"I NUOVI CONTAGI RIGUARDANO SOPRATTUTTO LA MINORANZA DI NON VACCINATI. SONO LORO LA CAUSA DEL RITORNO DELLA PANDEMIA" - ANDREA GORI IL PRIMARIO AL POLICLINICO DI MILANO: "OTTO RICOVERATI SU DIECI NON SONO VACCINATI, VEDREI BENE IL LOCKDOWN SOLO PER LORO - I VACCINATI CHE ARRIVANO IN OSPEDALE DI SOLITO SOFFRONO GIÀ DI PROBLEMATICHE IMPORTANTI, COME TRAPIANTI O TUMORI, E IL CONTAGIO LI COMPROMETTE…"

-

Condividi questo articolo


Francesco Rigatelli per "la Stampa"

 

ANDREA GORI ANDREA GORI

«Se la situazione continuasse a peggiorare non vedrei sfavorevolmente il lockdown dei non vaccinati». Andrea Gori, professore ordinario di Malattie infettive all'Università Statale e primario al Policlinico di Milano, prende in considerazione anche per l'Italia la proposta degli anestesisti tedeschi di far partecipare solo vaccinati e guariti alla vita pubblica in Germania. Ieri ci sono stati 10.172 contagi e 72 morti.

 

Cosa significa?

«La ripresa del contagio è costante e da una settimana si nota chiaramente. Si tratta di un fenomeno internazionale, che da noi va meglio grazie all'alto numero di vaccinati. Il problema sono i non vaccinati».

 

terapia intensiva 1 terapia intensiva 1

Loro dicono: inutile vaccinarsi, tanto i contagi crescono lo stesso...

«I contagi riguardano soprattutto la minoranza di non vaccinati, dunque è esattamente il contrario. Sono loro la causa del ritorno della pandemia».

 

In ospedale com' è la situazione?

«Per ora la pressione è modesta e l'aumento dei ricoveri pure. Non penso che ad andare a Natale ci sarà un'impennata nelle terapie intensive, ma nei reparti internistici come il mio sì».

 

terapia intensiva terapia intensiva

Chi sono i ricoverati?

«Per l'80 per cento sono non vaccinati, che rischiano molto. I vaccinati che arrivano in ospedale di solito soffrono già di problematiche importanti, come trapianti o tumori, e il contagio li compromette».

 

E chi sono i morti?

«Soprattutto anziani e fragili, spesso non vaccinati».

 

Ha ragione Ricciardi a dire che il tampone antigenico è il tallone d'Achille del Green Pass?

«È meno sensibile del molecolare, che sarebbe meglio per evidenziare gli infetti. Come debba funzionare il Green Pass però è una decisione politica».

Anziano in terapia intensiva 3 Anziano in terapia intensiva 3

 

Quanto dovrebbe durare il certificato?

«I dati dicono che dopo 6-8 mesi l'immunità tende a scendere, anche se dipende dall'età e dalle persone, per cui la durata dovrebbe essere quella».

 

Con la terza dose l'immunità durerà più a lungo?

«Possiamo sperarlo e con altri vaccini è così».

 

È in corso di valutazione il vaccino a proteine Novavax. Che novità porterà?

«Sarà un'arma in più con una tecnologia diversa, anche se non credo che chi non si è vaccinato finora lo vedrà diversamente da Pfizer e Moderna. I vaccini attuali sono già ottimi e per questo bisogna cercare di convincere più persone possibile a usarli».

 

TERAPIA INTENSIVA CORONAVIRUS TERAPIA INTENSIVA CORONAVIRUS

E le nuove cure?

«Arriveranno antivirali orali che, se usati precocemente, interromperanno la progressione della malattia e abbatteranno la contagiosità dei positivi, ma non saranno alternativi ai vaccini. Non contrarre per nulla il virus è meglio di qualsiasi terapia».

 

C'è un'emergenza dei pronto soccorso?

 «Lavorare in pandemia è complesso, le procedure si allungano e serve più personale. Sono quasi due anni che, salvo qualche mese, viviamo in emergenza, con ritmi alti e bisogno continuo di fondi».

 

Condividi questo articolo

media e tv

I SOLONI DEL LIBRO – “HO DETTO NO”, RULA JEBREAL SCAPPA DALL’INVIATA DI GILETTI: “'NON E’ L’ARENA' E’ DISINFORMAZIONE” - DA RECALCATI ALLE POESIE DA SPIAGGIA DI JOVA, LA SINISTRA DI FESTIVAL E DI POTERE HA FATTO PERCORSO NETTO AL SALONE DI TORINO – BARBERO E CHAMPAGNE: “LA GUERRA NON E’ UNA NOVITA’, E’ SEMPRE SUCCESSA” - COSE DI CUI NON CI FREGA UN BEATO LINGOTTO: COME ALESSANDRO GASSMANN È DIVENTATO GREEN. IL SEQUEL DI “FAI BEI SOGNI” DI MASSIMO GRAMELLINI. I BAGNI “NO GENDER” DI CATHY LA TORRE. CHE AL SALONE SI FA FATICA A TROVARE LIBERI QUELLI NORMALI…

politica

business

cronache

sport

“CARESSA A TE NON RISPONDO, PERCHÉ SEI IL PRIMO CHE CI HAI FATTO UN'INFAMATA PARLANDO DELLA CESSIONE DELLA SOCIETÀ” – IL PRESIDENTE DEL CAGLIARI GIULINI IN VERSIONE MARIO BREGA AL “CLUB DI SKY” - LA REPLICA DI CARESSA: “HO RIPORTATO UNA NOTIZIA, NON E’ UN’INFAMATA, E’ INFORMAZIONE. TRE CAMBI DI ALLENATORE SONO STATI UTILI O SONO STATE UNA CAUSA DELLA RETROCESSIONE? – GIULINI NON REPLICA. E IL GIORNALISTA CHIOSA: “ORA E’ COLPA DI SKY SE SIETE RETROCESSI…” - VIDEO STRACULT

cafonal

viaggi

salute