COME FANNO A ESSERCI 700 OPERATORI SANITARI POSITIVI AL CORONAVIRUS IN LOMBARDIA? PROVA A SPIEGARLO CESARE FALDINI, ORTOPEDICO DI BOLOGNA: ''LA 'DISTANZA DI SICUREZZA' IN OSPEDALE NON ESISTE. CI SONO PRECAUZIONI E PROCEDURE, È VERO, MA OGNI PAZIENTE VA AIUTATO A SPOGLIARSI, VISITATO, GLI VA FATTA UNA RADIOGRAFIA, MESSO A LETTO. SE HA UNA FRATTURA HA BISOGNO DI ASSISTENZA, ANCHE PER BERE UN BICCHIERE D’ACQUA O FARE LA PIPÌ. LE PROCEDURE SONO EFFICACI? I DISPOSITIVI SUFFICIENTI? NON ABBIAMO DATI. DA UOMO DI SCIENZA DICO…''

-

Condividi questo articolo

Approfondire se gli operatori sanitari si sono infettati al lavoro? In risposta al Dr. D’Ancona, Istituto Superiore di Sanità.

 

CESARE FALDINI CESARE FALDINI

Caro Dr. D’Ancona, ascoltare questa frase “Operatori contagiati? Dobbiamo approfondire se l’esposizione (al covid NDR) è avvenuta professionalmente o al di fuori dell’ambiente di lavoro....” qualunque sia stato il suo scopo, credo abbia fatto male a tutti gli operatori sanitari in servizio in questi giorni in ospedale. 

 

Approfondiamo: mentre tutti sono a casa per mantenere la “distanza di sicurezza” e ridurre i rischi di contagio, un esercito di operatori  fa girare gli ospedali. La “distanza di sicurezza” in Ospedale non esiste. Ci sono precauzioni e procedure, è vero, ma ogni paziente che arriva va aiutato a spogliarsi, visitato, gli va fatta una radiografia, se va ricoverato va messo a letto. Se ha una frattura non è autonomo ha bisogno di assistenza, anche per bere un bicchiere d’acqua o fare la pipì: se è COVID negativo, a rischio COVID o positivo, non importa, troverà  la stessa mano, che lo aiuterà. La mano di un operatore che agisce secondo procedure che riducono, non annullano il rischio.

 

operatori sanitari coronavirus operatori sanitari coronavirus

Approfondiamo: le procedure sono efficaci? I dispositivi sufficienti? Non abbiamo dati a riguardo. Da uomo di scienza dico gli epidemiologi a emergenza finita diranno se i dispositivi indossati dal personale sono stati efficaci sul rischio di contagio. Per ora vale il buon senso, correndo il  rischio. Ciascun operatore agisce con competenza,  nessuno si sente al sicuro:  “auto-isolati”, tornando a casa non abbracciamo i figli per non propagare il rischio, mangiamo un boccone in solitudine, dormiamo sul divano, una doccia, e si torna in servizio. È domenica, sono fuori turno in ospedale: do una mano e non espongo la famiglia. All’operatore che affronta i suoi rischi professionali con serenità perché fa parte del suo lavoro, si deve riconoscere l’importanza di quello che fa: dalle Sue parole non traspare.

diego bianco diego bianco

 

Approfondiamo anche il patto sociale tra la comunità e chi corre rischi: vale per le forze dell’ordine, vale per i magistrati, ma questa emergenza deve insegnare che anche gli operatori della sanità sono esposti in prima linea (e non solo da  oggi...).

Approfondiamo che gli  operatori sanitari peggio pagati d’Europa (controllare gli stipendi di ausiliari, infermieri fisioterapisti e medici) oggi sono  un modello di azione per i nostri vicini di casa Francesi e Tedeschi, riconosciamogli anche solo per questo la gratitudine che meritano: costa meno di un adeguamento di stipendio, ma è ugualmente efficace a tener su il morale.

 

Approfondiamo infine come stanno i nostri colleghi a casa infettati da COVID, non sono pochi...  a noi interessa che la tosse passi, che la febbre vada via, e che tornino presto al lavoro perché abbiamo bisogno di loro; a voi il compito di approfondire come se la sono presa, noi lo sappiamo già.

 

Cesare Faldini

Direttore Clinica Ortopedica Universita di Bologna

Istituto Ortopedico Rizzoli

 

 

 
 
Step 3: Place this code wherever you want the plugin to appear on your page.

 

 

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute