ALTRO CHE MARZIANO A ROMA, TOM CRUISE HA ROTTO IL C… - PAZIENTI COVID STIPATI NELLA SALA D'ATTESA DEL POLICLINICO UMBERTO I PERCHÉ L'OSPEDALE È STATO AFFITTATO PER LE RIPRESE DI ''MISSION IMPOSSIBLE'' - IL RACCONTO DI UNA PAZIENTE A ''TPI'': ''UNO È STATO 3 GIORNI IN QUESTA SALA PRIMA DI PASSARE FINALMENTE AL REPARTO CON L’OSSIGENO. DA DOMENICA NON L’HA GUARDATO NESSUNO E AVEVA LA FEBBRE A 39 E MEZZO E DIFFICOLTÀ RESPIRATORIE''

-

Condividi questo articolo

 

Veronica Di Benedetto Montaccini per www.tpi.it

 

PAZIENTI COVID IN SALA D ATTESA UMBERTO I CAUSA TOM CRUISE PAZIENTI COVID IN SALA D ATTESA UMBERTO I CAUSA TOM CRUISE

Pazienti Covid stipati in sala d’attesa perché metà dell’ospedale è stato affittato per le riprese della saga Mission Impossible con Tom Cruise. Succede al Policlinico Umberto I di Roma dove da giorni i malati di Coronavirus sono costretti a “dormire in letti di fortuna e ad andare nel bagno pubblico”, come racconta a TPI C., una ragazza ricoverata. Come si vede nella foto, le persone sono tutte ravvicinate in una sala comune e qualcuno dorme su poltrone con le rotelle.

 

tom cruise al policlinico tom cruise al policlinico

“Uno dei pazienti è stato 3 giorni in questa sala – ci spiega C. – prima di passare finalmente al reparto con l’ossigeno. Da domenica non l’ha guardato nessuno e aveva la febbre a 39 e mezzo e difficoltà respiratorie”. La situazione è davvero surreale all’interno dell’ospedale, perché mentre a pochi metri di distanza è stato ricreato l’intero set del film, nella sala d’attesa i letti non bastano: “La persona che adesso hanno intubato è stata costretta ad andare al bagno pubblico tenendo la porta con una mano e con l’altra la poltrona, perché non ci sono per tutti”, dice C.

 

Mission Impossible e problemi nell’ospedale

Le riprese del film Mission Impossible, ultimo episodio della celebre saga cinematografica erano da programma lo scorso marzo, ma sono state necessariamente rimandate ad ottobre a causa dell’emergenza Coronavirus, che ne ha impedito la realizzazione. Da quanto si apprende la produzione americana ha previsto severe misure anti Covid-19, per permettere agli attori e allo staff di lavorare in sicurezza nonostante l’epidemia e i contagi in crescita in città. L’uscita del film nelle sale cinematografiche al momento è prevista a novembre 2022.

 

tom cruise a roma tom cruise a roma

Nonostante le severe misure di sicurezza, il set del nuovo film sta creando però diversi problemi all’Umberto I, il luogo dove si stanno girando numerose scene del film. Il problema è che all’interno della struttura – come riporta anche Repubblica – ci sono 140 malati di Covid-19 “poco distanziati” dalla numerosa troupe hollywoodiana.

tom cruise a roma per mission impossible 7 tom cruise a roma per mission impossible 7 tom cruise a roma per mission impossible 7 tom cruise a roma per mission impossible 7 haley atwell tom cruise mission impossible 7 haley atwell tom cruise mission impossible 7

 

Condividi questo articolo

media e tv

INNAMORATE DI UN BANCOMAT DAL VOLTO DISUMANO - SARA CROCE: ''HORMOZ VASVI MI TRATTAVA COME UNA REGINA. REGALI, VIAGGI. POI SI È RIVELATO ORRENDO. UNA VOLTA ERO INDISPOSTA E NON POTEVO ASSECONDARLO, MI TRATTÒ MALISSIMO. ORA L'HO DENUNCIATO PER STALKING DOPO I 450 MESSAGGI MANDATI A MIO ZIO IN CUI DICEVA…'' - LORY DEL SANTO: "MILIARDARI CHE CHIEDONO INDIETRO I REGALI? E' SUCCESSO ANCHE A ME - NON L'HO MAI RACCONTATO MA UNA VOLTA SONO STATA ABUSATA UNA INTERA NOTTE IN UNA STANZA DALL'ALBERGO. PICCHIATA E TORTURATA. NON HO DENUNCIATO, PERCHE'…''

politica

business

IL VACCINO ALLA VACCINARA – IL DUPLEX ITALO-SVIZZERO SPALLANZANI-REITHERA È CONVINTISSIMO CHE L’ANTI-COVID POSSA CREARSI CON COMUNICATI STAMPA E BALLE ASSORTITE – SONO INDIETRO NELLA PRODUZIONE? CERTO: LE ALTRE 8 MULTINAZIONALI (PFIZER, ASTROZENECA, MODERNA, ETC) NON SONO PRUDENTI COME NOI (SIC!) – POI ARRIVA IL CENTRO CLINICO DI VERONA, CHE HA PRESO IN CARICO LA SPERIMENTAZIONE SPALLANZANI-REITHERA, E PRECISA: “IL VACCINO SARÀ PRONTO PER NATALE 2021” - (NON AVETE LETTO MALE: NATALE 2021!)

cronache

sport

cafonal

viaggi

CI SCRIVE TRENITALIA E AMMETTE CHE LE ESIGENZE DI MOBILITÀ DEL PERIODO NATALIZIO ''NON POSSONO ESSERE SEMPLICEMENTE RIMODULATE SULLA BASE DELLE ESPERIENZE DEGLI ANNI PASSATI, MA IMPONGONO UNA APPROFONDITA VALUTAZIONE DEL MUTATO CONTESTO''. QUINDI QUEST'ANNO I BIGLIETTI PER I TRENI NATALIZI SARANNO DISPONIBILI ''A PARTIRE DAGLI INIZI DI NOVEMBRE'', CON VARIE SETTIMANE DI RITARDO RISPETTO AL SOLITO. SEMPRE CHE IN QUESTI GIORNI NON SIA IL GOVERNO A SCONVOLGERE I PIANI DI VIAGGIO DEGLI ITALIANI…

salute

OPINIONI CONTROCORRENTE - BECCHI E ZIBORDI: SOLO TRUMP HA CAPITO CHE I LOCKDOWN SONO ANTISCIENTIFICI E DISTRUGGONO INUTILMENTE MILIONI DI VITE: IN CALIFORNIA MUORE UNA PERSONA A SETTIMANA DI CORONAVIRUS (10MILA PER ALTRE CAUSE) EPPURE BLOCCANO TUTTO - MEDICI SCETTICI SULL'EFFICACIA DELLE MASCHERINE NON FFP2, SOPRATTUTTO ALL'APERTO - I MORTI SONO 80-90ENNI CON PATOLOGIE PREGRESSE, QUINDI BISOGNA TENERLI AL RIPARO DAL CONTAGIO, MENTRE GLI ALTRI DOVREBBERO CONTINUARE A VIVERE E LAVORARE - NEL 57-58 L'ASIATICA FECE IL TRIPLO DELLE VITTIME MA FU L'ANNO DEL BOOM ECONOMICO PERCHÉ...