SIETE SICURI CHE SIANO GLI SMARTPHONE LA CAUSA DELLA DEPRESSIONE DEI PISCHELLI? - NEGLI ULTIMI ANNI IN DANIMARCA, PAESE DOVE LA PERCENTUALE DI TELEFONI TRA I RAGAZZI È LA PIÙ ALTA AL MONDO, GLI ADOLESCENTI FINITI IN OSPEDALE A CAUSA DI GESTI AUTOLESIONISTICI (DOVUTI DALLA DEPRESSIONE) SONO DIMINUITI DI OLTRE IL 40% - IN AMERICA, NEL 2022, I SUICIDI SONO CALATI DEL 18% TRA I GIOVANI TRA I 10 E I 14 ANNI, E DEL 9% PER QUELLI TRA I 15 E I 24 - IL DISAGIO DEI RAGAZZI DA DOVE ARRIVA? DAI SOCIAL? DA FAMIGLIE DISFUNZIONALI? O E' SEMPRE ESISTITO E ORA E' SOLO PIU' EVIDENTE?

-

Condividi questo articolo


Traduzione dell’articolo di David Wallace-Wells per www.nyt.com

 

smartphone e depressione 3 smartphone e depressione 3

Ecco la storia. Nel 2007 Apple ha lanciato l'iPhone, dando inizio alla rivoluzione degli smartphone che avrebbe rapidamente trasformato il mondo. Nel 2010 ha aggiunto una fotocamera frontale, contribuendo a spostare il panorama dei social media verso le immagini, soprattutto i selfie.

 

In parte come risultato, nei cinque anni successivi, la natura dell'infanzia e soprattutto dell'adolescenza è cambiata radicalmente tanto che tra il 2010 e il 2015 la salute mentale e il benessere sono crollati e la sofferenza e la disperazione sono esplose, in particolare tra le ragazze adolescenti.

 

smartphone e depressione 1 smartphone e depressione 1

Per le giovani donne, i tassi di ospedalizzazione per autolesionismo non fatale negli Stati Uniti, che avevano toccato il fondo nel 2009, hanno ricominciato a salire, secondo i dati riferiti al C.D.C., facendo un balzo a partire dal 2012 e un altro a partire dal 2016, e producendo, nell'arco di circa un decennio, un allarmante aumento del 48% delle visite al pronto soccorso tra le ragazze americane di età compresa tra i 15 e i 19 anni e uno scioccante aumento del 188% tra le ragazze di età compresa tra i 10 e i 14 anni.

 

Ecco un'altra storia. Nel 2011, nell'ambito dell'introduzione dell'Affordable Care Act, il Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani ha emanato una nuova serie di linee guida che raccomandavano di sottoporre le ragazze adolescenti a screening annuali per la depressione da parte dei loro medici di base e, nello stesso anno, ha richiesto che le compagnie assicurative coprissero interamente tali screening.

 

smartphone e depressione 4 smartphone e depressione 4

[…] “Gli smartphone e i social media stanno distruggendo la salute mentale dei bambini”, ha dichiarato la scorsa primavera il Financial Times. Questa primavera, il nuovo libro di Haidt sull'argomento, The Anxious Generation: How the Great Rewiring of Childhood Is Causing an Epidemic of Mental Illness, ha debuttato al primo posto della classifica dei best-seller del New York Times.

 

Nella sua recensione del libro, il Guardian ha descritto lo smartphone come “una tasca piena di veleno” e, in un saggio, il New Yorker ha accettato come un dato di fatto che la Gen Z fosse nel mezzo di una “emergenza di salute mentale” e che “i social media fanno male ai giovani”. “I genitori potevano vedere i loro figli ossessionati dal telefono cambiare e soccombere all'angoscia”, rifletteva il Wall Street Journal. “Ora conosciamo il vero orrore di ciò che è accaduto”.

 

tristezza e social network tristezza e social network

Ma, in fondo, lo sappiamo? Negli ultimi cinque anni, la domanda “È colpa dei telefoni?” è diventata “Probabilmente sono i telefoni”, in particolare tra una vecchia generazione ansiosa che elabora sui social media grafici sconfortanti sulla salute mentale degli adolescenti mentre scorre i propri telefoni.

