APPESI AL RATING – SOSPIRO DI SOLLIEVO PER GIORGETTI E MELONI: STANDARD&POOR’S CONFERMA IL RATING DELL’ITALIA A BBB. ANCHE L’OUTLOOK RESTA INVARIATO, A “STABILE” – IL PROSSIMO ESAME SARÀ QUELLO DI FITCH IL 3 MAGGIO, MENTRE MOODY’S SI PRONUNCERÀ IL 31 MAGGIO – L'UFFICIO PARLAMENTARE DI BILANCIO CAZZIA IL GOVERNO SUL SUPERBONUS: MISURE SOTTOVALUTATE E ALLARGATE...

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Giuseppe Colombo e Raffaele Ricciardi per “la Repubblica”

 

Standard & Poor’s Standard & Poor’s

Sospiro di sollievo per il governo. Standard&Poor’s conferma il rating del nostro Paese (a BBB). Anche l’outlook dell’Italia resta invariato a stabile, nel giudizio dell’agenzia statunitense. Il prossimo esame sarà quello di Fitch (il 3 maggio), mentre Moody’s si pronuncerà il 31 maggio.

 

Il verdetto di Standard&Poor’s arriva in un momento delicato per i conti pubblici italiani. Il Superbonus e il bonus facciate finiscono nel mirino dell’Ufficio parlamentare di bilancio: misure sottovalutate, via via allargate fino a generare «un impatto sul disavanzo rilevante e crescente negli anni», scrivono i tecnici in una memoria depositata in commissione Finanze, al Senato […]

 

GIANCARLO GIORGETTI - GIORGIA MELONI GIANCARLO GIORGETTI - GIORGIA MELONI

Eccolo il conto a carico dello Stato: 170 miliardi, tra il 2020 e il 2023, solo per le due tipologie di bonus prese in esame. […] Un macigno sul debito, con un effetto crescente nel tempo: all’1,8% annuo del Pil nel 2024-2026, in aumento dallo 0,5 del triennio precedente. Il governo risponderà con l’allungamento, da 4 a 10 anni, delle detrazioni per le spese maturate nel 2023.

 

Il vantaggio? Il rapporto debito/Pil si ridurrebbe quest’anno dal 137,8% indicato nel Def al 137,3%: gli aumenti nel 2025 e 2026 sarebbero più contenuti. Un “sollievo” per Meloni, ma un’eredità pesante per chi guiderà il Paese dal 2028: l’estensione dei tempi di utilizzo dei bonus gonfierà, più del previsto, il debito. Fino al 2033.

giorgetti e il superbonus come lsd meme by rolli per il giornalone la stampa giorgetti e il superbonus come lsd meme by rolli per il giornalone la stampa giorgia meloni - superbonus giorgia meloni - superbonus

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - GIORGIA MELONI È AL SUO PIÙ IMPORTANTE BANCO DI PROVA: IL VOTO PER L’ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE DEFINIRÀ IL SUO PROFILO INTERNAZIONALE. FARÀ UNO SCATTO DA STATISTA, METTENDO GLI INTERESSI ITALIANI AL CENTRO E VOTANDO PER LA RICONFERMA DI URSULA VON DER LEYEN O DIRÀ “NO, GRAZIE”, IN VERSIONE RAMBA DELLA GARBATELLA, SPINGENDO L’ITALIA IN UN MARE DI GUAI? - DAL MES AL PATTO DI STABILITA’, DALLA FINANZIARIA AL POSTO DA COMMISSARIO, CON BRUXELLES BISOGNERA’ TRATTARE: MEGLIO FARLO DA AMICO CHE DA NEMICO - LA SPINTA DI CONFINDUSTRIA, TAJANI E CROSETTO: GIORGIA, VOTA URSULA…

DAGOREPORT - DOPO LA CONFERENZA STAMPA AL VERTICE NATO, BIDEN HA PARTECIPATO A UNA CONFERENCE CALL CON BARACK OBAMA, IL LEADER DEI DEMOCRATICI AL SENATO, CHUCK SCHUMER, E LA GOVERNATRICE DEL MICHIGAN, GRETCHEN WHITMER. I TRE SONO STATI PIUTTOSTO ASSERTIVI NEL FAR CAPIRE A BIDEN CHE LA SITUAZIONE È PRECIPITATA: SE NON FARÀ UN PASSO INDIETRO, I GOVERNATORI DEMOCRATICI NON MANDERANNO I LORO DELEGATI ALLA CONVENTION DEMOCRATICA, PREVISTA DAL 19 AL 22 AGOSTO A CHICAGO: UN CHIARO ATTO OSTILE PER SABOTARE LA CANDIDATURA - DIETRO LA LETTERA DI CLOONEY C'E' LA MANO DI OBAMA CHE DOMANI PARLERA' AGLI AMERICANI...

L’ESTATE SI CONFERMA LA STAGIONE PIÙ CRUDELE PER LE CELEBRITÀ! - DOPO TOTTI-BLASI, AMENDOLA-NERI, MARCUZZI-CALABRESI, BONOLIS-BRUGANELLI, FEDEZ-FERRAGNI, DAGOSPIA È COSTRETTA AD ANNUNCIARE LA SEPARAZIONE DI CHECCO ZALONE DALLA COMPAGNA MARIANGELA EBOLI - I DUE STAVANO INSIEME DAL 2005, ANNO IN CUI IL COMICO PUGLIESE ESORDI' SUL PALCO DI ZELIG OFF - IN BARBA ALLA LORO IDIOSINCRASIA PER IL BARNUM DEL FLASH, SULLA COPPIA CIRCOLAVANO DA TEMPO VOCI DI CRISI. IL SIPARIO SI È DEFINITIVAMENTE ABBASSATO ALCUNI GIORNI FA QUANDO CHECCO, ALL’ANAGRAFE LUCA PASQUALE MEDICI, SI È PRESENTATO NELLO STUDIO DI UN AVVOCATO DI ROMA PER ATTIVARE LE PRATICHE DI FINE RAPPORTO (MALGRADO LA NASCITA DI DUE BAMBINE, NON HANNO MAI TROVATO LA STRADA VERSO L’ALTARE PER IL FATIDICO “SÌ”)

DAGOREPORT - RIUSCIRÀ ELLY SCHLEIN A FAR FUORI MARIO ORFEO E RICONQUISTARE L’AVAMPOSTO DEL TG3? - QUEL FURBACCHIONE DI ORFEO, DETTO “PONGO” PER LA SUA MALLEABILITA’ VERSO IL POTERE, DOPO UNA INCAUTA SBANDATA PER L’AD IN USCITA ROBERTO SERGIO, HA VIRATO VERSO LE BRACCIA DELL’AD IN PECTORE RAI, GIAMPAOLO ROSSI - ORFEO HA CONVINTO IL FILOSOFO DI COLLE OPPIO CHE LUI HA UN FILO DIRETTO COL PD DI SCHLEIN: ROSSI È CONVINTO CHE QUANDO PARLA CON IL DIRETTORE DEL TG3 PARLA CON ELLY. INVECE, QUANDO GLI VA BENE, ORFEO TELEFONA A FRANCESCHINI CHE, DA PRIMO SOSTENITORE DELLA SCHLEIN, È PASSATO A TRAMARE CONTRO LA SEGRETARIA, REA DI NON VOLER FARE LA PUPA MA LA PUPARA...