E' FINITO IL "TEMPO DELLA MELA"? - PER ANNI APPLE È RIUSCITA A DOMINARE SULLA CONCORRENZA GRAZIE AL SUO "ECOSISTEMA", CHE SPINGEVA I CONSUMATORI A COMPRARE SOLO PRODOTTI PROPRIETARI. UN "MONOPOLIO" CHE SI STA SGRETOLANDO PER L'INTERVENTO DELLE AUTORITÀ USA E UE - MA LA VERA "MINACCIA" PER APPLE È L'INTELLIGENZA ARTIFICIALE: LA SOCIETÀ DEGLI IPHONE, LA PIÙ CAPITALIZZATA AL MONDO, RISCHIA DI RESTARE INDIETRO DALLA GHIOTTA PARTITA DELLA IA...

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di Luca Tremolada per https://24plus.ilsole24ore.com/

apple apple

 

Jonathan Kanter alla guida dell’Antitrus nel Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti va diretto al punto: «Per anni, Apple ha risposto alle minacce competitive imponendo una serie di regole e restrizioni contrattuali che hanno permesso ad Apple di esigere prezzi più alti dai consumatori, imporre tariffe più elevate agli sviluppatori e ai creatori, e frenare le alternative competitive dalle tecnologie rivali».

TIM COOK TIM COOK

 

LIMITI ALLA CONCORRENZA

L’accusa […] è gravissima. In pratica, è stato affermato che Apple è diventata quello che è oggi «non perché ha prodotto una tecnologia superiore, ma perché ha limitato la concorrenza utilizzando tattiche di esclusione». […] Non era mai stato formulato in modo così esplicito un attacco così chiaro all’ecosistema di Apple, al suo modus operandi, o se preferite, al loro modo di intendere l’innovazione.

Apple 2 Apple 2

 

Il Dipartimento di Giustizia ha iniziato le indagini nel 2019 […] Per anni, come ha scritto il Dipartimento di Giustizia citando un’email di un manager di Cupertino, hanno tenuto fuori “i barbari”. Gli “altri” sarebbero il resto delle aziende che producono tecnologia e innovazione. A loro è stato richiesto di seguire regole più stringenti, più rigorose allo scopo di rendere l’ecosistema di Apple più sicuro (e migliore). […]

apple store apple store

 

I FRONTI APERTI

Ora non sembra in discussione il “permesso di soggiorno” (per proseguire nella metafora) ma le condizioni di lavoro. Non solo in patria. Per Apple, infatti, non c’è solo il fronte interno. A Bruxelles, con il Digital Markets Act, il nuovo regolamento sui mercati digitali, l’Europa ha chiesto esplicitamente l’apertura del loro “walled garden”, il sistema chiuso che ha regolato e continua a regolare la distribuzione di contenuti sul web. […]

 

MINACCIA AI

apple intelligenza artificiale apple intelligenza artificiale

Ma la vera minaccia è rappresentato da un “meteorite” chiamato intelligenza artificiale generativa. Se Apple non riuscirà a sviluppare una propria AI, un modello di linguaggio di grandi dimensioni proprietario integrato nel proprio ecosistema in grado di operare in modo autonomo con hardware e software proprietario, i confini del suo “giardino recintato” saranno ancora più a rischio.

apple intelligenza artificiale apple intelligenza artificiale

 

Per ora i segnali non sono rassicuranti. Tim Cook, per riconquistare la Cina, ha già deciso la scorsa settimana che Baidu alimenterà in Cina gli iPhone 16 e il sistema operativo iOS 18 di Apple con i modelli di intelligenza artificiale generativa di ErnieBot. […] Ma anche in Occidente, secondo Bloomberg, Apple e Google avrebbero già stretto un accordo che prevede l’utilizzo di Gemini sugli iPhone a partire dal prossimo aggiornamento del sistema operativo degli smartphone.

apple google gemini apple google gemini

 

Potrebbe essere questa una mossa per prendere tempo nell’attesa di una soluzione proprietaria. Ma se così non fosse per gli osservatori di cose hi-tech sarebbe l’ammissione di un ritardo in quella che è considerata ad oggi la più grande rivoluzione tecnologica del secolo. Per il cultori della Mela la fine di un’era. E forse di un impero. I barbari sono davvero arrivati.

ARTICOLI CORRELATI

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - SULLA SCENA POLITICA, FITTA DI SCAPPATI DI CASA, MANCAVANO SOLO LORO: FASCINA E GALLIANI - L’ANTICO “CONDOR” DEL CAVALIERE È DIVENTATO LO CHAPERON POLITICO DELLA “VEDOVA INCONSOLABILE”, CON IL CONTORNO DEI SECOLARI AMICI DELLA BUONANIMA DI SILVIO, CONFALONIERI E DELL’UTRI - IN OGNI USCITA PUBBLICA, I DUE SONO INSEPARABILI. DEL RESTO, SI CONOSCONO, E BENE. LA SCALATA DELLA “MARIA GODETTI” CALABRO-NAPOLETANA ALL’INTERNO DELL’INNER CIRCLE BERLUSCONIANO AVVENNE GRAZIE A GALLIANI, ALL’EPOCA BOSS DEL MILAN - ORA È CHIARO CHE A TAJANI HA SEMPRE FREGATO POCO DI COSA COMBINA IL DUPLEX FASCINA-GALLIANI. FINO ALLO SCORSA SETTIMANA ALLORCHÉ È ESPLOSA FORZA ITALIA AL COMUNE DI MILANO, DIETRO LA QUALE CI SAREBBERO LE UNGHIE DELLA FASCINA, CHE HA MANTENUTO UN OTTIMO RAPPORTO CON MARINA, VEDI IL DUELLO CONTINUO CON IL FRATELLO PIER SILVIO CHE VUOLE FAR SLOGGIARE LA “VEDOVA INCONSOLABILE” DALLA COSTOSISSIMA MAGIONE DI ARCORE - VIDEO

FLASH! - A TORINO, PER IL DOPO PALENZONA ALLA PRESIDENZA DI CRT, SI STANNO SONDANDO LE ISTITUZIONI SUL NOME DI MICHELE VIETTI, MAGISTRATO EX-CSM, OGGI DISOCCUPATO. UN NOME CHE È GRADITO AL SINDACO DI TORINO, STEFANO LORUSSO, CHE NON HA MAI SOPPORTATO LA PRESENZA E SOPRATTUTTO LA DISUBBIDIENZA DI PALENZONA - A DAR VOCE ALLA CANDIDATURA DI VIETTI C'È LA DI LUI CONSORTE, CATERINA BIMA, CHE RICOPRE IL RUOLO DI VICE PRESIDENTE DI CRT ED È STATA TRA GLI OPPOSITORI DELLA GESTIONE PALENZONA...

DAGOREPORT - CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E NELLE ISOLE - ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD - ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…) - ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO - ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGIE...

DAGOREPORT: 100 SCALFARI MENO UNO - NON È SOLTANTO TELE-MELONI A CENSURARE GLI SCRITTORI: C'E' ANCHE IL GRUPPO GEDI – IL LIBRO SUL CENTENARIO DI SCALFARI CURATO DA SIMONE VIOLA, NIPOTE DI EUGENIO, IN EDICOLA INSIEME A ‘’REPUBBLICA’’, SQUADERNA CENTO INTERVENTI DI ALTRETTANTI TESTIMONIAL, TRANNE QUELLO INNOCUO E DEL TUTTO PERSONALE DI GIOVANNI VALENTINI, EX DIRETTORE DELL’ESPRESSO - LE SUE CRITICHE, MANIFESTATE SUL "FATTO QUOTIDIANO" SULL’OPERAZIONE “STAMPUBBLICA” E POI NEL SUO LIBRO SULLA PRESA DI POSSESSO DEL GIORNALE DA PARTE DI ELKANN, GLI VALGONO L’OSTRACISMO E LA DAMNATIO MEMORIAE – IL TESTO CENSURATO…