AHI -TECH! – MENTRE MOLTI PAESI EUROPEI SI SONO ROTTI LE PALLE DELLE BIG TECH, IMPONGONO POLITICHE AGGRESSIVE E NON VEDONO L’ORA DI SDERENARE I GIGANTI CON LE TASSE, GLI STATI UNITI TENTENNANO: SE GLI USA NON COLLABORANO CON L’UE IL RISCHIO È DI AVERE UNA NORMATIVA SEMPRE PIÙ FRAMMENTATA, SENZA CONSIDERARE CHE I PAESI NON DEMOCRATICI POSSONO…

-

Condividi questo articolo


DI Ashley Gold per “Axios”

BIG TECH 2 BIG TECH 2

 

I giganti della tecnologia stanno affrontando governi stranieri sempre più ostili: tassano i loro profitti, tentano di fermare le loro acquisizioni, li etichettano come monopoli e approvano leggi per limitare il loro potere.

 

Perché è importante:

 

LEGGI CONTRO BIG TECH LEGGI CONTRO BIG TECH

Ma le sfide della politica internazionale alle Big Tech vanno in due direzioni:  mentre le aziende si stanno preparando uno scontro sulle normative all'estero, gli Stati Uniti tentennano non sapendo cosa vogliono fare.

 

LEGGI CONTRO BIG TECH 2 LEGGI CONTRO BIG TECH 2

"È una questione delicata sulla quale non abbiamo un consenso su ciò che vogliamo fare e allo stesso tempo, stiamo vedendo altri mercati che procedono a vele spiegate, specialmente nell'Unione Europea", ha detto Steven Feldstein, membro della Carnegie Endowment for International Peace.

 

"Ho cercato di capire perché l'Unione europea sta adottando un approccio così audace e innovativo a questo argomento e perché noi siamo così lenti a rispondere", ha detto il senatore Dick Durbin (D-Ill.) In un'audizione sugli algoritmi martedì.

BIG TECH 3 BIG TECH 3

 

Le notizie:

 

Le forze internazionali hanno cercato di tenere a freno i giganti tecnologici americani, intraprendendo azioni contro Amazon, Google e Apple. Vari paesi stanno approvando nuove leggi sui contenuti e sulle pratiche di moderazione e in alcuni casi bloccano il loro accesso a Internet.

 

L'amministrazione Biden ha detto che gli Stati Uniti devono agire: "Riuniremo i nostri amici e partner per modellare il comportamento intorno alle tecnologie emergenti e stabilire limiti contro l'uso improprio", ha detto a marzo il Segretario di Stato Anthony Blinken.

 

BIG TECH BIG TECH

La rappresentante per il commercio degli Stati Uniti Katherine Tai ha recentemente citato le politiche digitali estere che hanno un impatto sulle aziende statunitensi come uno dei principali ostacoli al commercio nel 2021.

 

I dettagli:

ANTITRUST VS BIG TECH ANTITRUST VS BIG TECH

 

I problemi principali che le società tecnologiche statunitensi all'estero devono affrontare, limitando sia il commercio che il libero flusso di contenuti, includono:

 

Tasse: i singoli paesi, come ad esempio la Francia, impongono tasse alle società statunitensi mentre l'OCSE sta elaborando una soluzione globale. Nel frattempo, alcuni stati Americani stanno prendendo spunto dall'Europa.

PRIVACY DIGITALE PRIVACY DIGITALE

 

Privacy dei consumatori: la legge sulla privacy dei dati dell'UE, il regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR), è entrata in vigore quasi tre anni fa, mentre gli Stati Uniti non ne hanno ancora una propria. Gli stati americani hanno appena preso l'iniziativa, nel frattempo, le aziende statunitensi sono soggette alle regole del GDPR.

 

ANTITRUST VS BIG TECH 2 ANTITRUST VS BIG TECH 2

Antitrust: mentre i casi avanzano lentamente negli Stati Uniti, l'Europa procede con le proprie indagini e ha introdotto il Digital Markets Act. che definirebbe le aziende americane come "gatekeeper" o servizi che sono vitali per le aziende per raggiungere i clienti.

 

Moderazione dei contenuti: l'Europa ha proposto il Digital Services Act, che si concentra sulla moderazione dei contenuti e sulla soppressione di post problematici, mentre i legislatori e le agenzie statunitensi sono alle prese con il futuro della Sezione 230 del Communications Decency Act, che protegge in gran parte le aziende tecnologiche dalla responsabilità per ciò che gli utenti pubblicano.

