI - FINO A IERI, ALLE AVVISAGLIE DI SALVINI DI TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO, LA MELONA GHIGNAVA MINACCIANDO DI RIPORTARE LA “NAZIONE” AL VOTO. E CON LA VITTORIA DI TRUZZU, AVREBBE CAPITALIZZATO LA SUA PREMIERSHIP DA EROE DEI DUE MONDI - CON LA DISFATTA SARDA E SALVINI AL MURO, DOVE VA “IO SO’ GIORGIA E VOI NON SIETE UN CAZZO”? - SENZA IL TERZO MANDATO, ZAIA PRONTO A SCENDERE DAL CARROCCIO E ADERIRE ALLA LIGA VENETA, LA LEGA SI SPACCA. PER LA DUCETTA INIZIANO GIORNI MOLTO, MOLTO DIFFICILI…