QUELLI PIÙ UGUALI DEGLI ALTRI - AVVOCATI, MAGISTRATI, DOCENTI: OGNI REGIONE HA I SUOI "FAVORITI" PER IL VACCINO VISTO CHE I GOVERNATORI DECIDONO IN AUTONOMIA LE CORSIE PREFERENZIALI - IN SICILIA GLI AVVOCATI SONO RIUSCITI A FARSI CONSIDERARE "CATEGORIA A FORTE RISCHIO", PASSANDO DAVANTI AGLI ULTRA-75ENNI - LA LOMBARDIA FA LITIGARE SCUOLA E UNIVERSITÀ - SGOMITANO I MAGISTRATI…

-

Condividi questo articolo


vaccino covid 2 vaccino covid 2

Diodato Pirone per "il Messaggero"

 

Nel Paese delle corporazioni l' una contro l' altra armate e del lei non sa chi sono io non poteva non scoppiare una guerra civile a bassa frequenza anche sui vaccini.

Al grido prima a me l' Italia sembra marciare unita come mai, dalla Lombardia alla Sicilia, per rivendicare una corsia preferenziale alla fiala. A Milano a far scoppiare il putiferio è stata una delle incredibili lentezze di una Regione che sembra aver smarrito lo smalto dell' efficienza meneghino.

 

prenotazione vaccino covid 8 prenotazione vaccino covid 8

Pur conservando gelosamente nei suoi frigo ben 356.000 vaccini sul milione consegnato, Regione Lombardia ha deciso di dividere in figli e figliastri gli addetti all' istruzione iniziando a vaccinare il personale delle Università prima di quello dei licei e delle primarie. Non l' avesse mai fatto! I sindacati si sono subito inalberati, per non parlare dei bidelli e degli impiegati delle scuole primarie e secondarie. I giornali locali sono stati inondati da lettere di protesta: prof. di liceo contro baroni, presidi contro rettori.

 

Risultato? Tutto fermo. A ieri sera in tutta la Lombardia risultavano vaccinati la bellezza di 516 professori (sempre di più dei 139 della Sardegna, ma è una magra consolazione) contro i risultati napoleonici raggiunti nel frattempo dalle Regioni terrone: 50.794 prof. somministratati in Campania, 31.358 in Puglia; 26.288 nel Lazio; 18.471 in Sicilia.

vaccino covid 3 vaccino covid 3

 

Già, la Sicilia. Qui lo scontro fra categorie sulle vaccinazioni è una zuffa di tutti contro tutti.

Gli avvocati hanno ufficialmente chiesto a Palazzo delle Aquile di essere considerati una categoria a forte rischio. E la Regione Sicilia (peraltro in compagnia di Toscana e Lombardia) ha accettato. «E allora noi che cosa siamo carne da macello?», è il senso di una piccatissima mail spedita alla Regione (e ai giornali) da Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil a nome delle migliaia di commessi dei supermercati e dei negozi.

 

Missiva letta anche dai consiglieri regionali siciliani che ovviamente hanno chiesto anche loro - nonostante la dura opposizione degli eletti 5Stelle - di essere inseriti negli elenchi dei servizi essenziali cui assicurare l' immediata vaccinazione.

vaccino covid 1 vaccino covid 1

 

Che incauti, questi avvocati siciliani. Loro malgrado hanno finito per aprire un feroce conflitto all' interno della loro stessa categoria. Perché il Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Roma ha scritto al ministero della Giustizia di «riportare un minimo di razionalità nella schizofrenia delle Regioni» per cui gli avvocati siciliani, toscani e lombardi sembrano aver acquisito un diritto in più rispetto ai loro colleghi delle altre 17 Regioni.

 

Che tutto questo ambaradam sia incostituzionale? La domanda non sfiora i notai che hanno fatto ufficialmente presente al ministero della Sanità la pericolosità del loro delicato lavoro che li espone a molti incontri in luoghi chiusi. Ma anche i giornalisti pugliesi non sono da meno. Sono quasi tutti in smart working ma hanno chiesto alla loro Regione di essere vaccinati immediatamente in quanto servizio essenziale, al pari di forze dell'ordine, forze armate e insegnanti. Altre categorie che si distinguono nello sgomitìo corporativo?

vaccino covid 4 vaccino covid 4

 

Un posto d' onore spetta ai magistrati. Sono già stati inseriti nella «corsia preferenziale della profilassi», traduzione burocratese del privilegio, ma anche qui le falangi della categoria hanno perso pezzi: chissà perché i magistrati tributari sono stati esclusi dalla corsa al vaccino a differenza dei loro colleghi ordinari, amministrativi, contabili e militari. E naturalmente i tributari strillano.

 

Abbastanza inutilmente, però, perché i vaccini restano un miraggio irraggiungibile e quei pochi disponibili alcune Regioni se li tengono ben stretti nei loro frigoriferi. Per incapacità? O perché ai presidenti di Regione piace scegliere fior da fiore quale corporazione privilegiare?

