"LA PANDEMIA DI COVID SEMBRERA' IRRILEVANTE" - LA PROFESSORESSA SALLY DAVIES LANCIA L’ALLARME SUL NUMERO CRESCENTE DI SUPERBATTERI RESISTENTI AGLI ANTIBIOTICI CHE UCCIDONO ALMENO 1,2 MILIONI DI PERSONE ALL’ANNO – TUTTA COLPA NON SOLO DEGLI ANTIBIOTICI CHE INGERIAMO CON LEGGEREZZA, MA ANCHE DEGLI ALLEVAMENTI INTENSIVI: PIÙ DI DUE TERZI DI QUESTI FARMACI VENGONO SOMMINISTRATI AGLI ANIMALI PER FAVORIRE LA CRESCITA O PREVENIRE INFEZIONI IN CONDIZIONI ANTIGENICHE E DI SOVRAFFOLLAMENTO VISTO CHE…

-

Condividi questo articolo


Kat Lay per www.theguardian.com

 

sally davies sally davies

La pandemia di Covid-19 “sembrerà avere dimensioni minori” rispetto a ciò che l’umanità dovrà affrontare a causa del crescente numero di superbatteri resistenti ai farmaci attuali. È questo l’allarme lanciato dalla professoressa Dame Sally Davies, ex medico inglese.

 

Davies, che ora è l'inviato speciale del Regno Unito sulla resistenza antimicrobica (AMR), ha perso la sua figlioccia due anni fa a causa di un'infezione che non poteva essere curata. E ora dipinge un quadro desolante di ciò che potrebbe accadere se il mondo non riuscisse ad affrontare il problema entro il prossimo decennio, avvertendo che il problema è “più grave” del cambiamento climatico. Le infezioni resistenti ai farmaci uccidono già almeno 1,2 milioni di persone all’anno.

 

resistenza agli antibiotici resistenza agli antibiotici

«Sembra che molte persone abbiano infezioni incurabili e dovremmo procedere all’isolamento delle persone che sono incurabili per non infettare le loro famiglie e la comunità. Quindi è un quadro davvero disastroso. Farà sembrare un problema minore il Covid» ha detto Davies, che insegna al Trinity College di Cambridge.

La resistenza antimicrobica significa che alcune infezioni causate da batteri, virus, funghi e parassiti non possono più essere trattate con i farmaci disponibili. L’esposizione ai farmaci consente ai batteri di sviluppare la capacità di resistere e l’uso eccessivo di farmaci come gli antibiotici accelera tale processo.

 

antibiotici negli allevamenti intensivi antibiotici negli allevamenti intensivi

Una resistenza diffusa metterebbe a rischio gran parte della medicina moderna, influenzando trattamenti quali i tagli cesarei, gli interventi contro il cancro e i trapianti di organi. «Se non avremo fatto passi da gigante nei prossimi 10 anni, allora sarò davvero spaventata - ha detto Davies - Senza lo sviluppo di nuove cure durerà per decenni e non si esaurirà. Sappiamo che i virus si esauriscono, generalmente si sviluppa l’immunità di gregge, ma non è così».

 

batteri che resistono agli antibiotici batteri che resistono agli antibiotici

La settimana scorsa il governo del Regno Unito ha annunciato un piano d’azione nazionale sulla resistenza antimicrobica, con l’impegno di ridurre l’uso di antimicrobici sia negli esseri umani che negli animali, rafforzare la sorveglianza delle infezioni resistenti ai farmaci e incentivare l’industria a sviluppare nuovi farmaci e vaccini.

Lanciando il piano, Maria Caulfield, ministro della Salute, ha dichiarato: «In un mondo che si sta riprendendo dal profondo impatto della pandemia di Covid-19, la collaborazione internazionale e la preparazione alle sfide sanitarie globali hanno assunto un livello di importanza senza precedenti».

 

antibiotici negli allevamenti intensivi 7 antibiotici negli allevamenti intensivi 7

Davies ha passato più di un decennio a mettere in guardia sul problema, ma ha detto che è rimasta colpita quando la sua figlioccia, Emily Hoyle , è morta a causa di un’infezione resistente ai farmaci all’età di 38 anni. Hoyle aveva la fibrosi cistica e aveva subito due trapianti di polmone prima di essere infettata da Mycobacteroides abscessus , che era resistente al trattamento.

«Il team che l’ha curata ha provato di tutto - ha detto Davies - Guardando indietro all’anno prima che morisse, ho pensato che probabilmente questo l’avrebbe uccisa. E lei sapeva circa sei mesi prima di morire che non sarebbe stato curabile e che probabilmente ne sarebbe morta».

 

antibiotici negli allevamenti intensivi 6 antibiotici negli allevamenti intensivi 6

La morte di Hoyle ha rafforzato la sua determinazione a invertire la tendenza, descrivendola come una questione di equità intergenerazionale. «La mia generazione e quelle più anziane hanno usato gli antibiotici – ha continuato - Non ci assicuriamo che il nostro cibo venga prodotto con il minor consumo possibile. E devo fare del mio meglio per i miei figli e, se ne avrò, per i nipoti e le generazioni future».

Un decesso su cinque causato dalla resistenza antimicrobica riguarda un bambino di età inferiore ai cinque anni , di solito nell’Africa sub-sahariana, dove Davies ha affermato che il problema è “particolarmente diffuso e disastroso”.

sally davies 1 sally davies 1

 

Molti paesi sono anche duramente colpiti dalla crisi climatica e Davies ha affermato che i due problemi sono interconnessi: «Se non controlliamo e non mitighiamo la resistenza antimicrobica, ucciderà più persone prima che lo faccia il cambiamento climatico. Il clima cambierà in molti modi, pensate alle inondazioni, pensate alle acque reflue, pensate agli spostamenti, pensate alle tempeste e a ciò che diffondono e alla mancanza di acqua pulita in caso di siccità; i contagi aumentano».

batteri resistono agli antibiotici batteri resistono agli antibiotici

Sono in corso sforzi globali per ridurre l’uso inappropriato di farmaci come gli antibiotici in medicina, sebbene la pandemia di Covid-19 abbia bloccato i progressi di molte di queste iniziative. Negli ultimi anni sono stati creati pochi nuovi antibiotici e la questione è “resa più complicata” perché coinvolge settori come l’agricoltura e la salute umana.

 

Più di due terzi degli antibiotici vengono somministrati agli animali da allevamento , ha affermato Davies, solitamente per favorire la crescita o prevenire infezioni in condizioni antigeniche e di sovraffollamento, piuttosto che trattare infezioni specifiche.

antibiotici negli allevamenti intensivi 5 antibiotici negli allevamenti intensivi 5

Alcuni allevamenti ittici asiatici stanno “aggiungendo antibiotici al cibo per pesci”, in parte perché è più economico, ma anche a causa della mancanza di ricerche su quali infezioni si verificano nelle razze locali di pesci come la tilapia, e quali vaccini potrebbero essere necessari. «Se non se ne fa un uso appropriato e attento - ha detto – si rischia che la situazione vada davvero fuori controllo».

 

Gli animali, compreso l’uomo, espellono fino all’80% degli antibiotici che assumono, sottolinea, “contaminando l’ambiente”. Le fabbriche che producono antibiotici potrebbero non controllare i propri rifiuti, consentendo l’ingresso di “quantità drammatiche” nei sistemi idrici.

antibiotici negli allevamenti intensivi 2 antibiotici negli allevamenti intensivi 2

 

Nonostante i suoi avvertimenti, Davies insiste nel dire che è una persona che vede il “bicchiere mezzo pieno”. «Un importante fornitore di pollame statunitense ha smesso di usare antibiotici quindi puoi farlo anche tu -  ha detto Davies – Spero che i programmi volti a incentivare le aziende farmaceutiche a creare nuovi antibiotici diano i loro frutti».

Idealmente, tali medicinali dovrebbero essere tenuti di riserva come ultima risorsa se i farmaci esistenti non funzionano, in modo che i batteri non sviluppino resistenza ad essi. Tuttavia, è questo che rende difficile per le aziende garantire un ritorno sugli investimenti in ricerca e sviluppo.

batterio antibiotico resistente 4 batterio antibiotico resistente 4

 

Davies fa parte del Global Leaders Group delle Nazioni Unite sulla resistenza antimicrobica . A settembre, le Nazioni Unite terranno un incontro sulla questione e il gruppo sta spingendo per obiettivi da raggiungere entro il 2030, tra cui la riduzione del 10% delle morti umane a livello mondiale dovute alla resistenza antimicrobica, il taglio dell’uso degli antimicrobici in agricoltura di almeno il 30% e la fine della lotta alla resistenza antimicrobica.

batterio antibiotico resistente 2 batterio antibiotico resistente 2 antibiotici negli allevamenti intensivi 3 antibiotici negli allevamenti intensivi 3 antibiotici negli allevamenti intensivi 4 antibiotici negli allevamenti intensivi 4 antibiotici negli allevamenti intensivi 1 antibiotici negli allevamenti intensivi 1

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - E DIVORZIO FU! CON UN ACCORDO SULLA PROPRIETÀ DI UNA VILLA A FIESOLE, OMOLOGATO DALLA PROCURA DI FIRENZE QUESTA MATTINA, È SCESO DEFINITIVAMENTE IL SIPARIO: FRANCESCA PASCALE E PAOLA TURCI HANNO SCIOLTO LA LORO UNIONE CIVILE - ORA GLI ATTI DEL DIVORZIO VERRANNO TRASFERITI AL COMUNE DI MONTALCINO, DOVE, APPENA DUE ANNI FA. FU CELEBRATO IL “MATRIMONIO” DELL'EX FIRST LADY DEL BERLUSCONISMO CON LA CANTAUTRICE - PURTROPPO, ANCHE I MIRACOLI LESBO SONO COME QUELLI ETERO: NON DURANO. FINITA L’INIZIALE PASSIONE, DA ALMENO UN ANNO L’ALCHIMIA EROTICA TRA PAOLA E FRANCESCA ERA ALLA DERIVA CON L’ENTOURAGE DELLA COPPIA CHE SUSSURRAVA DI “CADUTA DEL DESIDERIO”, “CRISI”, “SCAZZI”, “ALLONTANAMENTI”, LITIGI E RIPICCHE. QUESTA MATTINA, L’ULTIMO ATTO…

DAGOREPORT - "BENVENUTI A PAMPLONA, TURISTI DEL CAZZO"! - CRONACHE DALLA FOLLE FESTA DI SAN FERMIN, DOVE ALLE 8 DI MATTINA MIGLIAIA DI PERSONE SCAPPANO PER QUASI UN CHILOMETRO SPERANDO DI NON FARSI INCORNARE DAI TORI: NON TUTTE CI SONO RIUSCITE, DAL 1910 IL BILANCIO DELLE VITTIME E' DI 16 PERSONE - L'ARRIVO DEI BESTIONI NELL'ARENA GREMITA DI GENTE UBRIACA CHE CANTA I RICCHI E POVERI. LE NOTTI A LUCI ROSSE DEI TURISTI AMERICANI. LA FINALE DEGLI EUROPEI IGNORATA COMPLETAMENTE ("GLI SPAGNOLI? DEI FIGLI DI PUTTANA") - VIDEO

DAGOREPORT - LA DISAVVENTURA CHE VIDE GIANNI AGNELLI E IL PLAYBOY GIGI RIZZI FINIRE PER TRE GIORNI IN UNA GALERA FRANCESE - UNA BOMBASTICA STORIA RACCONTATA DA UN EX DIRIGENTE FIAT CHE, VA AMMESSO, NON È SOSTENUTA DA UN DOCUMENTO O INDISCREZIONI GOSSIP - IL FATTACCIO AVVENNE NEL1969 A CAP FERRAT: LA TRUPPA SBRONZA E SU DI GIRI CAPITANATA DA GIGI RIZZI, RINFORZATA DALLA PRESENZA CHIC DELL’AVVOCATO, MISE SOTTOSOPRA UN NIGHT CLUB. CI VOLLE L'INTERVENTO DELLA POLIZIA PER FRENARE LA BABILONIA DEGLI "ITALIENS” - RIZZI E AGNELLI FURONO BECCATI IN POSSESSO DI DOSI DI COCAINA E FINIRONO IN GATTABUIA...

DAGOREPORT – ANCHE ROBERTA METSOLA VA IN PRESSING SU GIORGIA MELONI: LA PRESIDENTE DEL PARLAMENTO EUROPEO, RIELETTA CON UNA MAGGIORANZA RECORD DI 562 VOTI, COMPRESI QUELLI DI ECR, OGGI TELEFONERÀ ALLA DUCETTA PER CONVINCERLA A SMETTERLA DI NICCHIARE E APPOGGIARE APERTAMENTE URSULA VON DER LEYEN – LA DUCETTA È CONSAPEVOLE DELL’IMPORTANZA DI NON AUTOESCLUDERSI, MA È TERRORIZZATA DI PERDERE ECR, DALLA REAZIONE DI SALVINI PRONTO A URLARE ALL’INCIUCIO CON I SOCIALISTI E DALLO ZOCCOLO POST-FASCIO DEL SUO ELETTORATO, DA SEMPRE EURO-SCETTICO – BIDEN O TRUMP? CHIUNQUE VINCA, PER L’UE È FINITA LA PACCHIA DELLA SICUREZZA MILITARE PAGATA DAGLI USA...

DAGOREPORT – LA RESA DEI CONTI TRA BIDEN E OBAMA ARRIVERÀ A FINE LUGLIO, QUANDO SI TIRERANNO LE SOMME SULLA PENURIA DI DONAZIONI: ANCHE UN EVENTUALE SUCCESSO IN POLITICA INTERNAZIONALE (LA TREGUA A GAZA) RISCHIA DI NON ESSERE RISOLUTIVO PER “SLEEPY JOE” – I SONDAGGI CONTINUANO A FOTOGRAFARE UN TESTA A TESTA CON TRUMP: L’ATTENTATO AL TYCOON NON HA SMOSSO TROPPI CONSENSI. ORMAI L’AMERICA, SEMPRE PIÙ POLARIZZATA, RAGIONA SU ALTRI SCHEMI - IN UN PAESE CON 330 MILIONI DI ABITANTI E 450 MILIONI DI ARMI PUO' SUCCEDERE DI TUTTO…