“SERVONO PIÙ DOSI, CON QUELLE PREVISTE RISCHIAMO DI IMMUNIZZARE SOLO IL 20% DELLA POPOLAZIONE” - IL VICEMINISTRO ALLA SALUTE SILERI AVVERTE: “L’AUTORIZZAZIONE DEL VACCINO DI ASTRAZENECA PORTEREBBE NEL SEMESTRE 40 MILIONI DI DOSI, E UN POTENZIALE DI VACCINAZIONE PER 20 MILIONI DI PERSONE. POTREMMO ESSERE FUORI DALL’EMERGENZA GIÀ PER L’AUTUNNO. LA MACCHINA PERÒ NON PUÒ PERMETTERSI ERRORI…”

-

Condividi questo articolo

 

 

Mauro Evangelisti per “il Messaggero”

 

sileri sileri

«Sul fronte delle vaccinazioni stiamo correndo, anche più velocemente degli altri paesi europei, ma servono più dosi, perché con quelle previste rischiamo di immunizzare solo il 20 per cento delle popolazione prima dell'estate. Pierpaolo Sileri, viceministro della Salute, indica il problema più serio: ottenere più vaccini anti Covid.

 

Come possiamo accelerare la vaccinazione?

CORONAVIRUS - VACCINAZIONI A ROMA CORONAVIRUS - VACCINAZIONI A ROMA

«Questi sono i numeri dei primissimi giorni e sono in tutta onestà migliori rispetto alle critiche dei primi giorni. E, come può vedere, migliori rispetto a tutti gli altri paesi dell'Unione Europea: l'Italia è seconda solo alla Germania per somministrazioni già effettuate. Il punto vero è avere più vaccini approvati a disposizione.

 

coronavirus vaccino pfizer coronavirus vaccino pfizer

Considerando unicamente la disponibilità dei primi due vaccini già approvati, avremo nel primo trimestre del 2021, 10 milioni di dosi, che significa 5 milioni di vaccinazioni. A queste si sommeranno quasi altri 13 milioni di dosi del secondo trimestre, il che significa avere oltre 11 milioni di persone vaccinate per giugno».

ASTRAZENECA ASTRAZENECA

 

Non siamo neppure al 20 per cento della popolazione...

«A queste dosi speriamo, poi, si aggiungeranno progressivamente quelle degli altri produttori una volta autorizzate. L'autorizzazione del vaccino di AstraZeneca porterebbe nel semestre 40 milioni di dosi, e quindi un potenziale di vaccinazione per 20 milioni di persone. Di fatto potremmo essere fuori dall'emergenza già per l'autunno.

PIERPAOLO SILERI GIUSEPPE CONTE PIERPAOLO SILERI GIUSEPPE CONTE

 

La macchina però non può permettersi errori. Le dosi che arrivano devono essere prontamente somministrate e serve una strategia europea per trovare più dosi di quelle già approvate».

 

C'è il via libera anche al vaccino Moderna, a fine mese è atteso quello per AstraZeneca. Come si deciderà a chi dare un vaccino piuttosto che un altro? Potrà decidere il cittadino quale vaccino vuole?

«Il tipo di vaccino da somministrare alle diverse fasce della popolazione sarà sulla base di fattori di tipo logistico, legati alla distribuzione territoriale e alla disponibilità effettiva dei diversi vaccini, e in relazione alle caratteristiche di protezione che hanno: al momento i due vaccini di cui sono stati pubblicati i dati degli studi clinici, Pfizer/BioNTech e Moderna, garantiscono una ottima immunizzazione anche in popolazioni anziane ed è anche per questo che verranno impiegati soprattutto per cittadini in queste fasce di età, che sono quelle più esposte al virus e da proteggere subito».

 

DOSI DEL VACCINO PFIZER IN ITALIA DOSI DEL VACCINO PFIZER IN ITALIA

Giusto prorogare lo stato di emergenza per sei mesi?

«Non vi è dubbio che abbiamo una emergenza sanitaria in atto con una terza ondata incipiente e varianti del virus più contagiose. L'arrivo dei vaccini è solo l'inizio di un processo che durerà diversi mesi. Nel frattempo abbiamo il virus che circola, che fa ammalare e che uccide. Dovremo convivere purtroppo con questo numero di morti giornaliero ancora per molte settimane e mesi».

 

ASTRAZENECA ASTRAZENECA

Ritiene che scuole possano riaprire anche se ogni giorno abbiamo 15-20 mila nuovi casi positivi? «La riapertura delle scuole è una priorità assoluta: abbiamo una generazione di studenti che da quasi un anno si deve gestire a casa propria con il solo ausilio della didattica a distanza e un rischio crescente di abbandono scolastico. I protocolli molto rigidi, applicati nel mondo della scuola, hanno dimostrato di funzionare bene e ben pochi soni stati i focolai nati nelle classi. Il nodo dei trasporti e degli orari di entrata e di uscita degli studenti è stato risolto.

MEME SUL VACCINO PFIZER MEME SUL VACCINO PFIZER

 

Io penso che riprendere da lunedì prossimo con un'attività in presenza al 50% sia una scelta opportuna. Naturalmente se poi dai 21 parametri e dal monitoraggio quotidiano emergessero uno scenario critico e un aumento dei contagi imponente, la ripresa delle varie attività sospese, compresa la scuola in presenza per le superiori, potrebbe subire altri slittamenti. Serve sempre massima cautela, ma sono necessari passi avanti, consapevoli che qualche piccolo passo indietro può essere necessario».

il vaccino pfizer arriva allo spallanzani il vaccino pfizer arriva allo spallanzani vaccino pfizer vaccino pfizer VACCINO PFIZER 1 VACCINO PFIZER 1

PIERPAOLO SILERI ROBERTO SPERANZA PIERPAOLO SILERI ROBERTO SPERANZA

 

Condividi questo articolo

media e tv

CHRISTIAN RACCONTA VITTORIO DE SICA – “IL GIORNO DEL SUO FUNERALE AL VERANO C’ERA UNA “BUZZICONA”. SI È GIRATA E AVEVA LA MIA FACCIA. MI DISSE CHE ERA LA FIGLIA DI INES, LA SARTA DI MIO PADRE. CHIESI SPIEGAZIONI A MIA MADRE: “E QUESTA CHI È?”. E LEI MI DISSE…” - E POI QUEL “VECCHIO SCEMO” DI CHARLIE CHAPLIN, IL FILM DI ANDY WARHOL E QUEI “QUATTRO FROCI AMERICANI” – ROSSELLINI MI DISSE: “MEGLIO CHE CONTINUI A STUDIARE. FARE L’ATTORE È UN MESTIERE DA FANNULLONE” – LO SHOW DA FAZIO – VIDEO

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute