ABBIATE FED! – IL PRESIDENTE DELLA FEDERAL RESERVE, JEROME POWELL, ANNUNCIA CHE GIÀ A DICEMBRE POTREBBE “MODERARE” LA VELOCITÀ DEI RIALZI DEI TASSI DI INTERESSE: “ABBIAMO FATTO SOSTANZIALI PROGRESSI”. MA CONFERMA CHE “LA POLITICA MONETARIA RESTRITTIVA DOVRÀ ESSERE MANTENUTA PER DIVERSO TEMPO” PER FAR CALARE L’INFLAZIONE. WALL STREET SALE E RECUPERA LO 0,31%

-

Condividi questo articolo


JEROME POWELL JEROME POWELL

POWELL, MODERARE VELOCITÀ RIALZI TASSI FORSE GIÀ A DICEMBRE

(ANSA) - Il momento per moderare la velocità dei rialzi dei tassi di interesse potrebbe essere già in dicembre. Lo afferma il presidente della Fed Jerome Powell intervenendo al Brookings Institution.

 

"Dobbiamo alzare i tassi di interesse a un livello sufficientemente restrittivo per far tornare l'inflazione al 2%. C'è una considerevole incertezza su quale sarà il livello sufficiente, ma senza dubbio abbiamo fatto sostanziali progressi con l'alzare i tassi.

 

Gli attuali aumenti dei tassi sono appropriati e sembra che il livello finale dei tassi dovrà essere più alto di quanto previsto in settembre", afferma Powell, sottolineando che la "storia ci mette in guardia dall'allentare prematuramente la politica monetaria. Andremo avanti fino a quando il lavoro non sarà finito".

 

POWELL, POLITICA MONETARIA RESTRITTIVA PER DIVERSO TEMPO

(ANSA) - L'inflazione resta troppo alta e la Fed potrebbe dover mantenere una politica monetaria restrittiva per diverso tempo. Lo afferma il presidente della Fed Jerome Powell, sottolineando che la strada è ancora lunga per fra calare l'inflazione ma "non ci sono dubbi sul fatto che abbiamo fatto sostanziali progressi".

JEROME POWELL JEROME POWELL

 

BORSA: WALL STREET SALE CON POWELL, DJ +0,31%, NASDAQ +0,94%

(ANSA) - Wall Street recupera con Jerome Powell che apre a un rallentamento della velocità dei rialzi dei tassi di interesse già in dicembre. Il Dow Jones sale dello 0,31% a 33.956,80 punti, il Nasdaq avanza dello 0,94% a 11.091,78 punti mentre lo S&P 500 mette a segno un progresso dello 0,44% a 3.975,29 punti.

 

Condividi questo articolo

business

IL PIZZINO DEL GOVERNATORE DELLA BANCA D’ITALIA, IGNAZIO VISCO A CHRISTINE LAGARDE: “LE DECISIONI DELLA BCE SONO STATE VOLTE A CONTRASTARE IL PERICOLO DELL’INFLAZIONE. L’AZIONE DOVRÀ PROSEGUIRE RICERCANDO IL GIUSTO EQUILIBRIO TRA IL RISCHIO DI FARE TROPPO POCO, LASCIANDO L’INFLAZIONE ELEVATA, E QUELLO DI FARE TROPPO, PORTANDO A UNA CADUTA DEL REDDITO E DELL’OCCUPAZIONE E COMPROMETTENDO LA STABILITÀ FINANZIARIA” – FINALMENTE UNA BUONA NOTIZIA: “LE ASPETTATIVE DI INFLAZIONE A BREVE TERMINE SONO IN CALO” – LA CITAZIONE DI CIAMPI

ELON MUSK PUÒ CONTINUARE A “MANOVRARE” LA BORSA AMERICANA SENZA CONSEGUENZE – LO SVALVOLONE PATRON DI “TESLA” È STATO ASSOLTO DALL’ACCUSA DI FRODE PER I SUOI TWEET DEL 2018 IN CUI ANNUNCIAVA IL DELISTING DALLA BORSA DELLA SUA CASA AUTOMOBILISTICA PER 420 DOLLARI AD AZIONE (MAI AVVENUTO) – LE DICHIARAZIONI SCONCLUSIONATE AVEVANO FATTO PERDERE AGLI INVESTITORI UN MUCCHIO DI SOLDI E MUSK ERA STATO PORTATO IN TRIBUNALE – PER IL GIUDICE MR TESLA AVEVA AGITO IN MODO FUORVIANTE MA...