IL BOLLETTINO DEI GUARITI – CALA ANCORA IL NUMERO DEI CONTAGIATI: NELLE ULTIME 24 ORE SOLTANTO 744 POSITIVI (IERI ERANO 802) GLI ATTUALMENTE POSITIVI SONO 82MILA (-836) E I MORTI 179 – QUASI LA METÀ DEI NUOVI CASI È IN LOMBARDIA, DOVE TORNANO A SCENDERE I RICOVERATI IN TERAPIA INTENSIVA. LA PROVINCIA PIÙ COLPITA È MILANO CON 114 NUOVI CONTAGI – I DATI REGIONE PER REGIONE

-

Condividi questo articolo

 

 

Coronavirus in Italia: 219.814 casi positivi e 30.739 morti. Il bollettino dell’11 maggio

Da www.corriere.it

 

Italia, seriate - coronavirus Italia, seriate - coronavirus

In Italia, dall’inizio dell’epidemia di Coronavirus, almeno 219.814 persone hanno contratto il virus Sars-CoV-2 (744 in più rispetto a ieri, per una crescita dello 0,3%; ieri +802). Di queste, 30.739 sono decedute (+179, +0,6%; ieri +165) e 106.587 (+1401, +1,3%, ieri +2.155) sono state dimesse. Attualmente i soggetti positivi dei quali si ha certezza sono 82.488 (-836 rispetto a ieri, -1%); il conto sale a 219.814 — come detto sopra — se nel computo ci sono anche i morti e i guariti, conteggiando cioè tutte le persone che sono state trovate positive al virus dall’inizio dell’epidemia). I dati sono stati forniti dalla Protezione civile.

ITALIA Coronavirus ITALIA Coronavirus

 

I pazienti ricoverati con sintomi sono 13.539 (-79, -0,6%), di cui 999 (-28, -2,7%, ieri -7) sono in terapia intensiva.

 

I dati Regione per Regione

Il dato fornito qui sotto, e suddiviso per Regione, è quello dei casi totali (numero di persone trovate positive dall’inizio dell’epidemia: include morti e guariti). Nella foto in alto è visibile quello dei soggetti attualmente positivi. La variazione indica il numero dei nuovi casi registrati nelle ultime 24 ore.

 

coronavirus lombardia coronavirus lombardia

Lombardia 81.871 (+364, +0,5%; ieri erano stati +282)

Emilia-Romagna 26.876 (+ 80, +0,3%; ieri erano stati +76)

Veneto 18.741 (+19, +0,1%; ieri erano stati +51)

Piemonte 28.776 (+111, +0,4%; ieri erano stati +116)

Marche 6.543 (+10, +0,1%; ieri erano stati +40)

Liguria 8.832 (+44, +0,5%; ieri erano stati +50)

Campania 4.602 (+14, +0,3%; ieri erano stati +12)

MEDICI SI PROTEGGONO CON I SACCHI DELLA SPAZZATURA IN LOMBARDIA MEDICI SI PROTEGGONO CON I SACCHI DELLA SPAZZATURA IN LOMBARDIA

Toscana 9.787 (13, +0,1%; ieri erano stati +29)

Sicilia 3.339 (+12, +0,4%; ieri erano stati +14)

Lazio 7.190 (+25, +0,3%; ieri erano stati +32)

Friuli-Venezia Giulia 3.138 (+8, +0,3%; ieri erano stati +6)

Abruzzo 3.107 (+4, +0,1%; ieri erano stati +17)

Puglia 4.327 (+14, +0,3%; ieri erano stati +27)

Umbria 1.412 (+1, +0,1%; ieri erano stati +4)

Bolzano 2.572 (+3, +0,1%; ieri erano stati +2)

Calabria 1.134 (+2, +0,2%; ieri erano stati +3)

Sardegna 1.343 (+3, +0,2%; ieri erano stati +6)

Valle d’Aosta 1.158 (+1, +0,1%; ieri erano stati +5)

Trento 4.297 (+2, +0,1%; ieri erano stati +3)

Molise 383 (+13, +3,5%; ieri erano stati +43)

Basilicata 386 (+1, +0,3%; ieri erano stati +3)

 

Italia coronavirus Italia coronavirus

CORONAVIRUS, I DATI DI OGGI IN LOMBARDIA

Da www.corriere.it

 

In Lombardia, dall’inizio dell’epidemia di coronavirus, sono risultate positive al Sars-CoV-19 81.871 persone (+364 rispetto a ieri, quando i casi positivi segnalati erano 81.507 e l’aumento sul giorno precedente era stato di +282). I dati sono stati forniti dalla Regione Lombardia. Di queste, sono decedute 15.054 persone (+68, ieri erano +62). I ricoveri in ospedale sono 5.397 rispetto ai 5.428 di ieri (-31), quelli in terapia intensiva 341 (-7). I tamponi effettuati in giornata sono stati 7.508 rispetto ai 7.369 di ieri. Il totale dei tamponi in Regione sale così a 492.642.

coronavirus italia-1 coronavirus italia-1

 

Questi nel dettaglio i dati. La provincia più colpita è quella di Milano: i casi sono passati a 21.490 (+114, la crescita ieri era stata +104). Seguono Brescia 13.620 (+70), Bergamo 11.791 (+50) , Cremona 6.250 (+2), Monza 5.074 (+19). Milano città registra 9.071 casi (+52), ieri l’aumento era stato +54.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

“IL TEST CHE TROVA GLI ANTICORPI NON È SUFFICIENTE PER ESCLUDERE UN ALTRO CONTAGIO” - ALBERTO MANTOVANI, DIRETTORE SCIENTIFICO DI HUMANITAS: “LA SARS DAVA AI GUARITI UN'IMMUNITÀ DI 2-3 ANNI E QUESTO VIRUS GLI È PARENTE. IL PROBLEMA È CHE LA STRAGRANDE MAGGIORANZA DELLE PERSONE CHE INCONTRA COVID-19 O NON SI AMMALA O LO FA IN MODO BLANDO: IN QUESTO CASO NON SAPPIAMO SE LA RISPOSTA IMMUNITARIA INDOTTA, DI CUI LA PRESENZA DI ANTICORPI È UNA SPIA, SIA DAVVERO PROTETTIVA O SE QUESTE PERSONE RISCHIANO UNA NUOVA INFEZIONE”