COLLABORAZIONE UE USA 2 COLLABORAZIONE UE USA 2

 

Intelligenza artificiale: l'UE ha appena introdotto una vasta proposta su come governare l'intelligenza artificiale e gli esperti affermano che ora gli Stati Uniti dovranno collaborare con l'UE su un quadro normativo prima che i paesi non democratici assumano l'iniziativa.

 

Cosa stanno dicendo

 

MODERAZIONE CONTENUTI ONLINE MODERAZIONE CONTENUTI ONLINE

"Quando gli Stati Uniti si comportano come se fossero l’autorità democratica su come regolamentare la tecnologia per contrastare il tecno-autoritarismo, è ridicolo: c'è pochissima regolamentazione tecnologica e non esiste una legge federale sulla privacy, "Justin Sherman, un collega del Consiglio Atlantico, ha detto ad Axios.

 

Le mosse di Cina e India per tagliare l'accesso alle società statunitensi e balcanizzare completamente Internet sono particolarmente problematiche, avvertono gli esperti, sottolineando la necessità che l'UE e gli Stati Uniti cooperino.

CINA VS BIG TECH CINA VS BIG TECH

 

I leader delle principali società tecnologiche statunitensi hanno messo in guardia sulle conseguenze di questo approccio frammentato alla politica tecnologica in tutto il mondo e hanno chiesto agli Stati Uniti di muoversi.

 

"È la moltiplicazione di politiche nazionali divergenti e spesso incoerenti che rende molto difficile gestire piattaforme globali in un mondo di crescente frammentazione dal punto di vista normativo", ha detto in un'intervista Karan Bhatia di Google, responsabile della politica globale.

 

BIG TECH NEL MONDO BIG TECH NEL MONDO

"L'UE e gli Stati Uniti hanno davvero bisogno di cercare di agire insieme, e penso che l'amministrazione Biden, per fortuna, stia facendo delle vere aperture nei confronti dell'UE per cercare di trovare una strada comune su alcune delle nuove idee normative che l'UE ha portato avanti", ha detto Nick Clegg di Facebook a un evento del MIT la scorsa settimana.

 

Cosa guardare:

COLLABORAZIONE UE USA COLLABORAZIONE UE USA

 

Se l'amministrazione Biden fa passi avanti per lavorare con altri paesi democratici sulla regolamentazione della politica tecnologica per evitare mosse da parte di Cina e India - e se il futuro della politica tecnologica negli Stati Uniti possa diventare ancora più chiaro.

 

 

Condividi questo articolo

business

VA BENE L’IMMUNITA’ DAL CORONAVIRUS, MA QUELLA DAI VIRUS DIGITALI? - DOPO GLI ATTACCHI INFORMATICI AL MISE, CAMPARI, LEONARDO E INPS, L’ITALIA HA ANCORA ENORMI FALLE NEI SISTEMI DI CYBERSICUREZZA - LO SCORSO ANNO C’E’ STATO UN AUMENTO DEGLI ATTACCHI HACKER PER IL 40% DELLE IMPRESE, MA GLI INVESTIMENTI SULLA SICUREZZA SONO CRESCIUTI SOLO DEL 4% - NEL 2020 LE IMPRESE ITALIANE HANNO PERSO CIRCA 7 MILIARDI DI EURO L'ANNO A CAUSA DEI ‘’DATA BREACH’’ - IL RECOVERY FUND STANZIA 620 MILIONI IN 5 ANNI, ANCORA TROPPO POCHI PER VENIRNE A CAPO: SERVONO INVESTIMENTI PER ALMENO…

LA CAMPAGNA DI FRANCIA DEL "BISCIONE" - DOPO LA PACE CON VIVENDI, MEDIASET VUOLE CONQUISTARE IL 48% DEL NETWORK FRANCESE "M6", MESSO SUL MERCATO DAI TEDESCHI DI BERTELSMANN - IL PIANO: COINVOLGERE LA CONTROLLATA MEDIASET ESPANA, CON IL SOSTEGNO DEL BANCO SANTANDER. NON È ESCLUSA UN’ALLEANZA CON L’IMPRENDITORE DANIEL KRETINSKY – IN PISTA CI SONO TUTTI I BIG DI FRANCIA (BOLLORÈ, NIEL E PIGASSE, ARNAULT) E LA PARTITA È ANCHE POLITICA: IL PROSSIMO ANNO CI SONO LE PRESIDENZIALI E MACRON VUOLE EVITARE UN POLO OSTILE