NON SERVE ASPETTARE IL RICHIAMO PER GODERSI I BENEFICI DEL VACCINO - DAI DATI DI INGHILTERRA E SCOZIA ARRIVANO INDICAZIONI PROMETTENTI: È ORMAI DIMOSTRATO CHE GIÀ SOLO LA PRIMA DOSE DÀ UN'ALTA PROTEZIONE DAL COVID GRAVE E LIMITA I RICOVERI, PROTEGGENDO DAI SINTOMI LIEVI I GIOVANI - ECCO PERCHÉ HA SENSO ASSICURARE ALMENO UNA INIEZIONE A MILIONI DI PERSONE E RITARDARE LA SECONDA FINO A 12 SETTIMANE DOPO...

-

Condividi questo articolo


Da un articolo di "The Guardian" per la rassegna stampa di "Epr Comunicazione"

 

vaccino 4 vaccino 4

Le prove del mondo reale dei programmi di vaccinazione contro il Covid in Inghilterra e Scozia mostrano che una dose di vaccino dà un'alta protezione contro la malattia grave e il ricovero in ospedale - e protegge anche dalla malattia lieve senza sintomi nelle persone più giovani.

 

I primi dati reali dai programmi di vaccinazione di massa sono promettenti, e anche se i risultati non includono prove che impediscono la trasmissione completamente, ci sono dati che mostrano che stanno fermando alcune persone dall'infettarsi, il che dovrebbe rallentare la diffusione del coronavirus – riporta The Guardian.

 

vaccino 3 vaccino 3

Tre studi sono giunti a conclusioni altrettanto positive sulla protezione offerta dai vaccini - uno in Scozia e due in Inghilterra - anche se sono stati impostati per guardare gli effetti in diversi gruppi di persone.

 

In Inghilterra, lo studio Siren sugli operatori sanitari sotto i 65 anni ha trovato che una dose del vaccino Pfizer/BioNTech ha ridotto il rischio di prendere il virus del 70% - e dell'85% dopo la seconda dose. Gli operatori sanitari sono stati tutti testati per il virus ogni due settimane, quindi lo studio ha raccolto le infezioni asintomatiche così come quelle che avevano sintomi.

 

vaccino 1 vaccino 1

Public Health England ha anche pubblicato i risultati dei test di routine negli over 80, che sono a più alto rischio di ammalarsi gravemente e morire di Covid. È stato rilevato che 3 settimane dopo la prima dose, il vaccino Pfizer/BioNTech era efficace al 57% contro la malattia sintomatica, sia lieve che più grave. Anche se non molte persone hanno avuto una seconda dose, le prove suggeriscono che l'efficacia salga all'85% in coloro che lo hanno fatto.

 

I dati mostrano anche che le persone vaccinate che prendono l'infezione sono molto più protette contro la malattia grave, l'ospedalizzazione e la morte.

 

VACCINO PFIZER 1 VACCINO PFIZER 1

"Oltre alla riduzione dell'infezione sintomatica, la protezione del vaccino contro la malattia più grave da una singola dose è ancora più alta - almeno il 75%", ha detto Mary Ramsay, capo dell'immunizzazione al PHE, in un briefing.

 

Ha detto che questi risultati giustificano la politica del governo di dare una prima dose a milioni di persone e ritardare la seconda dose fino a 12 settimane dopo.

 

Ramsay ha detto: "Penso che questo rafforzi la politica di dare la singola dose a più persone per prevenire più morti e più ricoveri ora e poi tornare più tardi e ottenere la seconda dose, che darà loro una protezione più duratura e potenzialmente una migliore protezione".

 

Boris Johnson visita la QuantuMDx Biotechnology a Newcastle. Boris Johnson visita la QuantuMDx Biotechnology a Newcastle.

Matt Hancock ha detto che i risultati sono la prova che la strategia ha avuto successo. Il ministro alla salute ha detto: "Questo rapporto cruciale mostra che i vaccini funzionano - è estremamente incoraggiante vedere la prova che il vaccino Pfizer offre un alto grado di protezione contro il coronavirus".

 

Boris Johnson visita la QuantuMDx Biotechnology a Newcastle Boris Johnson visita la QuantuMDx Biotechnology a Newcastle

I dati dalla Scozia sono stati altrettanto incoraggianti. Mentre gli studi in Inghilterra hanno esaminato solo le persone a cui è stato dato il vaccino Pfizer/BioNTech, che era disponibile dalla prima settimana di dicembre, gli esperti scozzesi hanno analizzato i dati di entrambi i vaccini per un periodo di 28 giorni.

 

vaccino astrazeneca 1 vaccino astrazeneca 1

Entro la quarta settimana dopo aver ricevuto la dose iniziale, i vaccini Pfizer e Oxford/AstraZeneca avevano ridotto il rischio di ricoveri ospedalieri per Covid-19 rispettivamente dell'85% e del 94%, secondo uno studio delle università scozzesi e della Public Health Scotland.

 

vaccino astrazeneca vaccino astrazeneca

Tra le persone di 80 anni e più, la vaccinazione è stata associata a una riduzione dell'81% del rischio di ricovero in ospedale nella quarta settimana, quando i risultati per entrambi i vaccini sono stati combinati.

 

coronavirus vaccinazioni a fiumicino coronavirus vaccinazioni a fiumicino

Gli scienziati, il cui lavoro è disponibile online ma non è stato ancora sottoposto a peer-review, hanno detto che i risultati dei due vaccini non dovrebbero essere confrontati. C'erano più dati sulle persone a cui era stato dato il vaccino Pfizer, mentre il vaccino AstraZeneca era stato somministrato per lo più a persone anziane.

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY


media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute