L'ASSEMBLEA DI TIM HA ELETTO ALBERTA FIGARI PRESIDENTE E CONFERMATO PIETRO LABRIOLA COME AMMINISTRATORE DELEGATO – LA LISTA DEL CDA USCENTE HA OTTENUTO IL 48,97% DEI VOTI. ENTRANO UMBERTO PAOLUCCI E STEFANO SIRAGUSA DI MERLYN E PAOLA GIANNOTTI DE PONTI DI BLUEBELL – I SOCI PRESENTI HANNO APPROVATO IL BILANCIO CON OLTRE IL 52% DEI VOTI – A VIVENDI, CHE SI È ASTENUTA SULLA NOMINA DEL CDA, VA LA MAGGIORANZA DEL COLLEGIO DEI SINDACI, CON IL 75,39% DEI VOTI IN ASSEMBLEA

-

Condividi questo articolo


++ FIGARI NUOVA PRESIDENTE DI TIM, CONFERMATO L'AD LABRIOLA ++

ALBERTA FIGARI ALBERTA FIGARI

(ANSA) - MILANO, 23 APR - E' Alberta Figari la nuova presidente di Tim, affiancata dall'amministratore delegato Pietro Labriola, che viene riconfermato, Giovanni Gorno Tempini, Paola Camagni, Federico Ferro Luzzi e Domitilla Benigni, indicati nella lista del Cda uscente che ha ottenuto il 48,97% dei voti in assemblea.

 

Ad essi si affiancano Umberto Paolucci e Stefano Siragusa, indicati nella lista depositata da Merlyn Partners, che ha ottenuto il 2,38% dei voti, e Paola Giannotti De Ponti, della lista tratti i seguenti amministratori: depositata da Bluebell che ha ottenuto l'1,01% dei voti.

 

All'assemblea ordinaria di Tim che si è svolta senza la presenza fisica ha partecipato circa il 50,77% del capitale. I soci presenti hanno approvato con oltre il 52% dei voti il bilancio, che si è chiuso con una perdita netta di 995 milioni, coperta mediante l' utilizzo integrale della riserva da sovrapprezzo delle azioni e dal prelievo dalla riserva legale.

 

PIETRO LABRIOLA TIM PIETRO LABRIOLA TIM

Non è stata approvata invece la relazione sulla politica di remunerazione e sui compensi corrisposti con oltre il 50% di voti astenuti in entrambe le sessioni, così come non sono passate le modifiche al Piano di Stock Options 2022-2024 proposte dal consiglio di amministrazione uscente. Anche in questo caso ha prevalso l'astensione con il 50,21% dei voti.

 

Mancata approvazione anche per la proposta di riduzione delle poste di patrimonio netto in via definitiva, escludendone la successiva ricostituzione, fatto salvo quanto previsto dall'articolo 2430 del codice civile,, a seguito della delibera di copertura della perdita d'esercizio con l'utilizzo di riserve. Fissati infine gli emolumenti del Collegio Sindacale in 135 mila euro lordi annui per il presidente, 95 mila euro per ciascun sindaco effettivo e 15 mila aggiuntivi per il sindaco effettivo chiamato a far parte dell'organismo di vigilanza. Come da prassi, il consiglio di amministrazione di Tim si riunirà domani per l'accertamento dei requisiti dei consiglieri e il conferimento delle cariche.

 

++ LABRIOLA, 'DAI SOCI SEGNO DI CONTINUITÀ NEL PIANO' ++

PIETRO LABRIOLA PIETRO LABRIOLA

(ANSA) - "L'assemblea degli azionisti di oggi segna un importante continuità nel piano che stiamo portando avanti per proseguire sul percorso di crescita e sviluppo intrapreso con 22 mesi di performance in miglioramento e di rispetto dei target finanziari. Si tratta di una nuova tappa di un cammino che continuerà con l'obiettivo di cogliereutte le occasioni che nasceranno dall'evoluzione del mercato". Lo dichiara l'ad di Tim Pietro Labriola riconfermato nel suo incarico per i prossimi tre anni.

 

++ A VIVENDI LA MAGGIORANZA PER COLLEGIO DEI SINDACI DI TIM ++

BOLLORE' VIVENDI BOLLORE' VIVENDI

(ANSA) - La lista presentata da Vivendi per il collegio sindacale di Tim ha ottenuto il 75,39% dei voti in assemblea e quella dei fondi 17,63%. A Francesco Fallacara, primo candidato della lista di minoranza, spetta come da statuto la presidenza dell'organo di controllo. Lo affiancano gli effettivi Anna Doro, Massimo Gambini, Francesco Schiavone Panni e Mara Vanzetta e i supplenti Massimiliano Di Maria, Laura Fiordelisi, Paolo Prandi e Carlotta Veneziani.

ALBERTA FIGARI ALBERTA FIGARI PIETRO LABRIOLA PIETRO LABRIOLA

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA RUOTA DELLA FORTUNA INIZIA A INCEPPARSI PER MARTA FASCINA. CAPITO CHE TAJANI LA CONSIDERA UN DEPUTATO ABUSIVO, LA “VEDOVA” HA CONFIDATO ALL'AMICO MARCELLO DELL’UTRI CHE AL TERMINE DELLA LEGISLATURA NON SI RICANDIDERÀ IN FORZA ITALIA - ‘’MARTA LA MUTA’’, DOPO AVER INNALZATO ALESSANDRO SORTE A COORDINATORE DELLA LOMBARDIA, SE L'E' RITROVATO COINVOLTO (MA NON INDAGATO) NEL CASO TOTI PER I LEGAMI CON DUE DIRIGENTI DI FORZA ITALIA, A LUI FEDELISSIMI, I GEMELLI TESTA, INDAGATI PER MAFIA - C’È POI MEZZA FAMIGLIA BERLUSCONI CHE SOGNA CHE RITORNI PRESTO A FARE I POMODORINI SOTT’OLIO A PORTICI INSIEME AL DI LEI PADRE ORAZIO, UOMO DI FLUIDE VEDUTE CHE AMMINISTRA IL MALLOPPONE DI 100 MILIONI BEN ADDIVANATO NEGLI AGI DOVIZIOSI DI VILLA SAN MARTINO - SI MALIGNA: FINCHÉ C’È MARINA BERLUSCONI CI SARÀ FASCINA. MA LA GENEROSITÀ DELLA PRIMOGENITA, SI SA, NON DURA A LUNGO... (RITRATTONE AL CETRIOLO DI MARTA DA LEGARE)