BOLLETTINI CHE S'IMPENNANO - ALTRI 11.705 CONTAGI, 69 DECESSI. CRESCONO I RICOVERI, SOPRATTUTTO NELLE REGIONI COME LA LOMBARDIA, CHE METTONO IN ALLARME LE STRUTTURE SANITARIE E COSTRINGONO IL GOVERNO A NUOVE MISURE PER CONTENERE L'INFEZIONE - I TAMPONI SONO STATI 146.541, OVVERO 19.296 IN MENO RISPETTO A IERI CHE ERANO STATI 165.837

-

Condividi questo articolo

 

Da www.corriere.it

 

In Italia, dall’inizio dell’epidemia di coronavirus, almeno 414.241 persone (+11.705 rispetto a ieri, +2,9%; ieri +10.925) hanno contratto il virus Sars-CoV-2. Di queste, 36.543 sono decedute (+69, +0,2%; ieri +47) e sono state dimesse 251.461 (+2.334, +0,9%; ieri +1.255). Attualmente i soggetti positivi dei quali si ha certezza sono 126.237 (+9.302, +7.9%; ieri +9.623); il conto sale a 414.241 — come detto sopra — se nel computo ci sono anche i morti e i guariti, conteggiando cioè tutte le persone che sono state trovate positive al virus dall’inizio dell’epidemia.

 

Ancora un’impennata di contagi in 24 ore — oltre la soglia di 10 mila per il terzo giorno di fila — dopo che il 14 ottobre è stato superato il picco massimo del 21 marzo, durante il lockdown. La Lombardia registra il record di nuovi positivi per il sesto giorno consecutivo, con quasi 3 mila casi in 24 ore (precisamente +2975). Seguono con oltre mille nuovi casi: Campania (+1.376), Lazio (+1.198) e Piemonte (+1.123).

terapia intensiva coronavirus terapia intensiva coronavirus

 

Ma la situazione di ottobre nel nostro Paese è diversa da quella di marzo, sia per la quantità di tamponi giornaliera sia per numero di persone in cura (non ci sono 17.708 ricoverati e 2.857 malati in terapia intensiva), ma soprattutto per numero di vittime (allora erano 793). Anche se continua la crescita esponenziale di pazienti ospedalizzati, mettendo in allarme le strutture sanitarie, come in Lombardia, e costringendo il governo a nuove misure per contenere l’infezione.

 

 

I tamponi sono stati 146.541, ovvero 19.296 in meno rispetto a ieri che erano stati 165.837. Mentre la percentuale dei positivi individuata oggi, rispetto al numero dei tamponi processati, è intorno all’8% (precisamente 7,99%), vuol dire che su 100 test eseguiti 8 sono risultati positivi, ieri era del 7% (precisamente 6,6%). Questo dato dà l’idea dell’aumento dei contagi, indipendentemente dal numero di tamponi effettuati: infatti con meno tamponi oggi ci sono più casi di ieri. Questa è la mappa del contagio in Italia.

 

I pazienti ricoverati con sintomi sono 7.131 (+514, +7,8%; ieri +439), mentre i malati più gravi in terapia intensiva sono 750 (+45, +6,4%; ieri +67). Per vedere così tante persone ricoverate bisogna andare indietro al 28 maggio, quando erano 7.379 — durante la Fase 2 — mentre un numero simile di malati in terapia intensiva è stato registrato il 17 maggio.

 

Qui tutti i bollettini dei giorni e dei mesi scorsi. Questa è la mappa del contagio nel mondo. Qui le ultime notizie della giornata.

 

I casi Regione per Regione

Il dato fornito qui sotto, e suddiviso per Regione, è quello dei casi totali (numero di persone trovate positive dall’inizio dell’epidemia: include morti e guariti). Nella foto in alto è visibile quello dei soggetti attualmente positivi. La variazione indica il numero dei nuovi casi registrati nelle ultime 24 ore.

