ANCHE I CINESI SCAPPANO DA MOSCA - HUAWEI STA VALUTANDO DI SOSPENDERE LE SUE ATTIVITÀ IN RUSSIA, E DISLOCARE UNA PARTE DI ATTIVITÀ E DIPENDENTI, ALMENO FINCHÉ PROSEGUONO I BOMBARDAMENTI IN UCRAINA. RIMANERE POTREBBE TRASFORMARSI IN UN BOOMERANG PER L’AZIENDA, INNANZITUTTO PER MOTIVI DI REPUTAZIONE: SE LE MULTINAZIONALI LASCIASSERO UN VUOTO SAREBBE ARDUO RIEMPIRLO. E HUAWEI SI DEVE ANCORA RIPRENDERE DAL BANDO DI TRUMP DI TRE ANNI FA…

-

Condividi questo articolo


Francesco Bechis per www.formiche.net

 

HUAWEI HUAWEI

La guerra russa in Ucraina costa cara anche a Huawei. Tra le tante aziende cinesi finite nel vortice della crisi tra Russia e Occidente il colosso di Shenzen, tra i primi operatori di telefonia mobile al mondo, vive ora un’autentica crisi.

 

XI JINPING VLADIMIR PUTIN - VIGNETTA DI GIANNELLI XI JINPING VLADIMIR PUTIN - VIGNETTA DI GIANNELLI

Secondo Forbes Russia l’azienda tech cinese starebbe valutando di sospendere le operazioni in Russia e dislocare una parte di attività e dipendenti. Crucci confermati da fonti vicine a Huawei a Formiche.net: continuare a fare affari nel mercato tech russo mentre prosegue la pioggia di bombe in Ucraina rischia di trasformarsi in un boomerang, non solo d’immagine.

 

HUAWEI HUAWEI

Un boomerang che Huawei, fondata dall’ex ufficiale dell’Esercito cinese Ren Zhengfei, ha già vissuto sulla sua pelle. Da anni infatti è al centro di una controversia internazionale. Gli Stati Uniti, prima con Barack Obama, poi con Donald Trump e ora con Joe Biden alla Casa Bianca hanno accusato il colosso cinese di un rapporto simbiotico con il governo di Pechino e di installare backdoor nella rete 5G a fini di spionaggio, chiedendo ad alleati e partner di escludere i suoi prodotti dalle strutture sensibili per la sicurezza nazionale.

Xi Jinping e Vladimir Putin Xi Jinping e Vladimir Putin

 

Oggi Huawei vuole evitare il bis. Con la minaccia delle sanzioni secondarie americane che incombe, continuare a operare in Russia come se nulla fosse può consegnare un conto salato all’azienda, già costretta a rivedere piani e fatturato per l’isolamento americano.

 

Di qui i ripensamenti delle ultime settimane: secondo il giornale russo Izvestia già da fine marzo Huawei ha sospeso i nuovi contratti con gli operatori russi e ha chiesto di lavorare in modalità smart a una parte dei suoi dipendenti a Mosca. A confermare le remore due settimane fa era stato lo stesso vicepresidente della compagnia, Guo Ping, parlando di una “attenta valutazione” dei rischi.

 

huawei huawei

Sulla carta, la guerra in Ucraina potrebbe essere una manna dal cielo per il fiore all’occhiello dell’industria tech cinese. I suoi principali competitor europei, la finlandese Nokia e la svedese Ericsson, hanno già annunciato di volersi tirare fuori dal mercato russo finché l’invasione continuerà.

 

Aprendo così una vera autostrada al business cinese: secondo la società di analisi Dell’Oro, le due aziende europee controllano rispettivamente il 60% e il 40% del mercato di equipaggiamento wireless in Russia, un quasi monopolio. Di più: nelle prime due settimane di marzo, nel pieno dell’invasione, le vendite di smartphone Huawei in Russia sono triplicate, spiega il Financial Times, complice il ritiro dalla Russia del competitor di settore numero uno al mondo, la Apple.

XI JINPING E VLADIMIR PUTIN XI JINPING E VLADIMIR PUTIN

 

Tutto perfetto, o quasi. Sì perché riempire i vuoti lasciati dalle multinazionali occidentali non è facile come sembra. Su Huawei pende ancora un provvedimento, calato da Trump tre anni fa, che le impedisce di utilizzare componentistica statunitense per assemblare qualsiasi suo prodotto. Una ghigliottina che ha costretto Huawei a ridimensionare drasticamente le sue ambizioni in mercati ampiamente dipendenti dalla tecnologia statunitense, dai microchip alle altre branche dell’elettronica.

 

huawei a shenzhen 1 huawei a shenzhen 1

Il pressing da Washington non è diminuito, anzi. Dal Dipartimento del Tesoro e del Commercio dell’amministrazione Biden è partito nelle scorse settimane più di un friendly reminder alle aziende cinesi tentate da un tuffo nel mercato russo. A inizio aprile le sanzioni del Tesoro guidato da Janet Yellen contro 21 aziende nel campo dei microchip, una delle quali a Singapore, è suonato come un avvertimento a Pechino. Dove non a caso cresce il coro della diplomazia contro le sanzioni secondarie americane, pensate per costringere la Cina a una scelta di campo che non sembra intenzionata a fare.

xi jinping vladimir putin xi jinping vladimir putin huawei 2 huawei 2

 

Condividi questo articolo

business

MILLERI E UNA NOTTE - DEL VECCHIO ERA RICOVERATO DA OLTRE UN MESE AL SAN RAFFAELE DI MILANO PER UN “INSULTO” AL CUORE, AGGRAVATO DA UNA POLMONITE BILATERALE - IL PAPERONE DI AGORDO INTRAPRESE MALVOLENTIERI LA CONQUISTA DI MEDIOBANCA, FATTA SOPRATTUTTO SU SOLLECITAZIONE DEL SUO DELFINO FRANCESCO MILLERI, CHE HA SEMPRE MALSOPPORTATO (EUFEMISMO) NAGEL. UN’OSTILITÀ CHE SI TRASFORMÒ IN ASTIO QUATTRO ANNI FA, ALL’EPOCA DEL FALLITA PRESA DELLO IEO E DEL MONZINO - A QUESTO PUNTO, TUTTO IL MONDO DELLA FINANZA È GOLOSO DI SAPERE SE I SETTE EREDI PERMETTERANNO ANCORA AL VISPO MILLERI DI CONTINUARE A GETTARE MILIARDI SULLA IRTA STRADA CHE PORTA A ESPUGNARE PIAZZETTA CUCCIA, O MAGARI LO CONVINCERANNO A CAMBIARE IDEA…

DEL VECCHIO FU: RIUSCIRÀ MILLERI A CAVARSELA ALLA PROVA DEI SETTE EREDI? - IL FONDATORE DI LUXOTTICA, PIÙ CHE METTERE IN SICUREZZA LE AZIENDE DI FAMIGLIA, HA VOLUTO METTERLE AL RIPARO "DALLA FAMIGLIA". ”UN MANAGER LO PUOI LICENZIARE, ANCHE SE COSTA CARO, UN FIGLIO NO”, ERA UNO DEI SUOI MOTTI. ORA PER LE DECISIONI PIÙ STRATEGICHE COME L'EROGAZIONE DI CEDOLE E LA SOSTITUZIONE DI AMMINISTRATORI, OCCORRE UN QUORUM DELL'88%, CHE È COME DIRE IL PLACET DI SETTE EREDI SU SETTE - ANCHE LE BATTAGLIE PER CONQUISTARE GENERALI E MEDIOBANCA, IN CORSO DA TRE ANNI, FORTISSIMAMENTE VOLUTE DA MILLERI E FINORA FRUSTRATE, POTREBBERO ESSERE ABBANDONATE DAGLI EREDI…