IL VACCINO È MENO VICINO – ANCHE L’INDIA INTERROMPE LE SPERIMENTAZIONI DEL COVISHIELD, IL VACCINO DI OXFORD PRODOTTO DALLA MULTINAZIONALE ASTRAZENECA - LA DECISIONE È ARRIVATA DOPO LA SEGNALAZIONE DI DANNI NEUROLOGICI IN UN PAZIENTE DA PARTE DELLA CASA FARMACEUTICA. MA NON SIGNIFICA CHE SARÀ BUTTATO VIA IL PREPARATO, MA CAPIRE SE QUELL’EFFETTO COLLATERALE È DOVUTO ALL’INIEZIONE O…

-

Condividi questo articolo

Adriana Bazzi per il ''Corriere della Sera''

 

vaccino coronavirus vaccino coronavirus

L' India fa sentire la sua voce sul vaccino anti Sars-Cov 2 e annuncia, tramite il Serum Institute of India di Pune, vicino a Mumbai, uno dei più grandi centri di produzione dei vaccini al mondo, che interromperà le sperimentazioni del Covishield, noto come vaccino Oxford e sviluppato con il supporto della multinazionale anglo-svedese AstraZeneca (e dell' Italia) e sperimentato anche da quelle parti (ma senza segnalazioni di effetti collaterali).

 

ASTRAZENECA ASTRAZENECA

La decisione delle autorità indiane arriva dopo che, nei giorni scorsi, la compagnia farmaceutica anglo-svedese aveva annunciato la sospensione degli studi in seguito alla segnalazione di effetti collaterali in un paziente (per la precisione danni neurologici di una certa rilevanza).

 

coronavirus india 1 coronavirus india 1

Una decisione giusta, quella di AstraZeneca, che dimostra come la sperimentazione di un vaccino è fatta apposta per garantire non solo la sua efficacia nel prevenire la malattia, ma anche la sicurezza. E la sospensione delle sperimentazioni non significa buttare via il preparato, ma capire se quell' effetto collaterale può essere dovuto ad altro.

 

Pascal Soriot Pascal Soriot

Proprio ieri il ceo del gruppo, Pascal Soriot, ha precisato di non poter dire esattamente quando i trial riprenderanno, ma di essere comunque convinto che il progetto resti «in corsa per avere entro quest' anno una data» per la richiesta di approvazione delle autorità sanitarie «e un vaccino potrebbe poi essere disponibile a fine anno o a inizio del prossimo».

 

La decisione indiana, quindi, è in linea con quanto sta accadendo in altri Paesi, a scopo cautelativo. Ma vale la pena di dare un occhio a come questa superpotenza si stia collocando sullo scacchiere mondiale vaccinale che vede Stati Uniti, Cina, Russia ed Europa (soprattutto Regno Unito) in primo piano nella corsa al vaccino, con tutte le conseguenti implicazioni economiche, geopolitiche e, probabilmente da ultimo, sanitarie.

vaccino coronavirus mielite vaccino coronavirus mielite

 

Non solo per quanto riguarda la ricerca o la sperimentazione (che al momento l' India sta conducendo con le aziende occidentali, mentre Cina e Russia stanno facendo da sé), ma anche la produzione. L' India si sta confrontando con una delle peggiori situazioni al mondo: negli ultimi giorni ha sfiorato i centomila casi in un giorno, superando il Brasile. Il governo indiano si è barcamenato, fin dall' inizio della pandemia, fra provvedimenti di lockdown severo e atteggiamenti quasi negazionisti (invocando anche prevenzione e cure che si rifanno alla tradizionale medicina ayurvedica).

 

elisa granato si fa iniettare la prima dose di vaccino contro il coronavirus elisa granato si fa iniettare la prima dose di vaccino contro il coronavirus

Ma il Serum Institute di Pune aveva già avviato la produzione del vaccino di Oxford, confidando dunque nella medicina occidentale e l' India si augurava di poter avere un vaccino prima di tutti: nelle previsioni addirittura a ottobre. Ma adesso bisognerà attendere. Anche il Brasile, intanto, ha annunciato lo stop dei test in corso su 5 mila volontari, ma ha al contempo ratificato il contratto con AstraZeneca per la produzione del vaccino.

ASTRAZENECA ASTRAZENECA

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

LA ROMA TREMA, LO STADIO ORA E’ UN MIRAGGIO – IL PD SI SFILA, IL PROGETTO DEL NUOVO IMPIANTO A TOR DI VALLE SEMPRE PIU’ IN BILICO, LA RAGGI: “I DEM NON VOGLIONO LO STADIO. VIA LIBERA ENTRO NATALE” - IL CLUB GIALLOROSSO SI ASPETTAVA IN QUESTO MESE IL VIA ALL’ITER CHE DOVREBBE PORTARE ALL’APPROVAZIONE DELLA VARIANTE E DELLA CONVENZIONE URBANISTICA – LA SINDACA E’ ALLE PRESE CON UN MOVIMENTO SPACCATO E CON UN PD CHE PARTE DA UNA “POSIZIONE DI FORTE CONTRARIETA’”

cafonal

viaggi

salute