 

Lombardia 126.769 (+2.975, +2,4%; ieri +2.664)

Emilia-Romagna 40.859 (+526, +1,3%; ieri +641)

Piemonte 43.990 (+1.123, +2,6%; ieri +972)

Veneto 35.851 (+800, +2,3%; ieri +774)

Marche 9.458 (+204, +2,2%; ieri +121)

Liguria 18.115 (+370, +2,1%; ieri +464)

Campania 25.819 (+1.376, +5,6%; ieri +1.410)

Toscana 22.802 (+906, +4,1%; ieri +879)

Sicilia 12.292 (+548, +4,7%; ieri +475)

tampone ai bambini tampone ai bambini

Lazio 24.988 (+1.198, +5%; ieri +994)

Friuli-Venezia Giulia 6.415 (+155, +4,5%; ieri +167)

Abruzzo 6.194 (+221, +3,7%; ieri +148)

Puglia 11.385 (+301, +2,7%; ieri +350)

Umbria 4.742 (+327, +7,4%; ieri +205)

Bolzano 4.819 (+171, +3,7%; ieri +155)

Calabria 2.761 (+78, +2,9%; ieri +94)

Sardegna 6.096 (+230, +3,9%; ieri +130)

Valle d’Aosta 1.811 (+73, +4,2%; ieri +78)

Trento 6.845 (+48, +0,7%; ieri +82)

Molise 956 (+27, +2,9%; ieri +65)

Basilicata 1.274 (+48, +3,9%; ieri +57)

 

I decessi Regione per Regione

Il dato fornito qui sotto, e suddiviso per Regione, è quello dei morti totali dall’inizio della pandemia. La variazione indica il numero dei nuovi decessi registrati nelle ultime 24 ore.

 

Lombardia 17.078 (+21, ieri +13)

Emilia-Romagna 4.515 (+6, ieri +5)

Piemonte 4.198 (+2, ieri +2)

Veneto 2.256 (+9, ieri +3)

Marche 995 (+3, ieri nessun nuovo decesso)

Liguria 1.636 (+3, ieri +1)

Campania 501 (+2, ieri nessun nuovo decesso)

Toscana 1.194 (+5, ieri +2)

Sicilia 365 (+3, ieri +2)

Lazio 1.024 (+6, ieri +12)

Friuli-Venezia Giulia 361 (+2, ieri nessun nuovo decesso)

Abruzzo 494 (+1, ieri +2)

Puglia 635 (+3, ieri +2)

Umbria 92 (nessun nuovo decesso, ieri +1)

Bolzano 293 (nessun nuovo decesso, come ieri)

Calabria 104 (nessun nuovo decesso, come ieri)

Sardegna 174 (+2, ieri +1)

Valle d’Aosta 146 (nessun nuovo decesso, come ieri)

Trento 417 (nessun nuovo decesso, ieri +1)

Molise 26 (nessun nuovo decesso, come ieri)

Basilicata 39 (+1, ieri nessun nuovo decesso)

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

CI SCRIVE TRENITALIA E AMMETTE CHE LE ESIGENZE DI MOBILITÀ DEL PERIODO NATALIZIO ''NON POSSONO ESSERE SEMPLICEMENTE RIMODULATE SULLA BASE DELLE ESPERIENZE DEGLI ANNI PASSATI, MA IMPONGONO UNA APPROFONDITA VALUTAZIONE DEL MUTATO CONTESTO''. QUINDI QUEST'ANNO I BIGLIETTI PER I TRENI NATALIZI SARANNO DISPONIBILI ''A PARTIRE DAGLI INIZI DI NOVEMBRE'', CON VARIE SETTIMANE DI RITARDO RISPETTO AL SOLITO. SEMPRE CHE IN QUESTI GIORNI NON SIA IL GOVERNO A SCONVOLGERE I PIANI DI VIAGGIO DEGLI ITALIANI…

salute