IL COVID FA STRAGE DEI MEDICI – 184 VITTIME DALL’INIZIO DELLA PANDEMIA. BOOM DI CONTAGI - TRA SETTEMBRE E OTTOBRE I CASI POSITIVI TRA GLI OPERATORI SANITARI SONO STATI 230 AL GIORNO, 14MILA IN TOTALE - INTANTO TRA MALATI, QUARANTENATI E PREPENSIONATI, LA STRUTTURALE CARENZA DI PERSONALE MEDICO TENDE AD AGGRAVARSI...

-

Condividi questo articolo

Niccolò Carratelli Alessandro Mondo per “la Stampa”

 

medici covid medici covid

L' ultimo era un oculista. Paolo Melenchi, 57 anni di Caserta, è morto domenica. Morto di Covid, non aveva altre patologie. È il numero 184 nell' elenco, listato a lutto, pubblicato sul sito della Fnomceo, la Federazione degli ordini dei medici. Ci sono i nomi delle vittime di questa epidemia, spesso caduti in servizio, contagiati sul luogo di lavoro.

 

Cinque nell' ultimo mese, travolti dalla seconda ondata del virus. Più di 14mila, invece, i medici e gli infermieri infettati tra settembre e ottobre, con il ritmo impressionante di 230 al giorno.

 

Il totale degli operatori sanitari risultati positivi da febbraio a oggi, secondo i dati dell' Istituto superiore di Sanità, supera quota 44mila. «Circa il 70% sono infermieri, siamo la categoria più esposta, perché ha contatti più prolungati con i malati», spiega Antonio De Palma, presidente del sindacato Nursing Up, che però non ha dati aggiornati sui morti, ufficialmente fermi a 44.

 

medici covid medici covid

«Sicuramente sono di più, basta leggere il numero in rapporto ai contagiati - dice - non sono calcolati quelli deceduti prima dell' arrivo dei tamponi e poi fatichiamo ad avere i dati dalle regioni». Di certo dopo l' estate la situazione è cambiata, con una mortalità più bassa, ma non per questo è meno preoccupante.

 

«A livello di sicurezza stiamo meglio rispetto alla prima fase, quando non avevamo nemmeno le mascherine - dice Filippo Anelli, presidente della Fnomceo - anche se ci arrivano segnalazioni su eccessi di burocrazia da parte delle Asl, che centellinano la distribuzione dei dispositivi». Ma il problema principale, oggi, è «la carenza di personale e il conseguente sovraccarico di lavoro, con turni massacranti».

 

Del resto, chi risulta positivo finisce in quarantena e deve abbandonare i propri pazienti, com' è successo ai 20 infermieri e un medico risultati positivi all' ospedale Sacco di Milano. Mentre chi è solo un contatto stretto di un soggetto positivo può, anzi spesso deve, restare in servizio. È sufficiente che sia asintomatico per continuare a lavorare come se niente fosse: per medici e infermieri l' isolamento fiduciario non vale. O meglio vale per le ore della giornata in cui non sono impegnati in reparto.

medici covid medici covid

 

«È una questione delicata, su cui ci siamo scontrati con il ministero - dice Carlo Palermo, segretario del sindacato dei medici Anaao Assomed - per tenere in piedi il sistema e non dover chiudere interi reparti, si rischia di trasformare i luoghi di cura in luoghi di contagio. Così gli operatori sanitari possono mettere a rischio pazienti e colleghi».

 

Anche per questo i più anziani puntano alla pensione, anticipando un po' i tempi: «Chi magari ha la possibilità di sfruttare quota 100, stanco e stressato dopo la prima ondata, ne approfitta», spiega Palermo. Insomma, tra malati, quarantenati e prepensionati, la strutturale carenza di personale tende ad aggravarsi invece che a ridursi grazie alle nuove assunzioni.

 

«I contagi tra i medici depauperano organici già allo stremo, per questo è necessario che vengano sospese le attività ordinarie non urgenti e non salvavita», dice Chiara Rivetti, segretario regionale Anaao Assomed Piemonte. I dati in arrivo dalle aziende sanitarie piemontesi sono eloquenti.

 

covid lazio covid lazio

Nell' Asl Città di Torino, dal primo settembre, 154 positivi su 6 mila dipendenti: 65 tra medici e specializzandi, più 72 infermieri e una quarantina di altri operatori. All' ospedale Mauriziano in due mesi si sono contagiati 13 medici e 23 infermieri.

 

E poi una settantina di dipendenti nell' Asl Torino 5 e altrettanti al San Luigi. «Purtroppo gli ospedali stanno tornando a essere focolai, come a marzo - avverte Francesco Coppolella, segretario regionale Nursind Piemonte, sindacato degli infermieri - senza considerare i colleghi che, pur essendo sintomatici, non riescono ancora a fare il tampone».

D614G - LA MUTAZIONE DEL COVID 19 D614G - LA MUTAZIONE DEL COVID 19 D614G - LA MUTAZIONE DEL COVID 19 D614G - LA MUTAZIONE DEL COVID 19 D614G - LA MUTAZIONE DEL COVID 19 D614G - LA MUTAZIONE DEL COVID 19 D614G - LA MUTAZIONE DEL COVID 19 D614G - LA MUTAZIONE DEL COVID 19

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

SALVA STATI O SALVA BANCHE? – LA RIFORMA DEL MES DI CUI SI PARLA IN QUESTI GIORNI RIGUARDA PRINCIPALMENTE GLI ISTITUTI DI CREDITO (DEGLI ALTRI) E NON C’ENTRA NIENTE CON IL MECCANISMO “SANITARIO” – IL RISCHIO PRINCIPALE A CUI HANNO ALLUSO GALLI E VISCO (MICA BORGHI & BAGNAI) È AVVICINARE UNA RISTRUTTURAZIONE “ALLA GRECA” DEL DEBITO PUBBLICO. IL MES E LA COMMISSIONE EUROPEA AVREBBERO IL COMPITO DI MONITORARE PREVENTIVAMENTE LA SITUAZIONE FINANZIARIA DEGLI STATI MEMBRI, INDIPENDENTEMENTE DALLE RICHIESTE DI SOSTEGNO…

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute