CLAMOROSO INTERVENTO ALL’OSPEDALE MOLINETTE DI TORINO: È STATO ASPORTATO UN TUMORE OVARICO DI OLTRE 70 CHILOGRAMMI, PIÙ PESANTE DELLA PAZIENTE STESSA! - LA SIGNORA SI È PRESENTATA IN PRONTO SOCCORSO ALCUNE SETTIMANE FA PERCHÉ AVVERTIVA FORTI DIFFICOLTÀ RESPIRATORIE E I MEDICI HANNO SCOPERTO CHE C’ERA UNA FORMAZIONE ESPANSIVA ADDOMINALE BENIGNA MA ENORME. LA DONNA RISCHIAVA DI MORIRE PER LA COMPRESSIONE CHE L’ADDOME ESERCITAVA SU POLMONI E ALTRI ORGANI. A QUEL PUNTO…

-

Condividi questo articolo


Simona De Ciero per www.corriere.it

 

ospedale molinette a torino ospedale molinette a torino

Asportato un tumore ovarico di oltre settanta chilogrammi grazie a un doppio intervento effettuato all’ospedale Molinette di Torino. Il tumore pesava più della paziente stessa, tanto da impedirle di camminare.

 

La signora si è presentata in pronto soccorso alcune settimane fa perché avvertiva forti difficoltà respiratorie e, dopo una serie di esami, i medici hanno appurato che l’insufficienza era causata da una formazione espansiva addominale benigna ma enorme. «Abbiamo eseguito un intervento abbastanza impegnativo e siamo tutti molto soddisfatti visto che la signora ora sta benissimo – commenta il dottor Francesco Moro della Chirurgia universitaria 2 diretta dal professor Renato Romagnoli – un recupero molto veloce, se si pensa che la donna in pochi giorni è passata da un volume di 150 chilogrammi a uno di circa 50, corrispondente al suo peso-forma».

Francesco Moro Francesco Moro

 

La situazione è apparsa da subito gravissima; la donna, infatti, rischiava di morire per la compressione che l’addome esercitava su polmoni e altri organi. La paziente è stata intubata e sottoposta a ventilazione meccanica dalla Rianimazione del pronto soccorso. Una volta stabilizzata, poi, è stata trattata chirurgicamente. La prima parte d’intervento è stata eseguita dal dottor Ezio Falletto della Chirurgia d’urgenza universitaria 1 (diretta dal professor Mario Morino) che aspirato la parte liquida tumorale raccolta tutta dentro una cisti: ben 52 litri di materiale.

 

Renato Romagnoli Renato Romagnoli

«Un passaggio essenziale per poter procedere con la rimozione in blocco del cistoadenoma dell’ovaio del peso di circa 25 kg – prosegue Moro, che ha operato nella seconda fase dell’intervento – drenare al paziente, infatti, è significato anche poterla estubare e farle superare la fase critica con cui si è presentata in ospedale, e questo ci ha dato un minimo di tempo per ragionare sul da farsi».

 

Il tempo intercorso tra l’aspirazione e la rimozione chirurgica della massa, eseguita in blocco, è stato essenziale ha contribuito a trasformare questo intervento di frontiera in un successo. Solo 4 giorni dopo la seconda operazione, infatti, la donna è stata trasferita dalla rianimazione al reparto di chirurgia per poi essere spostata al reparto di Dietetica e Nutrizione clinica. «Bisognava rimetterla in piedi e farla ingrassare di sette chilogrammi».

TUMORE OVARICO TUMORE OVARICO TUMORE OVARICO 1 TUMORE OVARICO 1 ospedale molinette torino coronavirus ospedale molinette torino coronavirus

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! – LA RAI CHE VERRÀ? ECCOLA! IERI, IN PRIMA SERATA SU RAI3, “IL PROVINCIALE” CONDOTTO DA FEDERICO QUARANTA, HA COINVOLTO LA MISERIA DI 493.000 SPETTATORI E IL 2.8% DI SHARE (PEGGIO PURE DI NUNZIA DE GIROLAMO) - TRATTASI DEL PROGRAMMA-SIMBOLO DI ANGELO MELLONE, DIRETTORE DELL'INTRATTENIMENTO DAY TIME - UN TIPINO PERBENE, ANZI PERBENITO, CAPACE DI TUTTO: SCRITTORE, CANTANTE, POETA, REGISTA. NONCHÉ CANDIDATO A FARE IL DIRETTORE GENERALE O FICTION UNA VOLTA CHE LA DUCETTA INNALZERÀ IL SUO PRETORIANO GIAMPAOLO ROSSI AD AMMINISTRATORE DELEGATO…

FLASH! - RAI DELLE MIE BRAME: VISTA LA SITUAZIONE DI CAOS TOTALE, E' IN CORSO IL "LODO VESPA" PER TENTARE DI RICOMPORRE I COCCI. PRIMO INCONTRO CON IL DIRETTORE GENERALE GIAMPAOLO ROSSI, CANDIDATO UNICO DELLA DUCETTA DI COLLE OPPIO PER LA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO - AD APRILE SI APRONO I GIOCHI: C'E' IL RINNOVO DEL CDA E TERMINA IL BREVE MANDATO DI UN ANNO DI ROBERTO SERGIO. TUTTO PUO' ACCADERE... - LA SMENTITA DI VESPA: "NON MI SONO MAI OCCUPATO DI NOMINE RAI ED È TROPPO TARDI PER COMINCIARE"

DAGOREPORT! - LA GRANDE PAURA SARDA STA METTENDO IN SUBBUGLIO I FRAGILI OTOLITI DELLA MELONA -  L'ANSIA PER UNA POSSIBILE SCONFITTA ALLE REGIONALI IN SARDEGNA E IL TIMORE CHE I MEDIA LA RACCONTINO GIÀ IN DECLINO, FANNO SCOPA CON LA PREOCCUPAZIONE DI NON CONTARE UN CAZZO DOPO IL VOTO DEL 9 GIUGNO IN EUROPA, QUANDO I VOTI DI FRATELLI D'ITALIA POTREBBERO NON ESSERE DETERMINANTI PER LA RIELEZIONE DI URSULA VON DER LEYEN - NON BASTA: SE IL VOTO EUROPEO SARA' CRUDELE CON SALVINI, FARA' SALTARE IL GOVERNO? - MICA E' FINITA PER LADY "FASCIO TUTTO IO": A SETTEMBRE VA SQUADERNATA LA LEGGE DI BILANCIO 2025 CHE SARA' UNA VIA CRUCIS DI LACRIME E SANGUE, VISTE LE DURE NORME DEL NUOVO PATTO DI STABILITÀ SUL RIENTRO DEL MOSTRUOSO DEBITO PUBBLICO ITALIANO - A GUARDIA DELLA FRAGILITA' DELLA TENUTA PSICOFISICA DELLA DUCETTA DEL COLLE OPPIO CI SONO I "BADANTI DI PALAZZO CHIGI", FAZZOLARI E SCURTI, CHE NON LA MOLLANO UN ATTIMO…

DAGOREPORT! - ULTIMI BOATOS DALL’ITALIA FERRAGNIZZATA  -  TRAMONTATO DA TEMPO IL TRASTULLO MATRIMONIALE, QUEL POCO CHE ERA RIMASTO IN PIEDI ERA “THE FERRAGNEZ – LA SERIE” - ANCORA COL PANDORO SULLO STOMACO, L’EX BARBIE DEL WEB NON AVEVA NESSUNA INTENZIONE DI DAR VITA ALLA TERZA STAGIONE. IL RAPPER (PER MANCANZA DI VOCE) NON L’AVREBBE PRESA TANTO BENE: DEPRESSO PER LA MALATTIA, INFEROCITO PER I VAFFA E I PERCULAMENTI, DEPRIVATO, AL PARI DELLA MOGLIETTINA, DI SPONSOR E DI CONTRATTI VARI, FATTI DUE CONTI, FEDEZ LE AVREBBE FATTO SCRIVERE DALL’AVVOCATO: BISOGNA FARLA, CI SONO IN BALLO TROPPI SOLDI E IL PIATTO PIANGE. NIENTE! E DOPO IL DANNO, PER FEDEZ ARRIVA LA BEFFA PIU' CRUDELE: SI INSTALLA IN CASA MARINA, LA SUOCERA PIU' SGOMITANTE D'ITALIA..