C’ERA UNA VOLTA FORMENTERA – L’ISOLA DELLE BALEARI CHE OSPITAVA OGNI ANNO MIGLIAIA DI TURISTI ITALIANI È SEMIDESERTA: I RISTORATORI DENUNCIANO PERDITE FINO ALL’80% RISPETTO AL 2019 DOPO CHE IL PICCOLO PARADISO NEL CUORE DEL MEDITERRANEO È STATO “ABBANDONATO” DA CHI PER PAURA HA OPTATO PER METE DI VACANZA IN ITALIA – MA SE IN SPAGNA LA SITUAZIONE CORONAVIRUS FA PAURA, SULL’ISOLA…

-

Condividi questo articolo

Raccardo Caponetti per "www.repubblica.it"

 

formentera 13 formentera 13

Era La Isla che più di tutte parlava italiano, Formentera. Nell’estate del post Covid invece non è così e la lingua del Belpaese non è più quella predominante. «Gli spagnoli e i francesi sono in aumento. Il numero degli italiani, per i dati che ho io, è calato in modo drastico», spiega Fabio Molino, che da quindici anni cura le pubbliche relazioni e gestisce ogni tipo di servizio sull’isola.

 

formentera 4 formentera 4

Niente calciatori, ancora impegnati in campo, e pochi personaggi dello spettacolo, ma soprattutto un numero ridottissimo di persone dall’Italia. Con pesanti conseguenze a livello economico per i lavoratori del posto. «Il turismo italiano è quello più importante, lo riconoscono anche gli abitanti locali. Noi ci stiamo salvando, ma stimiamo di avere una perdita del 70% rispetto all’anno scorso», racconta Matteo Martelli, proprietario de 'A Mi Manera', ristorante che si trova sia a Formentera che a Ibiza e che gestisce insieme al socio Marco De Micheli.

formentera 5 formentera 5

 

«Abbiamo ampi spazi all’aria aperta e la gente si fida, siamo fortunati e stiamo risorgendo dopo mesi difficili». Le perdite sono tante anche per Francesco Sassi di 'Ugly Box' a Es Pujol, la zona più frequentata dai ragazzi. «Abbiamo un incasso che è inferiore dell’85%. Inoltre credo che non sia il massimo, a livello sanitario, far abbassare le serrande a tutti alla stessa ora: così facendo tante persone si alzano insieme e si radunano in spiaggia». […]

 

formentera 1 formentera 1

La principale ragione del mancato afflusso è la legittima - e rispettabile - paura delle persone, che si sentono più sicure nel proprio paese. Anche se Formentera «è uno dei posti più sicuri al mondo», assicura Davide, proprietario del 'Rigatoni', vera istituzione del posto. «Questa è la prima isola a essere passata nella fase 2. Possiamo contare sulle dita di una mano i casi di Coronavirus che abbiamo registrato. Inoltre qui non c’è un’unita intensiva, dunque appena si rintraccia un positivo viene mandato subito a Ibiza».

formentera 6 formentera 6

 

Così mentre in altre zone della Spagna continentale la situazione torna a essere delicata, a Formentera si respira tranquillità. Al momento il pericolo sembra essere molto a largo dalle acque cristalline dell'isola. Dove le norme vengono fatte rispettare con rigidità in conformità con la linea di prudenza adottata dalle istituzioni delle Baleari.

 

formentera 13 formentera 13

La mascherina viene fatta indossare ovunque, anche nelle passerelle che portano alle spiagge. «Mi raccomando tenetela sempre, ieri sono venuti in sette a controllarmi», raccomanda ai suoi clienti Pablo del Chiringuito di Migjorn. I locali hanno una capienza limitata, ci sono in terra percorsi diversi e non si entra nei negozi senza aver messo il gel sulle mani. È un’altra Formentera rispetto agli anni scorsi. […]

formentera 12 formentera 12 formentera 2 formentera 2 formentera 10 formentera 10 formentera 11 formentera 11 formentera 3 formentera 3 formentera 8 formentera 8

 

playa de ses illetes, formentera, balearic islands, spain playa de ses illetes, formentera, balearic islands, spain 43. formentera, spagna 43. formentera, spagna sonia bruganelli a formentera sonia bruganelli a formentera formentera 9 formentera 9

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY


media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

“SERVE IL LOCKDOWN A MILANO, GENOVA, TORINO E NAPOLI” - WALTER RICCIARDI: “LA SEMPLICE RACCOMANDAZIONE A NON MUOVERSI DI CASA RIDUCE DEL 3% L'INCIDENZA DEI CONTAGI, IL LOCKDOWN DEL 25%. SE A QUESTO ACCOPPIAMO LO SMART WORKING, CHE VALE UN ALTRO 13% E IL 15% DETERMINATO DALLA CHIUSURA DELLE SCUOLE SI ARRIVA A QUEL 60% CHE SERVE PER RAFFREDDARE L'EPIDEMIA - IL RINVIO DI RICOVERI E INTERVENTI STA FACENDO AUMENTARE DEL 10 PER CENTO LA MORTALITÀ PER MALATTIE ONCOLOGICHE E CARDIOVASCOLARI”

salute