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

MA DOVE STA ZHANG ZHANG? - IL 32ENNE IMPRENDITORE CINESE, DAL 2018 AZIONISTA DI MAGGIORANZA DELL’INTER, NON SI VEDE IN GIRO DA UN ANNO. NON ERA A MILANO NEMMENO PER LA FESTA SCUDETTO. LA VERITÀ È CHE ZHANG NON PUÒ LASCIARE LA CINA DA OLTRE UN ANNO PER LA CONDANNA DEL TRIBUNALE DI HONG KONG A RISARCIRE CHINA CONSTRUCTION BANK E ALTRI CREDITORI DI 320 MILIONI - A QUESTO PUNTO, NON CI VUOLE IL MAGO OTELMA PER SCOPRIRE IL MOTIVO PER CUI IL MEGA-FONDO AMERICANO PIMCO SI SIA RITIRATO DAL FINANZIAMENTO DI 430 MILIONI DI EURO A UN TIPINO INSEGUITO DAI TRIBUNALI, A CUI PECHINO NON RILASCIA IL VISTO PER ESPATRIARE, COME MISTER ZHANG…

DAGOREPORT - LORO SI' CHE LO SANNO BENE: SECONDO IL "CANALE 12" DELLA TV ISRAELIANA RAISI È MORTO - DIFFICILE PRENDERE SUL SERIO TEHERAN CHE AFFERMA CHE L'ELICOTTERO CON A BORDO IL PRESIDENTE IRANIANO HA AVUTO UN "INCIDENTE" IN AZERBAIGIAN A CAUSA DEL ''MALTEMPO'' (UN CONVOGLIO DI TRE ELICOTTERI E SOLO QUELLO CON RAISI E' ANDATO GIU'?) - I MEDIA IRANIANI, PER ORA, PARLANO DI "VITA IN PERICOLO" - L'IRAN NON E' DECAPITATO FINCHE' CI SARA' SARA' L’AYATOLLAH KHAMENEI CHE SCEGLIERA' IL SUCCESSORE DEL FEDELISSIMO RAISI. E PER ORA SI LIMITA A DIRE: "SPERIAMO CHE TORNI, MA NON CI SARANNO INTERRUZIONI" - COME E' ACCADUTO CON L'ATTENTATO ALLA SEDE DIPLOMATICA IRANIANA IN SIRIA, DIETRO L"INCIDENTE" C'E' NETANYAHU? (FINCHE' C'E' GUERRA, C'E' SPERANZA DI RESTARE AL POTERE) - PROPRIO IERI IL MINISTRO DEL GABINETTO DI GUERRA BENNY GANTZ, VICINISSIMO A BIDEN AVEVA AVVISATO IL PREMIER NETANYAHU: "PIANO SU GAZA ENTRO L'8 GIUGNO O LASCIAMO IL GOVERNO"

DAGOREPORT - FERMI TUTTI! SECONDO UN SONDAGGIO RISERVATO, LA CANDIDATURA DEL GENERALE VANNACCI POTREBBE VALERE FINO ALL’1,8% DI CONSENSI IN PIÙ PER LA LEGA SALVINIANA. UN DATO CHE PERMETTEREBBE AL CARROCCIO DI RESTARE SOPRA A FORZA ITALIA - A CICCIO TAJANI È PARTITO L’EMBOLO. COSÌ QUEL MERLUZZONE DEL MINISTRO DEGLI ESTERI SI È TRASFORMATO IN PIRANHA: HA MESSO AL MURO LA MELONI, MINACCIANDO IL VOTO DI SFIDUCIA SE LA SEPARAZIONE DELLE CARRIERE DEI MAGISTRATI, LEGGE SIMBOLO DEL BERLUSCONISMO, NON VIENE APPROVATA PRIMA DELLE ELEZIONI EUROPEE...

INTER-ZHANG: GAME OVER? IL PRESIDENTE NON PUÒ LASCIARE LA CINA E STA COMBATTENDO IL WEEKEND PIÙ DURO DELLA SUA VITA PER NON PERDERE ANCHE L’INTER. BALLA IL PRESTITO DA 375 MILIONI CHE ZHANG DEVE RESTITUIRE A OAKTREE. IL FONDO PIMCO SI ALLONTANA - SE LA TRATTATIVA PER UN NUOVO FINANZIAMENTO NON SI SBLOCCA ENTRO LUNEDÌ, OAKTREE SI PRENDERA’ IL CLUB. UNA SOLUZIONE CHE SAREBBE MOLTO GRADITA AL DG MAROTTA. FORSE IL DIRIGENTE SPORTIVO PIÙ POTENTE D’ITALIA HA GIÀ UN ACQUIRENTE? O FORSE SA CHE...