GLI EFFETTI COLLATERALI DEL COVID – LA NUOVA EPATITE ACUTA PEDIATRICA REGISTRATA IN EUROPA E NEGLI USA POTREBBE ESSERE UNA DIRETTA CONSEGUENZA DEL LOCKDOWN: PER DUE ANNI I BAMBINI SONO STATI LIMITATI NELLE INTERAZIONI SOCIALI E HANNO INDOSSATO LA MASCHERINA, LIMITANDO LA RISPOSTA IMMUNITARIA TANTO DA CREARNE UN INDEBOLIMENTO – IN ITALIA SONO STATI ACCERTATI QUATTRO CASI E I RICERCATORI INGLESI IPOTIZZANO CHE POSSA TRATTARSI DI…

-

Condividi questo articolo


Enza Cusmai per “il Giornale”

 

epatite epatite

È scattata anche in Italia un'indagine a tappeto in tutti i centri epatologici pediatrici dopo l'ondata di epatite acuta che in Gran Bretagna ha colpito ben 108 bambini. Per il momento i casi riscontrati in Italia sarebbero quattro. Ma il Centro europeo per il controllo delle malattie ha già segnalato 74 casi di questa patologia dall'inizio dell'anno, che non è comune nei piccoli e di cui non si conosce bene l'origine. Le segnalazioni arrivano da Danimarca, Paesi Bassi, Spagna. Mentre in Alabama, negli Stati Uniti, si sono registrati 9 casi di epatite acuta tra bambini di età compresa tra 1 e 6 anni.

Dall'indagine dell'Ecdc la maggior parte dei bambini che ha contratto questa forma di epatite non ha manifestato febbre.

 

bambino in ospedale 5 bambino in ospedale 5

Parecchi di loro, però, sono stati costretti al ricovero in ospedale e per qualcuno si è reso necessario un trapianto di fegato, che ha permesso di evitare conseguenze gravi (è accaduto sei volte nel Regno Unito, due in Alabama e uno in Spagna). In alcuni casi, i piccoli hanno avuto problemi gastrointestinali nelle settimane precedenti la comparsa della malattia, con dolori addominali, vomito e diarrea, che li hanno colpiti a lungo prima che arrivasse l'epatite.

 

In base alle statistiche, poi, emerge che i bimbi sono molto piccoli, sotto i cinque anni, si più colpiti da questa forma di epatite, mentre i grandi sembrerebbero soffrirne meno, anche se si sono registrati episodi in ragazzini di 12 o 13 anni.

epatite 1 epatite 1

L'elemento insolito riguarda la difficoltà nello scoprire le cause di questo fenomeno, visto che nonostante siano state fatte accurate indagini tossicologiche su cibo e bevande consumate dai pazienti e sulle loro abitudini alimentari, non si è riusciti a trovare alcun legame tra i casi.

Esistono anche altre vie per contrarre l'epatite, come ad esempio gli adenovirus, infezioni virali comuni nei bambini, al punto che secondo le statistiche ogni piccolo ne ha almeno una prima dei dieci anni.

 

bambino in ospedale 1 bambino in ospedale 1

Si tratta dunque di capire cosa stia scatenando questa ondata di epatite tra i più piccoli. C'è un'inchiesta internazionale in corso volta ad accertare cosa ha provocato tutti questi casi ma, in attesa dei risultati (tra sette giorni) per ora circolano varie ipotesi.

Si ipotizza che la causa delle nuove epatiti sia una variante nuova di adenovirus. Qualche specialista ha anche azzardato che si tratti di una combinazione con il Covid, ma non ci sono conferme al proposito. Mentre è certo che non ci siano legami con il vaccino, visto che nessuno dei bambini con diagnosi di epatite nel Regno Unito aveva ricevuto una vaccinazione anti Covid.

 

bambino in ospedale 4 bambino in ospedale 4

Ma diversi scienziati britannici sono sempre più convinti che ci sia un possibile collegamento con la pandemia e il conseguente lockdown: per due anni i bambini sono stati limitati nelle interazioni sociali ed hanno indossato la mascherina. Limitando la risposta immunitaria dell'organismo si è venuto a creare un calo delle difese che ora si stanno rivelando insufficienti per affrontare la nuova fase di convivenza con il covid e con la ripresa della circolazione di tanti altri virus.

bambino in ospedale 3 bambino in ospedale 3 bambino in ospedale 2 bambino in ospedale 2 bambino ospedale 2 bambino ospedale 2 bambino in ospedale bambino in ospedale bambino in ospedale 1 bambino in ospedale 1 epatite acuta pediatrica epatite acuta pediatrica

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

SIAMO NEI GUAI: IL DISGELO IN MANO AL "CAPITONE"! – SALVINI “MINACCIA” UN VIAGGIO A MOSCA PER “CONFRONTARSI CON LE ISTITUZIONI RUSSE”: “PUTIN HA APPENA PARLATO CON DRAGHI, E NE SONO STATO FELICE, SE ANDRÒ A MOSCA LO FARÒ SOLO SE UTILE. SE DEVI CHIEDERE UN "CESSATE IL FUOCO", LO CHIEDI INNANZITUTTO A CHI HA COMINCIATO IL CONFLITTO” (E LA DIPLOMAZIA MONDIALE CHE STA FACENDO, SI GRATTA I CABASISI?!) – E’ L’ENNESIMA PIROETTA SENZA SENSO: “QUALORA SI CONCRETIZZASSE, FARÒ TUTTI I PASSAGGI NECESSARI E NE PARLERÒ PRIMA DI TUTTO CON IL PRESIDENTE DRAGHI. OVVIAMENTE MI CONFRONTERÒ ANCHE CON I VERTICI DELLA LEGA” (MATTE’, MA ‘NDO VAI? METTI L’ELMETTO E ASSERRAGLIATI AL DIVANO)

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute