E' FINITO IL "TEMPO DELLA MELA"? - PER ANNI APPLE È RIUSCITA A DOMINARE SULLA CONCORRENZA GRAZIE AL SUO "ECOSISTEMA", CHE SPINGEVA I CONSUMATORI A COMPRARE SOLO PRODOTTI PROPRIETARI. UN "MONOPOLIO" CHE SI STA SGRETOLANDO PER L'INTERVENTO DELLE AUTORITÀ USA E UE - MA LA VERA "MINACCIA" PER APPLE È L'INTELLIGENZA ARTIFICIALE: LA SOCIETÀ DEGLI IPHONE, LA PIÙ CAPITALIZZATA AL MONDO, RISCHIA DI RESTARE INDIETRO DALLA GHIOTTA PARTITA DELLA IA...

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di Luca Tremolada per https://24plus.ilsole24ore.com/

apple apple

 

Jonathan Kanter alla guida dell’Antitrus nel Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti va diretto al punto: «Per anni, Apple ha risposto alle minacce competitive imponendo una serie di regole e restrizioni contrattuali che hanno permesso ad Apple di esigere prezzi più alti dai consumatori, imporre tariffe più elevate agli sviluppatori e ai creatori, e frenare le alternative competitive dalle tecnologie rivali».

TIM COOK TIM COOK

 

LIMITI ALLA CONCORRENZA

L’accusa […] è gravissima. In pratica, è stato affermato che Apple è diventata quello che è oggi «non perché ha prodotto una tecnologia superiore, ma perché ha limitato la concorrenza utilizzando tattiche di esclusione». […] Non era mai stato formulato in modo così esplicito un attacco così chiaro all’ecosistema di Apple, al suo modus operandi, o se preferite, al loro modo di intendere l’innovazione.

Apple 2 Apple 2

 

Il Dipartimento di Giustizia ha iniziato le indagini nel 2019 […] Per anni, come ha scritto il Dipartimento di Giustizia citando un’email di un manager di Cupertino, hanno tenuto fuori “i barbari”. Gli “altri” sarebbero il resto delle aziende che producono tecnologia e innovazione. A loro è stato richiesto di seguire regole più stringenti, più rigorose allo scopo di rendere l’ecosistema di Apple più sicuro (e migliore). […]

apple store apple store

 

I FRONTI APERTI

Ora non sembra in discussione il “permesso di soggiorno” (per proseguire nella metafora) ma le condizioni di lavoro. Non solo in patria. Per Apple, infatti, non c’è solo il fronte interno. A Bruxelles, con il Digital Markets Act, il nuovo regolamento sui mercati digitali, l’Europa ha chiesto esplicitamente l’apertura del loro “walled garden”, il sistema chiuso che ha regolato e continua a regolare la distribuzione di contenuti sul web. […]

 

MINACCIA AI

apple intelligenza artificiale apple intelligenza artificiale

Ma la vera minaccia è rappresentato da un “meteorite” chiamato intelligenza artificiale generativa. Se Apple non riuscirà a sviluppare una propria AI, un modello di linguaggio di grandi dimensioni proprietario integrato nel proprio ecosistema in grado di operare in modo autonomo con hardware e software proprietario, i confini del suo “giardino recintato” saranno ancora più a rischio.

apple intelligenza artificiale apple intelligenza artificiale

 

Per ora i segnali non sono rassicuranti. Tim Cook, per riconquistare la Cina, ha già deciso la scorsa settimana che Baidu alimenterà in Cina gli iPhone 16 e il sistema operativo iOS 18 di Apple con i modelli di intelligenza artificiale generativa di ErnieBot. […] Ma anche in Occidente, secondo Bloomberg, Apple e Google avrebbero già stretto un accordo che prevede l’utilizzo di Gemini sugli iPhone a partire dal prossimo aggiornamento del sistema operativo degli smartphone.

apple google gemini apple google gemini

 

Potrebbe essere questa una mossa per prendere tempo nell’attesa di una soluzione proprietaria. Ma se così non fosse per gli osservatori di cose hi-tech sarebbe l’ammissione di un ritardo in quella che è considerata ad oggi la più grande rivoluzione tecnologica del secolo. Per il cultori della Mela la fine di un’era. E forse di un impero. I barbari sono davvero arrivati.

ARTICOLI CORRELATI

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! - VIKTOR ORBÁN ASSUMERÀ IL 1° LUGLIO LA PRESIDENZA DI TURNO AL CONSIGLIO EUROPEO MA HA GIÀ FATTO INCAZZARE MEZZO CONTINENTE: IL MOTTO SCELTO DAL PREMIER UNGHERESE È MEGA (‘’MAKE EUROPE GREAT AGAIN’’). UN'EVIDENTE RIFERIMENTO AL MANTRA MAGA (‘’MAKE AMERICA GREAT AGAIN’’) CHE DA ANNI MARCHIA LE CAMPAGNE ELETTORALI DI DONALD TRUMP – NON BASTA: SFANCULATA LA DUCETTA PRO-KIEV, IL FILO PUTINIANO ORBAN MINACCIA DI ENTRARE NEL GRUPPO DI LE PEN-SALVINI – ASPETTANDO IL CAOS-ORBAN A PARTIRE DA LUGLIO, MACRON-SCHOLZ-TUSK VOGLIONO CHIUDERE LE NOMINE DELLA COMMISSIONE EU ENTRO IL 28 GIUGNO…

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)

C’EST FINI: DALLA CASA DI MONTECARLO ALLA SEPARAZIONE IN CASA - LA VICENDA MONEGASCA È STATA LA MINA CHE HA FATTO SALTARE IL MATRIMONIO DI GIANFRANCO FINI ED ELISABETTA TULLIANI - NON C’È NULLA DI UFFICIALE MA CHI ERA AMICO DELLA COPPIA DICE: “SI SONO LASCIATI DA UN BEL PO'” – GIÀ, A VEDERLI INSIEME NELL’AULA DEL PROCESSO SULLA CASA DI MONTECARLO, LONTANI E SENZA MAI INTRECCIARE UNO SGUARDO, ERANO LA RAPPRESENTAZIONE DI DUE CHE NON STANNO PIÙ INSIEME – NEGLI ULTIMI TEMPI, ALLA CENE IN CASA DEGLI AMICI, FINI SI PRESENTA SOLO, IL VOLTO SEMPRE PIÙ SOLCATO DA RUGHE E DAL DOLORE DI AVER BUTTATO VIA UNA CARRIERA POLITICA PER AMORE…

LE LODI A GIORNALI UNIFICATI PER ELISABETTA BELLONI, SHERPA AL G7, HANNO MANDATO IN TILT GLI OTOLITI FRAGILI DI GIORGIA MELONI - DELLA SERIE: MA ‘STA BELLONI LAVORA PER LO STATO O PER SE STESSA? - LA DUCETTA NON VUOLE NESSUNO A FARLE OMBRA, TANTOMENO UNA “SERVITRICE DELLO STATO” DALLE AMICIZIE TRASVERSALI CHE HA IL QUIRINALE NEL MIRINO - IL “DINAMISMO DI POTERE” DI ELISABETTA BELLONI, CHE HA APPESANTITO IL FEGATO DELLA MELONI, E’ DILAGATO SUI MEDIA GRAZIE ALL’OPERA DEL SUO CAPO DELLA COMUNICAZIONE AL DIS, LUCREZIA PAGANO - IL DAGOREPORT SU VITA, MIRACOLI E SUCCESSI DI LADY BELLONI, SEMPRE ABILE A DESTREGGIARSI NEL MARE AGITATO DELLA POLITICA ITALIANA