 

Ma per quanto possiamo pensare di sapere quanto il tempo trascorso sullo schermo sia corrosivo per la salute mentale, i dati appaiono più oscuri e ambigui di quanto suggeriscano i titoli dei giornali o di quanto sembrino dirci le nostre stesse ansie private, come genitori e dipendenti dallo smartphone.

 

asocialita' smartphone asocialita' smartphone

Cosa sappiamo davvero dello stato di salute mentale degli adolescenti di oggi? Il suicidio è la misura più concreta del disagio emotivo e i tassi di suicidio tra gli adolescenti americani di età compresa tra i 15 e i 19 anni sono effettivamente aumentati negli ultimi dieci anni, passando da circa 7,5 morti su 100.000 nel 2009 a circa 11,8 morti su 100.000 nel 2021.

 

Ma l'epidemia americana di suicidi non è limitata agli adolescenti. Nel 2022, il tasso di suicidio era aumentato di circa altrettanto dal 2000 per l'intero Paese, il che suggerisce una storia nazionale più ampia e complicata di quella incentrata sulla vulnerabilità emotiva degli adolescenti nei confronti di Instagram.

 

dipendenza da smartphone dipendenza da smartphone

E tra gli adolescenti di altri Paesi ricchi non c'è essenzialmente alcun segno di uno schema simile. Come ha recentemente documentato Max Roser di Our World in Data, i tassi di suicidio tra gli adolescenti più grandi e i giovani adulti sono rimasti pressoché stabili o sono diminuiti nello stesso periodo di tempo in Francia, Spagna, Italia, Austria, Germania, Grecia, Polonia, Norvegia e Belgio. In Svezia si sono registrati solo aumenti molto contenuti.

 

C'è un segnale di sofferenza più forte nei dati relativi alle giovani donne? Sì, in qualche modo. Secondo un'analisi internazionale dell'Economist, i tassi di suicidio tra le giovani donne in 17 Paesi ricchi sono cresciuti dal 2003 di circa il 17%, raggiungendo nel 2020 un tasso di 3,5 suicidi ogni 100.000 persone.

 

smartphone e depressione smartphone e depressione

Il tasso tra le giovani donne è sempre stato basso, rispetto ad altri gruppi, e tra i Paesi della serie di dati dell'Economist, il tasso tra gli adolescenti maschi, che non è cresciuto affatto, rimane quasi il doppio. Tra gli uomini di 50 anni, il tasso è più di sette volte più alto.

 

In alcuni Paesi si notano segni di convergenza per sesso ed età, con tassi di suicidio tra le giovani donne che si avvicinano a quelli di altri gruppi demografici. Ma lo schema, tra i vari Paesi, è piuttosto vario. In Danimarca, dove la penetrazione degli smartphone è stata la più alta al mondo nel 2017, i tassi di ospedalizzazione per autolesionismo tra i giovani tra i 10 e i 19 anni sono diminuiti di oltre il 40% tra il 2008 e il 2016.

 

ragazzina depressa 3 ragazzina depressa 3

In Germania, il numero di suicidi tra le donne di età compresa tra i 15 e i 20 anni è oggi pari ad appena un quarto di quello registrato all'inizio degli anni '80, e il numero è rimasto notevolmente stabile per più di due decenni.

 

Negli Stati Uniti, i tassi di suicidio dei giovani uomini sono ancora tre volte e mezzo più alti di quelli delle giovani donne, i recenti aumenti sono stati maggiori in termini assoluti tra i giovani uomini che tra le giovani donne, e i tassi di suicidio per tutti gli adolescenti sono in graduale diminuzione dal 2018.

ragazzina depressa ragazzina depressa

 

Nel 2022, l'ultimo anno per il quale sono disponibili i dati del C.D.C., i suicidi sono diminuiti del 18% per gli americani di età compresa tra i 10 e i 14 anni e del 9% per quelli di età compresa tra i 15 e i 24 anni.

 

Tutto questo non significa che tutto vada bene, che i ragazzi stiano benissimo, che non ci siano segni di peggioramento della salute mentale tra gli adolescenti o che non ci sia qualcosa di significativo e persino potenzialmente dannoso nell'uso degli smartphone e dei social media. I telefoni ci hanno cambiato e ci stanno ancora cambiando, come sa bene chi ne usa uno o osserva il mondo attraverso di essi. Ma stanno generando un'evidente crisi della salute mentale?

ragazzina depressa 2 ragazzina depressa 2

 

Il quadro che emerge dai dati sui suicidi è eterogeneo e complicato da analizzare. Il suicidio è la misura della disperazione più difficile da contestare, ma non la più capiente. Ma mentre i tassi di depressione e ansia sono cresciuti in modo impressionante per gli adolescenti in alcune parti del mondo, compresi gli Stati Uniti, è difficile disgiungere questi aumenti dalla crescente consapevolezza e destigmatizzazione della salute mentale, e i tentativi di misurare il fenomeno in modi diversi possono dare risultati molto diversi.

 

cyberbullismo cyberbullismo

Secondo i dati utilizzati da Haidt, tratti dall'indagine nazionale statunitense sull'uso e la salute delle droghe, condotta dalla Substance Abuse and Mental Health Services Administration, la percentuale di ragazze adolescenti che hanno riferito episodi di depressione maggiore nell'ultimo anno è cresciuta di circa il 50% tra il 2005 e il 2017, per esempio, mentre la percentuale di ragazzi adolescenti che hanno riferito lo stesso è cresciuta di circa il 75% da un livello più basso.

 

Ma in un'indagine biennale del C.D.C. sulla salute mentale degli adolescenti, la percentuale di adolescenti che hanno dichiarato di essere stati persistentemente tristi per un periodo di almeno due settimane nell'ultimo anno è cresciuta da solo il 28,5% nel 2005 al 31,5% nel 2017. Due diverse indagini hanno seguito esattamente lo stesso periodo, e una ha mostrato un enorme aumento della depressione, mentre l'altra non ha mostrato quasi alcun cambiamento.

ragazzina depressa 1 ragazzina depressa 1

 

Se l'aumento dei disturbi dell'umore fosse un effetto diretto dello smartphone, ci si aspetterebbe di vederlo ovunque ci siano gli smartphone e invece, come nel caso del suicidio, non è così. In Gran Bretagna, la percentuale di giovani che hanno dichiarato di “sentirsi giù” o di soffrire di depressione è cresciuta dal 31% nel 2012 al 38% alla vigilia della pandemia e al 41% nel 2021. Si tratta di un dato significativo, anche se da altre misure gli adolescenti britannici appaiono, seppure più depressi rispetto agli anni Duemila, non molto più depressi rispetto agli anni Novanta.

 

Nel complesso, se si scavano i dati paese per paese, molti luoghi sembrano registrare un aumento della depressione tra gli adolescenti, in particolare tra i paesi dell'Europa occidentale e del Nord America. Ma le tendenze sono difficili da disgiungere dai cambiamenti nei modelli diagnostici e dalla medicalizzazione della tristezza, come ha sostenuto Lucy Foulkes, e il quadro varia notevolmente da Paese a Paese.

 

depressione adolescenti 1 depressione adolescenti 1

In Canada, ad esempio, le indagini sul benessere degli adolescenti mostrano un calo significativo tra il 2015 e il 2021, in particolare tra le giovani donne; in Corea del Sud i tassi di episodi depressivi tra gli adolescenti sono diminuiti del 35% tra il 2006 e il 2018.

 

[…] Ma secondo il World Happiness Report, la soddisfazione della vita tra i 15 e i 24 anni in tutto il mondo è migliorata in modo abbastanza costante dal 2013, con guadagni più significativi tra le donne, mentre lo smartphone completava la sua conquista globale, con un leggero calo durante i primi due anni della pandemia. Una revisione internazionale pubblicata nel 2020, che ha esaminato più di 900.000 adolescenti in 36 Paesi, non ha mostrato alcun cambiamento nella soddisfazione della vita tra il 2002 e il 2018.

 

depressione adolescenti 2 depressione adolescenti 2

“Non sembra che ci sia una grande cosa uniforme che sta accadendo alla salute mentale delle persone”, ha detto Andrew Przybylski, professore a Oxford. “In alcuni luoghi particolari, ci sono alcune misure che si muovono nella direzione sbagliata. Ma se dovessi descrivere la tendenza globale dell'ultimo decennio, direi che non c'è una tendenza uniforme che mostri una crisi globale e, laddove le cose stanno peggiorando per gli adolescenti, non c'è alcuna prova che sia il risultato della diffusione della tecnologia”.

 

ragazzina depressa 5 ragazzina depressa 5

Se Haidt è il volto pubblico della preoccupazione per gli adolescenti e i telefoni, Przybylski è probabilmente il più importante scettico della tesi. Tra gli altri, Amy Orben, dell'Università di Cambridge, che a gennaio ha dichiarato al Guardian: “Penso che le preoccupazioni per i telefoni come entità unica siano esagerate”; Chris Ferguson, della Stetson University, che sta per pubblicare una nuova meta-analisi che non mostra alcuna relazione tra l'uso degli smartphone e il benessere; e Candice Odgers, dell'Università della California, Irvine, che ha pubblicato su Nature una recensione molto discussa di Haidt, in cui ha dichiarato che “il ripetuto suggerimento del libro che le tecnologie digitali stiano ricablando il cervello dei nostri figli e causando un'epidemia di malattie mentali non è supportato dalla scienza”. “

 

depressione tra gli adolescenti depressione tra gli adolescenti

Ma tutto questo solleva anche la complicata questione di cosa intendiamo esattamente per “scienza”, nel contesto di fenomeni sociali come questi, e quale standard di evidenza dovremmo applicare quando ci chiediamo se qualcosa si qualifica come “crisi” o “emergenza” e cosa sappiamo su ciò che può averla causata. C'è una ragione per cui raramente riduciamo ampi cambiamenti sociali a spiegazioni monocausali, sia che si parli del rapido declino delle gravidanze adolescenziali negli anni Duemila, o del picco di suicidi giovanili alla fine degli anni Ottanta e all'inizio degli anni Novanta, o dell'aumento della criminalità iniziato negli anni Sessanta: Le vite sono troppo complesse per essere facilmente ridotte all'influenza di singoli fattori, che si tratti di una recessione o di condizioni politiche o, se vogliamo, di guasti climatici.

 

A mio avviso, il numero di luoghi in cui i tassi di depressione tra gli adolescenti sono in netto aumento è un motivo legittimo di preoccupazione. Ma vale anche la pena ricordare che, ad esempio, tra la metà degli anni '90 e la metà degli anni 2000, le diagnosi di disturbo bipolare tra i giovani americani sono cresciute di circa 40 volte, ed è difficile trovare qualcuno che creda che questo cambiamento sia stato un vero riflesso dell'incidenza sottostante.

 

E quando ci troviamo nel panico di fronte a grafici che mostrano un rapido aumento, ad esempio, del numero di ragazze britanniche che dichiarano di essere spesso infelici o di sentirsi un fallimento, vale la pena ricordare che i grafici sono stati probabilmente ingranditi per enfatizzare il picco, e che l'aumento è solo da circa il 5% degli adolescenti a circa il 10% nel primo caso, o da circa il 15% a circa il 20% nel secondo.

 

Può anche darsi, come ha sottolineato Orben, che gli smartphone e i social media possano essere problematici per alcuni adolescenti senza causare danni emotivi alla maggioranza di loro. Questo non vuol dire che, considerando l'intera portata del problema, non ci sia nulla. Ma nel complesso è probabilmente meno di quanto sembri.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - E DIVORZIO FU! CON UN ACCORDO SULLA PROPRIETÀ DI UNA VILLA A FIESOLE, OMOLOGATO DALLA PROCURA DI FIRENZE QUESTA MATTINA, È SCESO DEFINITIVAMENTE IL SIPARIO: FRANCESCA PASCALE E PAOLA TURCI HANNO SCIOLTO LA LORO UNIONE CIVILE - ORA GLI ATTI DEL DIVORZIO VERRANNO TRASFERITI AL COMUNE DI MONTALCINO, DOVE, APPENA DUE ANNI FA. FU CELEBRATO IL “MATRIMONIO” DELL'EX FIRST LADY DEL BERLUSCONISMO CON LA CANTAUTRICE - PURTROPPO, ANCHE I MIRACOLI LESBO SONO COME QUELLI ETERO: NON DURANO. FINITA L’INIZIALE PASSIONE, DA ALMENO UN ANNO L’ALCHIMIA EROTICA TRA PAOLA E FRANCESCA ERA ALLA DERIVA CON L’ENTOURAGE DELLA COPPIA CHE SUSSURRAVA DI “CADUTA DEL DESIDERIO”, “CRISI”, “SCAZZI”, “ALLONTANAMENTI”, LITIGI E RIPICCHE. QUESTA MATTINA, L’ULTIMO ATTO…

DAGOREPORT - "BENVENUTI A PAMPLONA, TURISTI DEL CAZZO"! - CRONACHE DALLA FOLLE FESTA DI SAN FERMIN, DOVE ALLE 8 DI MATTINA MIGLIAIA DI PERSONE SCAPPANO PER QUASI UN CHILOMETRO SPERANDO DI NON FARSI INCORNARE DAI TORI: NON TUTTE CI SONO RIUSCITE, DAL 1910 IL BILANCIO DELLE VITTIME E' DI 16 PERSONE - L'ARRIVO DEI BESTIONI NELL'ARENA GREMITA DI GENTE UBRIACA CHE CANTA I RICCHI E POVERI. LE NOTTI A LUCI ROSSE DEI TURISTI AMERICANI. LA FINALE DEGLI EUROPEI IGNORATA COMPLETAMENTE ("GLI SPAGNOLI? DEI FIGLI DI PUTTANA") - VIDEO

DAGOREPORT - LA DISAVVENTURA CHE VIDE GIANNI AGNELLI E IL PLAYBOY GIGI RIZZI FINIRE PER TRE GIORNI IN UNA GALERA FRANCESE - UNA BOMBASTICA STORIA RACCONTATA DA UN EX DIRIGENTE FIAT CHE, VA AMMESSO, NON È SOSTENUTA DA UN DOCUMENTO O INDISCREZIONI GOSSIP - IL FATTACCIO AVVENNE NEL1969 A CAP FERRAT: LA TRUPPA SBRONZA E SU DI GIRI CAPITANATA DA GIGI RIZZI, RINFORZATA DALLA PRESENZA CHIC DELL’AVVOCATO, MISE SOTTOSOPRA UN NIGHT CLUB. CI VOLLE L'INTERVENTO DELLA POLIZIA PER FRENARE LA BABILONIA DEGLI "ITALIENS” - RIZZI E AGNELLI FURONO BECCATI IN POSSESSO DI DOSI DI COCAINA E FINIRONO IN GATTABUIA...

DAGOREPORT – ANCHE ROBERTA METSOLA VA IN PRESSING SU GIORGIA MELONI: LA PRESIDENTE DEL PARLAMENTO EUROPEO, RIELETTA CON UNA MAGGIORANZA RECORD DI 562 VOTI, COMPRESI QUELLI DI ECR, OGGI TELEFONERÀ ALLA DUCETTA PER CONVINCERLA A SMETTERLA DI NICCHIARE E APPOGGIARE APERTAMENTE URSULA VON DER LEYEN – LA DUCETTA È CONSAPEVOLE DELL’IMPORTANZA DI NON AUTOESCLUDERSI, MA È TERRORIZZATA DI PERDERE ECR, DALLA REAZIONE DI SALVINI PRONTO A URLARE ALL’INCIUCIO CON I SOCIALISTI E DALLO ZOCCOLO POST-FASCIO DEL SUO ELETTORATO, DA SEMPRE EURO-SCETTICO – BIDEN O TRUMP? CHIUNQUE VINCA, PER L’UE È FINITA LA PACCHIA DELLA SICUREZZA MILITARE PAGATA DAGLI USA...

DAGOREPORT – LA RESA DEI CONTI TRA BIDEN E OBAMA ARRIVERÀ A FINE LUGLIO, QUANDO SI TIRERANNO LE SOMME SULLA PENURIA DI DONAZIONI: ANCHE UN EVENTUALE SUCCESSO IN POLITICA INTERNAZIONALE (LA TREGUA A GAZA) RISCHIA DI NON ESSERE RISOLUTIVO PER “SLEEPY JOE” – I SONDAGGI CONTINUANO A FOTOGRAFARE UN TESTA A TESTA CON TRUMP: L’ATTENTATO AL TYCOON NON HA SMOSSO TROPPI CONSENSI. ORMAI L’AMERICA, SEMPRE PIÙ POLARIZZATA, RAGIONA SU ALTRI SCHEMI - IN UN PAESE CON 330 MILIONI DI ABITANTI E 450 MILIONI DI ARMI PUO' SUCCEDERE DI TUTTO…