ALT: I FARMACI SCADUTI NON FANNO MALE – MELANIA RIZZOLI: “NON DIVENTANO INEFFICACI NÉ POTENZIALMENTE DANNOSI IL GIORNO DOPO LA DATA DI SCADENZA. IL PRINCIPIO ATTIVO DEL 95% DI QUESTI PRODOTTI RESTA STABILE PER OLTRE UN ANNO, ED IL 25% RIMANE ATTIVO ANCHE OLTRE I QUATTRO ANNI. LA STABILITÀ DELLE FORMULAZIONI SOLIDE È NATURALMENTE PIÙ DUREVOLE DEI MEDICAMENTI LIQUIDI. LE UNICHE ECCEZIONI PER LE QUALI È TASSATIVO RISPETTARE LA DATA DI SCADENZA SONO I…”

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Melania Rizzoli per “il Giornale”

 

farmaci farmaci

[…] Ma i farmaci scadono, e cosa accade se inavvertitamente se ne assume uno? Non succede nulla perché non c'è alcun pericolo. I medicamenti non diventano inefficaci né potenzialmente dannosi il giorno dopo la data di scadenza, poiché è stato dimostrato che il principio attivo del 95% di questi prodotti resta stabile per oltre un anno, ed il 25% rimane attivo anche oltre i quattro anni.

melania rizzoli 3 melania rizzoli 3

 

La stabilità delle formulazioni solide è naturalmente più durevole dei medicamenti liquidi (sciroppi, colliri, gocce) che presentano all'interno alcuni conservanti e vanno consumati una volta aperti, per il rischio di contaminazione, mentre le compresse, le capsule, le tavolette, se conservate in luoghi asciutti, a temperature stabili, lontane da fonti luminose dirette, non perdono la loro efficacia anche ad anni di distanza dalla data di scadenza indicata, la quale viene di solito definita in maniera arbitraria dal produttore, garantendo però che la qualità e la potenza del farmaco rimangano sempre uguali tra la produzione e la scadenza.

 

farmaci farmaci

Quest'ultima infatti, una volta superata, non stabilisce affatto la data di inefficacia o il potenziale dannoso del farmaco, ma la stabilità garantita, anche se tutti i farmaci solidi testati in una analisi a distanza record dalla data riportata sulle confezioni, condotta dalla FDA (Food and Drug Amministration) nel 2016, sono risultati in possesso del loro principio attivo con prolungato effetto ad agire in oltre il 95% dei casi.

melania rizzoli 4 melania rizzoli 4

 

[…] Le uniche eccezioni per le quali è tassativo rispettare la data di scadenza sono i farmaci a basso indice terapeutico, nei quali anche piccole diminuzioni di attività farmacologica possono provocare ripercussioni sulla patologia del paziente, come gli anti-convulsivi, gli anti-coagulanti, gli ormoni tiroidei, i contraccettivi orali, la teofillina e la digitale, mentre per tutti gli altri i tempi di assunzione si allungano fino anche a 6 anni, come per l'aspirina, testata da diverse compagnie farmacologiche, che ha dimostrato la perfetta conservazione del suo Acido AcetilSalicilico in tutte le sue proprietà anche dopo 10 anni.

 

pseUdoefedrina farmaco contro influenza pseUdoefedrina farmaco contro influenza

Ogni anno negli Usa vengono buttati nella spazzatura oltre 7 miliardi di dollari in farmaci scaduti, mentre altri Stati li donano a scopo compassionevole nei casi di indigenza e povertà, sicuri della loro efficacia e dei test di sicurezza scientificamente approvati. Insomma, il farmaco che scade non invecchia, per cui pensiamoci bene prima di buttare via una confezione di antibiotico o antidolorifico scaduto da tre mesi, soprattutto durante le festività, per evitare corse notturne in farmacia per sedare il dolore e l'ansia di peggiorare, ed assumere quel farmaco senza timore di correre rischi.

placebo farmaco placebo farmaco melania rizzoli foto di bacco (3) melania rizzoli foto di bacco (3) melania rizzoli foto di bacco (2) melania rizzoli foto di bacco (2) MELANIA RIZZOLI MELANIA RIZZOLI rincaro farmaci 2 rincaro farmaci 2

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! - A TORINO, PER IL DOPO PALENZONA ALLA PRESIDENZA DI CRT, SI STANNO SONDANDO LE ISTITUZIONI SUL NOME DI MICHELE VIETTI, MAGISTRATO EX-CSM, OGGI DISOCCUPATO. UN NOME CHE È GRADITO AL SINDACO DI TORINO, STEFANO LORUSSO, CHE NON HA MAI SOPPORTATO LA PRESENZA E SOPRATTUTTO LA DISUBBIDIENZA DI PALENZONA - A DAR VOCE ALLA CANDIDATURA DI VIETTI C'È LA DI LUI CONSORTE, CATERINA BIMA, CHE RICOPRE IL RUOLO DI VICE PRESIDENTE DI CRT ED È STATA TRA GLI OPPOSITORI DELLA GESTIONE PALENZONA...

DAGOREPORT - CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E NELLE ISOLE - ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD - ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…) - ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO - ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGIE...

DAGOREPORT: 100 SCALFARI MENO UNO - NON È SOLTANTO TELE-MELONI A CENSURARE GLI SCRITTORI: C'E' ANCHE IL GRUPPO GEDI – IL LIBRO SUL CENTENARIO DI SCALFARI CURATO DA SIMONE VIOLA, NIPOTE DI EUGENIO, IN EDICOLA INSIEME A ‘’REPUBBLICA’’, SQUADERNA CENTO INTERVENTI DI ALTRETTANTI TESTIMONIAL, TRANNE QUELLO INNOCUO E DEL TUTTO PERSONALE DI GIOVANNI VALENTINI, EX DIRETTORE DELL’ESPRESSO - LE SUE CRITICHE, MANIFESTATE SUL "FATTO QUOTIDIANO" SULL’OPERAZIONE “STAMPUBBLICA” E POI NEL SUO LIBRO SULLA PRESA DI POSSESSO DEL GIORNALE DA PARTE DI ELKANN, GLI VALGONO L’OSTRACISMO E LA DAMNATIO MEMORIAE – IL TESTO CENSURATO…

DAGOREPORT –  PER SALVARE IL "CAMERATA" ROSSI, PROSSIMO A.D. RAI, UNA MELONI INCAZZATISSIMA VUOLE LA TESTA DEL COLPEVOLE DEL CASO SCURATI PRIMA DEL 25 APRILE: OGGI SI DECIDE IL SILURAMENTO DI PAOLO CORSINI, CAPO DELL'APPROFONDIMENTO (DESTINATO AD ESSERE SOSTITUITO DOPO LE EUROPEE DA ANGELA MARIELLA, IN QUOTA LEGA) – SERENA BORTONE AVEVA PROVATO A CONTATTARE CORSINI, VIA TELEFONO E MAIL, MA SENZA RICEVERE RISPOSTA - ROSSI FREME: PIÙ PASSA IL TEMPO E PIU’ SI LOGORA MA LA DUCETTA VUOLE LE NOMINE RAI DOPO IL VOTO DEL 9 GIUGNO SICURA DEL CROLLO DELLA LEGA CON SALVINI IN GINOCCHIO…)