ABBIAMO SCHERZATO! ELON MUSK CI RIPENSA E RINNOVA LA PROPOSTA D'ACQUISTO DI TWITTER PER 44 MILIARDI DI DOLLARI. OSSIA LA CIFRA ORIGINARIA OFFERTA LO SCORSO APRILE – LO SVALVOLATO PROPRIETARIO DI TESLA SPERA COSÌ DI FERMARE LA CAUSA CHE DOVREBBE ESSERE DISCUSSA IL 17 OTTOBRE PROPRIO PER GIUDICARE LA SUA RINUNCIA ALL’ACQUISTO – TWITTER STA VALUTANDO LA PROPOSTA PERCHÉ SOSPETTA CHE SIA SOLO UNA MANOVRA PARACULA PER SCOMBINARE IL PROCEDIMENTO LEGALE – INTANTO IL TITOLO DEL SOCIAL SCHIZZA IN ALTO

-

Condividi questo articolo


Biagio Simonetta per “Il Sole 24 Ore”

 

ELON MUSK TWITTER ELON MUSK TWITTER

La data chiave era quella del 17 ottobre prossimo, con la prima udienza in un tribunale del Delaware. Già, era, perché a quanto pare questo processo non ci sarà più. Elon Musk, secondo fonti citate dall'agenzia Bloomberg, ci ha ripensato. Ancora una volta. E adesso è pronto a prendersi Twitter, rispettando - di fatto - l'accordo raggiunto in primavera: quello da 54,20 dollari ad azione, per un'operazione complessiva da 44 miliardi di dollari. Lo stesso accordo che aveva deciso di far saltare a luglio.

 

La notizia è arrivata nel tardo pomeriggio di ieri, e il titolo di Twitter ha immediatamente preso il volo a Wall Street, facendo registrare anche un +18% prima di essere chiuso per eccesso di rialzo.

 

ELON MUSK TWITTER ELON MUSK TWITTER

La volontà di Musk di ritornare sui suoi passi, secondo le fonti citate da Bloomberg, è stata comunicata a Twitter attraverso una email. E arriva proprio nel mezzo di una diatriba legale che stava per raggiungere la sua fase più delicata: quella del processo. Un processo a cui i team legali delle due parti in causa si stavano preparando da ormai qualche settimana, raccogliendo testimonianze e deposizioni, come quella di Peiter Zatko, ex capo della sicurezza di Twitter che ha lanciato accuse pesantissime contro la società di Market Street (San Francisco).

 

Accuse che Musk sembrava potesse usare con una certa agilità proprio durante la fase processuale, e che invece saranno materiale sul tavolo proprio del nuovo capo di Twitter.

 

L'ennesimo colpo di scena

Chi segue Elon Musk e il suo percorso manageriale, sa benissimo che l’uomo più ricco del mondo è un personaggio dalle mille contraddizioni. Un imprenditore che ha abituato a scelte del tutto inaspettate, anche e soprattutto per i mercati. Proprio la storia dell’accordo con Twitter ne è una prova lampante: prima il deal, accompagnato da mille polemiche. Poi la clamorosa marcia indietro, tirando in ballo vicende legate ad account falsi, spam e bot. Ora di nuovo la volontà di rispettare l'accordo siglato a fine aprile.

 

LA COPERTINA DI TIME SULL ACQUISTO DI TWITTER DA PARTE DI ELON MUSK LA COPERTINA DI TIME SULL ACQUISTO DI TWITTER DA PARTE DI ELON MUSK

Un balletto quasi folle, quello di mister Tesla, che ora proverà a chiudere l’Opa più importante dell’anno. «Abbiamo ricevuto la lettera di Elon Musk» con la nuova proposta di 54,20 dollari per azione depositata alla Sec, ha fatto sapere Twitter in una nota diffusa poco prima della chiusura di seduta: «L’intenzione della società è quella di chiudere la transazione a 54,20 dollari per azione».

 

Poche chance al processo

Ma perché Musk ha deciso di tornare sui suoi passi? L'ipotesi più battuta, e forse anche quella più credibile, è che il Ceo di Tesla abbia avuto poche rassicurazioni dal suo team legale relativamente alla causa che stava per iniziare. Anche perché il giudice Kathaleen McCormick si è schierato ripetutamente a favore di Twitter nelle udienze preliminari delle ultime settimane.

 

In vista del processo, inoltre, Twitter sembrava pronto a difendere l'accordo - che vale la cessione della società per 44 miliardi di dollari - con tematiche apparentemente molto convincenti, legate alla stabilità della stessa azienda, messa a repentaglio dalle azioni del Ceo di Tesla.

 

Elon Musk su Twitter Elon Musk su Twitter

Mentre l'impianto difensivo di Musk era apparentemente più esile, basato su situazioni che sembravano meno spendibili in chiave giuridica, come la presenza di una percentuale di account spam superiore a quella indicata inizialmente da Twitter. Tutto inutile, però, perché ora Musk sembra pronto a prendere il timone del social network per davvero. In attesa del prossimo colpo di scena.

TWITTER ELON MUSK TWITTER ELON MUSK elon musk elon musk elon musk con la capsula dragon crew elon musk con la capsula dragon crew elon musk art basel dicembre 2021 elon musk art basel dicembre 2021 elon musk art basel dicembre 2021 elon musk art basel dicembre 2021 Jack Dorsey Jack Dorsey

 

Condividi questo articolo

business

COSE MAI VISTE: IL SOTTOSEGRETARIO CON DELEGA ALL’INNOVAZIONE TECNOLOGICA, ALESSIO BUTTI, A BORSE APERTE BOLLA COME “FANTASIA” L’IPOTESI DI UN’OPA TOTALITARIA SU TUTTA TIM (PREVISTA DAL SUO “PIANO MINERVA” E FA CROLLARE IL TITOLO DI TELECOM – L’UNICA COSA CERTA, AL MOMENTO, È CHE IL MEMORANDUM DI MAGGIO CDP-OPEN FIBER È CARTA STRACCIA – LE IPOTESI SONO DUE: UN’OPA PARZIALE (CHE PERÒ RICHIEDE IL VIA LIBERA DI VIVENDI) E LO SPIN-OFF DELLA RETE CON SCISSIONE PROPORZIONALE DEL TITOLO…

I RELIGIOSI VADANO A PREGARE, SUI SOLDI MEGLIO I LAICI – PAPA FRANCESCO NOMINA PREFETTO DELLA SEGRETERIA PER L'ECONOMIA IL MANAGER MAXIMINO CABALLERO LEDO - È IL SECONDO LAICO CHE PRENDE LA GUIDA DI UN MINISTERO DELLA SANTA SEDE - LA SEGRETERIA, NATA NEL 2014, DOPO LA CONTROVERSA GESTIONE DEL CARDINALE GEORGE PELL, HA INTRODOTTO NOVITA’ COME IL CODICE DEGLI APPALTI, LA GESTIONE DELLE "MATERIE RISERVATE", IL NUOVO CODICE PER GLI INVESTIMENTI FINANZIARI, L'ACCENTRAMENTO DELLE RISORSE DELLA SANTA SEDE (CIRCA 2 MILIARDI) NELL'APSA (E AFFIDATE IN GESTIONE ALLO IOR)

DAGOREPORT - CHE CI FACEVA ALESSANDRO MICHELE, FRESCO DI DIVORZIO GUCCI, NEI PRESSI DELLA SEDE ROMANA DI BULGARI, CELEBERRIMA MAISON DI ALTA GIOIELLERIA? – COSA C’ENTRA CON ANELLI E COLLIER LO STILISTA CHE HA IMPOSTO IL GENDER FLUID SULLA SCENA DEL TAGLIA E CUCI? INVECE, ESISTE UN GUCCI GIOIELLI - I RUMORS SPIFFERANO CHE L’OFFERTA DI BULGARI PER MICHELE SAREBBE CONCRETA MA, A QUANTO PARE, NON ANCORA CORRISPOSTA. IL NUOVO DIRETTORE ARTISTICO DI GUCCI DOVREBBE ARRIVARE PRIMA DI NATALE. E IL NOME CHE CIRCOLA È QUELLO DEL BRAVISSIMO JW ANDERSON…

“È STATA SUZANNE HEYWOOD, PUPILLA DI JOHN ELKANN, A COSTRUIRE LA TRAPPOLA IN CUI È CADUTO ANDREA AGNELLI” – GIGI MONCALVO RICOSTRUISCE IL SILURAMENTO DEL PRESIDENTE DELLA JUVENTUS: “NON SI È DIMESSO, È STATO ‘DIMESSO’, LO HANNO COSTRETTO AD ANDARSENE, SI È TROVATO IN MINORANZA NEL CONSIGLIO (SI PARLA DI SEI VOTI CONTRO, UN INDECISO A TUTTO, PAVEL NEDVED, E SOLO DUE A FAVORE, LO STESSO AGNELLI E IL SUO FEDELE FRANCESCO RONCAGLIO). SI ERA PRESENTATO PIENO DI CERTEZZE E SICURO DI SFANGARLA UN'ALTRA VOLTA. CONTAVA SUL FATTO CHE IL CUGINO JOHN ELKANN NON VOLESSE AFFONDARE IL COLPO DECISIVO. MOLTI DEI CONSIGLIERI COVAVANO DENTRO DI SÉ DA MESI, FORTI DI AUTOREVOLI PARERI LEGALI, IL TIMORE DI FINIRE NEI GUAI CON LA MAGISTRATURA PER AVER ‘ACCOMPAGNATO’ ANDREA NELLE SUE ‘ACROBAZIE’ ED ERANO PRONTI AD ABBANDONARLO…”