E ANDIAMO DI TINTARELLA! – I RAGGI ULTRAVIOLETTI FERMANO IL CORONAVIRUS: LO CONFERMANO I RICERCATORI DELL’UNIVERSITÀ DI MILANO E DELL’IRCCS FONDAZIONE DON GNOCCHI CHE HANNO SCOPERTO COME SIA SUFFICIENTE UNA DOSE MOLTO PICCOLA PER INATTIVARE E INIBIRE LA RIPRODUZIONE DEL VIRUS, INDIPENDENTEMENTE DALLA SUA CONCENTRAZIONE – E IN AUTUNNO? QUALCHE LAMPADA E PASSA LA PAURA…

-

Condividi questo articolo

Annalisa Tellini per "focustech.it"

 

ABBRONZATURA 3 ABBRONZATURA 3

La radiazione UV-C, quella tipicamente prodotta da lampade a basso costo al mercurio ha un’ottima efficacia nel neutralizzare il coronavirus SARS-COV-2. Lo conferma uno studio sperimentale multidisciplinare effettuato da un gruppo di ricercatori, dell’Istituto Nazionale di Astrofisica, dell’Università Statale di Milano, dell’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano  e dell’IRCCS Fondazione Don Gnocchi.

abbronzatura sbagliata faccia 3 abbronzatura sbagliata faccia 3

 

“Gli studi effettuati sono di grande rilievo nell’ambito del contrasto alla pandemia da COVID-19 e dimostrano come l’approccio multidisciplinare condotto da ricercatori di Istituti diversi possa portare a eccellenti risultati”, spiega Mario Clerici, docente di Patologia generale all’Università Statale di Milano e direttore scientifico dell’IRCCS.

 

La dose giusta di raggi ultravioletti che inattiva il covid

È noto il potere germicida della luce UV-C su batteri e virus, una proprietà dovuta alla sua capacità di rompere i legami molecolari di DNA e RNA che costituiscono questi microorganismi. Diversi sistemi basati su luce UV-C sono già utilizzati per la disinfezione di ambienti e superfici in ospedali e luoghi pubblici.

 

ABBRONZATURA 1 ABBRONZATURA 1

Tuttavia, per quanto spesso questa tecnologia venga richiamata pubblicamente a livello internazionale anche per la lotta alla diffusione della pandemia da COVID-19, una misura diretta della dose di raggi UV necessaria per rendere innocuo il virus non era stata ancora effettuata.

 

“Abbiamo illuminato con luce UV soluzioni a diverse concentrazioni di virus e abbiamo trovato che è sufficiente una dose molto piccola, per inattivare e inibire la riproduzione del virus, indipendentemente dalla sua concentrazione”, spiega Mara Biasin, docente di Biologia Applicata dell’Università Statale di Milano.

lampada abbronzante lampada abbronzante

 

“Con dosi così piccole è possibile attuare un’efficace strategia di disinfezione contro il coronavirus. Questo dato sarà utile a imprenditori e operatori pubblici per sviluppare sistemi volti a contrastare lo sviluppo della pandemia”, aggiunge Andrea Bianco, tecnologo INAF.

 

Il ruolo del sole nell’evoluzione del Covid

Il risultato ottenuto è molto importante al fine comprendere come gli ultravioletti prodotti dal sole possano incidere sulla pandemia, inattivando in ambienti aperti il virus. In questo caso ad agire non sono i raggi ultravioletti corti UV-C, bensì i raggi UV-B e UV-A.

ABBRONZATURA PERFETTA ABBRONZATURA PERFETTA

 

In estate, specialmente nelle ore più calde, bastano pochi minuti perché la luce ultravioletta del sole riesca a rendere inefficace il virus. “Il nostro studio sembra spiegare molto bene come la pandemia si sia sviluppata con più potenza nell’emisfero nord della Terra durante i primi mesi dell’anno; e ora stia spostando il proprio picco nei Paesi dell’emisfero sud, dove sta già iniziando l’inverno, attenuandosi invece nell’emisfero nord”, aggiunge Fabrizio Nicastro, ricercatore INAF.

 

abbronzatura sbagliata 5 abbronzatura sbagliata 5

Le attività intraprese da INAF contro la pandemia sono iniziate lo scorso marzo su specifico impulso del ministero di Università e Ricerca. Le tecnologie e le competenze sviluppate in ambito astrofisico trovano ora applicazione e grande utilità per la società civile e sono utili al mondo imprenditoriale.

abbronzatura sbagliata 9 abbronzatura sbagliata 9 abbronzatura sbagliata faccia abbronzatura sbagliata faccia abbronzatura sbagliata faccia 2 abbronzatura sbagliata faccia 2 abbronzatura sbagliata 6 abbronzatura sbagliata 6

 

Condividi questo articolo

media e tv

SLURP! LILLI-BOTOX IN SOCCORSO DI CONTE: “È  GENTILE, EDUCATO E AFFABILE". POI LE SI ALLUNGA IL NASINO: "NON CHIEDE MAI LE DOMANDE PRIMA" (INFATTI LA DOMANDA SU DRAGHI, CON SGRADEVOLE BATTUTA A SEGUIRE, ERA STRA-PREPARATA) - DA PINOCCHIA A CROCEROSSINA: "LA TOSSE? AVEVA LE CORDE VOCALI IRRITATE, CERTO NON METTEREBBE A RISCHIO LA SALUTE DI ALTRI" - INFINE SI SCIOGLIE COME UN LECCA-LECCA: "L’HO TROVATO MOLTO DETERMINATO, UN PO’ STANCO, MA È NORMALE PER UN UOMO CHE HA MESSO AL CENTRO DELLA SUA VITA IL LAVORO” (SLURP. SLURP!)

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

“SERVE IL LOCKDOWN A MILANO, GENOVA, TORINO E NAPOLI” - WALTER RICCIARDI: “LA SEMPLICE RACCOMANDAZIONE A NON MUOVERSI DI CASA RIDUCE DEL 3% L'INCIDENZA DEI CONTAGI, IL LOCKDOWN DEL 25%. SE A QUESTO ACCOPPIAMO LO SMART WORKING, CHE VALE UN ALTRO 13% E IL 15% DETERMINATO DALLA CHIUSURA DELLE SCUOLE SI ARRIVA A QUEL 60% CHE SERVE PER RAFFREDDARE L'EPIDEMIA - IL RINVIO DI RICOVERI E INTERVENTI STA FACENDO AUMENTARE DEL 10 PER CENTO LA MORTALITÀ PER MALATTIE ONCOLOGICHE E CARDIOVASCOLARI”

salute