''LE MANUTENZIONI LE ABBIAMO FATTE IN CALARE, GILBERTO E I BENETTON ERANO CONTENTI PERCHÉ COSÌ DISTRIBUIVAMO GLI UTILI'' - LE INTERCETTAZIONI TREMENDE DI GIANNI MION, PER 20 ANNI PLENIPOTENZIARIO DELLA FAMIGLIA VENETA, E DEL PROFESSORE EMERITO DELLA BOCCONI GIORGIO BRUNETTI, CON CUI AVEVA SCRITTO UN LIBRO. ''PIU' PASSAVA IL TEMPO E MENO...''

Condividi questo articolo

 

https://www.editorialedomani.it/

 

GIANNI MION 1 GIANNI MION 1

Il 2 febbraio  del 2020 un professore emerito della Bocconi, Giorgio Brunetti, dialoga al telefono con con Gianni Mion, da sempre il manager di riferimento della famiglia Benetton, quello che amministra Edizione Holding, la cassaforte del gruppo di Ponzano Veneto a cui fa capo tutta la catena societaria che include il controllo di Atlantia e, a cascata, quello di Autostrade per l’Italia (Aspi). I due si conoscono, hanno pubblicato insieme un libro qualche anno fa, Manager oggi, per Egea. Sono abbastanza in confidenza da dirsi cose che in pubblico non si sono mai sentite. 

 

Quelli sono giorni difficili, il negoziato infinito con il governo Conte dopo la caduta del ponte Morandi nell’estate del 2018 sta peggiorando. Anche se la revoca della concessione pare esclusa, si studiano altre soluzioni. Molto dipende da come verrà rinegoziato il Piano economico e finanziario che stabilisce la redditività futura di Autostrade e dunque il prezzo al quale i Benetton possono vendere la loro quota di controllo (88 per cento)

sabrina e gilberto benetton ermanno boffa sabrina e gilberto benetton ermanno boffa

La telefonata è intercettata e contenuta nell’inchiesta della procura di Genova che ha portato a misure cautelari per vari dirigenti attuali e passati di Autostrade, incluso l’ex ad Giovanni Castellucci. 

 

Ecco il testo

 

Mion: mentre il management.. che si era impossessato della loro testa...

Brunetti: appunto ...

Mion: pensava dì fare lui... ...

Brunetti: era già nel 2007, ti ricordi sto discorso?

Mion: esatto...

Brunetti: 2007 quindi sono passati 12 anni, 12 anni ...

Mion: ti ricordi poi, poi Castellucci… allora diceva “facciamo noi!” e Gilberto (Benetton, l’esponente della famiglia che si è sempre occupato di Autostrade, ndr) eccitato perché lui guadagnava e suo fratello di più… (il fratello è Luciano, quello che ha da poco ripreso in mano il ramo abbigliamento, ndr)

luciano giuliana gilberto benetton luciano giuliana gilberto benetton

 

Brunetti: ma veramente, allora  tu eri consapevole mi ricordo fin dall’inizio…

Mion: (incomprensibile)

Brunetti: quando hanno acquistato quella roba, era una roba che loro non potevano neanche governare…

Mion: esatto ..

Brunetti: come concetto, non gestire ma governare, non avevano il fisico del governo giusto?

Mion: chiaro .. chiaro ..

Brunetti: pacifico che bisognava arrivare.. dicevi sempre.. un discorso di minoranza e di liquidabilità della quota.. 

 

Mion: Sì ...

giovanni castellucci foto di bacco (3) giovanni castellucci foto di bacco (3)

Brunetti: lo so, è ben chiaro sto discorso qua, ben chiaro e non è mai stato recepito...

Mion: No ma perché, non ho trovato Gilberto ..

Brunetti: assolutamente Gilberto ...

Mion:· no no guarda l’ la responsabilità...

Brunetti: si erano innamorati di sta roba senza sapere… 

Mion: glielo dicevano... 

Brunetti: I rischi che c’erano in sta roba...

 

Mion: esatto

Brunetti: questo era il problema ...

Mion: si ma però poi il vero grande problema è che le manutenzioni le abbiamo fatte in calare, più passava il tempo meno facevamo ...

Brunetti: Sì daiii ....

Mion: cosi distribuiamo più utili ...

Brunetti: Utili ...

Mion: Esatto.. e Gilberto e tutta la famiglia erano contenti …

 

 

Condividi questo articolo

business