AHI TECH! – IL TARDIVO RISVEGLIO DEL DIPARTIMENTO DI GIUSTIZIA AMERICANO CONTRO GOOGLE: “ABUSA DELLA SUA POSIZIONE DOMINANTE SUL MERCATO DELLA PUBBLICITÀ DIGITALE DA 15 ANNI” - INSIEME A OTTO STATI AMERICANI, TRA CUI LA CALIFORNIA, IL DIPARTIMENTO FA CAUSA AD “ALPHABET”, CASA MADRE DI GOOGLE – IL GOVERNO AMERICANO CHIEDE A UN TRIBUNALE DI OBBLIGARE GOOGLE A SEPARARE LA RACCOLTA PUBBLICITARIA DALLE ALTRE ATTIVITA'...

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di Giuliana Ferraino per il “Corriere della Sera”

 

Google Google

«Google abusa della sua posizione dominante sul mercato della pubblicità digitale da 15 anni». Con questa pesante accusa il dipartimento di Giustizia (DoJ) americano (insieme ad altri otto Stati, inclusa la California) fa causa ad Alphabet, casa madre di Google, chiedendo al tribunale di obbligare il gruppo californiano a separare tre diverse attività dal suo core business di ricerca, da YouTube e da altri prodotti come Gmail.

 

Dipartimento di Giustizia Dipartimento di Giustizia

[…] Secondo il governo, il piano di Google per affermare la propria posizione dominante è stato quello di «neutralizzare o eliminare» i rivali attraverso le acquisizioni e di costringere gli inserzionisti a usare i suoi prodotti rendendo difficile l’uso dei prodotti dei concorrenti. «Google ha usato mezzi anticoncorrenziali, escludenti e illegali per eliminare o ridurre drasticamente qualsiasi minaccia al suo dominio sulle tecnologie pubblicitarie digitali», si legge nell’azione legale intentata presso la corte federale di Alexandria, in Virginia, un documento di quasi 150 pagine frutto di anni di indagini.

 

Google Google

«Il dominio di Google nel mercato degli annunci significa che un numero minore di editori è in grado di offrire i propri prodotti senza addebitare costi di abbonamento o di altro tipo, perché non possono contare sulla concorrenza nel mercato pubblicitario per mantenere bassi i prezzi degli annunci», ha spiegato ieri in una conferenza stampa il procuratore generale Merrick Garland. Il risultato è che «i creatori di siti web guadagnano meno e gli inserzionisti pagano di più».

 

[…] Non è la prima volta che Google finisce nel mirino dell’Antitrust Usa. Nel 2020 l’amministrazione Trump ha citato il gruppo di Mountain View in giudizio, sostenendo l’esistenza di pratiche anti-concorrenziali nel mercato della ricerca e della pubblicità quando si fanno le ricerche. Nel nuovo procedimento le accuse sono durissime: «Google ha ostacolato in modo significativo la concorrenza e scoraggiato l’innovazione nell’industria della pubblicità digitale e ha impedito al libero mercato di funzionare in modo equo».

google 2 google 2

 

Alphabet respinge le accuse. In un comunicato ha dichiarato che la causa «si basa su un’argomentazione errata che rallenterà l’innovazione, aumenterà le tariffe pubblicitarie e renderà più difficile la crescita di migliaia di piccole imprese e di editori».  […]

DIPARTIMENTO GIUSTIZIA USA DIPARTIMENTO GIUSTIZIA USA Google Google

 

Condividi questo articolo

business

GUARDA CHE STRANO, TIM FA IL BOTTO A MILANO – TELECOM ARRIVA A UN RIALZO TEORICO DEL 13% A PIAZZA AFFARI DOPO CHE IL MINISTRO URSO HA DETTO, A BORSA APPENA APERTA, CHE “IL GOVERNO SEGUE CON ATTENZIONE L’OFFERTA” DI KKR PER LA RETE – IL MEF ERA STATO INFORMATO: HA DATO IL VIA LIBERA, SCONFESSANDO DI FATTO CDP, OPPURE HA SOLO PRESO ATTO? – CURIOSO CHE IL GOVERNO PIÙ SOVRANISTA DELLA STORIA, DOPO AVER REGALATO ITA AI TEDESCHI, RISCHI DI FAR FINIRE L’INFRASTRUTTURA TELEFONICA NELLE MANI DEGLI  AMERICANI…