“QUESTA È UNA PANDEMIA DA CUI USCIREMO IN TEMPI LUNGHI” - L’EPIDEMIOLOGO GIANFRANCO SPITERI: “SE AVREMO VACCINI EFFICACI, NON SOLO NEI GIOVANI MA ANCHE NEGLI ANZIANI, ABBASTANZA DOSI PER TUTTI E LA DISPONIBILITÀ DELLE PERSONE A VACCINARSI, NEL PROSSIMO ANNO FAREMO PASSI IMPORTANTI PER USCIRE DALLA PANDEMIA. MA NON PENSO CHE RIUSCIREMO ANCORA AD ABBRACCIARCI O A LIBERARCI DALLE MASCHERINE…”

-

Condividi questo articolo

Estratto dell’articolo di Elena Dusi per “la Repubblica”

 

EPIDEMIOLOGO GIANFRANCO SPITERI EPIDEMIOLOGO GIANFRANCO SPITERI

Gianfranco Spiteri dell' Ecdc ha studiato come la malattia è entrata in Europa di Elena Dusi Il primo caso osservato di coronavirus risale al 17 novembre 2019. È un uomo di 55 anni della provincia dell' Hubei, quella con Wuhan come capoluogo. Anche se domani Sars-Cov-2 compie il suo primo anno di vita accanto all' uomo, è verosimile che la circolazione, in Cina, fosse iniziata già da qualche settimana. Gianfranco Spiteri è un epidemiologo di Malta […]

 

I primi casi ufficiali in Europa risalgono al 24 gennaio in Francia e al 28 in Germania. È verosimile che il coronavirus fosse già presente da tempo?

«Ci sono evidenze che Sars-Cov-2 sia arrivato prima di queste date. Il virus è stato trovato nelle acque reflue in Italia a dicembre, un uomo ricoverato in terapia intensiva in Francia era positivo, si è scoperto più tardi, già il 27 dicembre. Il fatto che quel paziente non avesse viaggiato significa che probabilmente il coronavirus era già in circolazione da qualche tempo nell' area di Parigi».

 

vaccino vaccino

Anche il sequenziamento del genoma del virus e la ricostruzione degli alberi genealogici permettono di farci un' idea sulla sua evoluzione?

«Gli studi di filogenetica fissano l' origine di Sars-Cov-2 in Cina tra settembre e l' inizio di ottobre del 2019. […]».

 

[…] E il secondo compleanno del coronavirus come lo immagina?

«Se avremo vaccini efficaci, non solo nei giovani ma anche negli anziani, abbastanza dosi per tutti e la disponibilità delle persone a vaccinarsi, nel prossimo anno faremo passi importanti per uscire dalla pandemia. Ma non penso che riusciremo ancora ad abbracciarci o a liberarci dalle mascherine. Questa è una pandemia da cui usciremo in tempi lunghi».

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

SALVA STATI O SALVA BANCHE? – LA RIFORMA DEL MES DI CUI SI PARLA IN QUESTI GIORNI RIGUARDA PRINCIPALMENTE GLI ISTITUTI DI CREDITO (DEGLI ALTRI) E NON C’ENTRA NIENTE CON IL MECCANISMO “SANITARIO” – IL RISCHIO PRINCIPALE A CUI HANNO ALLUSO GALLI E VISCO (MICA BORGHI & BAGNAI) È AVVICINARE UNA RISTRUTTURAZIONE “ALLA GRECA” DEL DEBITO PUBBLICO. IL MES E LA COMMISSIONE EUROPEA AVREBBERO IL COMPITO DI MONITORARE PREVENTIVAMENTE LA SITUAZIONE FINANZIARIA DEGLI STATI MEMBRI, INDIPENDENTEMENTE DALLE RICHIESTE DI SOSTEGNO…

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute