ARRIVA IL SALASSO! – DAL PROSSIMO ANNO, COMPLICE IL PASSAGGIO OBBLIGATORIO AL MERCATO LIBERO DAL TUTELATO, PER GLI ITALIANI CI SARÀ UNA STANGATA DI DIMENSIONI EPOCALI SULLE BOLLETTE – SECONDO I DATI ISTAT, CHI È GIÀ NEL LIBERO PAGA IL 56,7% IN PIÙ: IL PREZZO MEDIO È PARI A 44,33 CENTESIMI DI EURO AL KILOWATTORA, CONTRO I 28,29 DEL MERCATO DI MAGGIOR TUTELA. PER UNA FAMIGLIA TIPO, SIGNIFICA 433 EURO IN PIÙ SU BASE ANNUA…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Sandra Riccio per www.lastampa.it

 

bollette elettricita e gas bollette elettricita e gas

Tiene banco il caso bollette. Dall’anno prossimo milioni di famiglie che adesso sono clienti del mercato tutelato dovranno passare obbligatoriamente al libero. Il rischio è di aumenti in arrivo per chi sarà costretto a questo passaggio e le associazioni di consumatori hanno più volte invocato una proroga del tutelato. Ora i dati Istat sembrano certificare il nuovo salasso in arrivo perché dicono che chi è nel libero paga attualmente il 56,7% in più.

 

«I dati Istat resi noti oggi attestano l'urgenza di una proroga del mercato tutelato di luce e gas. Finalmente, infatti, l'Istat, come chiediamo di fare da anni, non ha dato solo una misura della variazione dei prezzi ma anche del prezzo medio attualmente sostenuto dalle famiglie, almeno per quanto riguarda l'energia elettrica» afferma Massimiliano Dona, presidente dell'Unione Nazionale Consumatori.

MASSIMILIANO DONA MASSIMILIANO DONA

 

«Ebbene, i risultati sono clamorosi e vergognosi: il prezzo medio del mercato libero dell'energia elettrica per la famiglia tipo risulta essere pari a 44,33 centesimi di euro per KW/h contro i 28,29 centesimi del mercato di maggior tutela, ossia chi è nel libero paga attualmente il 56,7% in più» prosegue Dona.

 

«Tradotto in soldoni significa che la famiglia tipo che consuma 2700 KW/h all'anno e ha una potenza impegnata pari a 3 KW paga nel mercato libero la bellezza di 433 euro in più su base annua rispetto a chi è nella maggior tutela, una tassa, quindi, che possiamo chiamare Meloni, visto che il Governo, al di là della posizione di alcuni singoli partiti della maggioranza, non ha mai creduto e voluto la proroga del mercato tutelato» conclude Dona.

 

 

BOLLETTE LUCE BOLLETTE LUCE

[...]

 

DECRETO ENERGIA misure per bollette DECRETO ENERGIA misure per bollette

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

MELONI MARCI - DOMENICA 18 FEBBRAIO DAGOSPIA MEJO DEL MAGO OTELMA: UNICO ORGANO DI INFORMAZIONE A PREVEDERE LA DISFATTA SARDA! "FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI: TODDE SORPASSA TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ -. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? 

1968, IL “MIRACOLO” DEL TEATRO VIVENTE – “ODIO E AMORE”, LA BELLISSIMA E ANCORA ATTUALISSIMA POESIA DEL LIVING THEATRE, BALBETTATA DA DAGO IN ‘’ROMA SANTA E DANNATA’’, ACCENDE LA CURIOSITÀ DEI LETTORI – PER LA RAPPRESENTAZIONE DI ‘’PARADISE NOW’’ ALL'UNIVERSITÀ LA SAPIENZA DI ROMA, DAVANTI ALLA FACOLTÀ DI LEGGE, COVO DEI FASCISTI, LO SCONTRO ERA DATO PER SCONTATO. INVECE ACCADDE IL “MIRACOLO DELL’AMORE”: MENTRE JUDITH MALINA COMINCIÒ A DECLAMARE LA POESIA, I RAGAZZI DEL LIVING COMINCIARONO A FARE A MENO DEI LORO VESTITI… - VIDEO E TESTO INTEGRALE

DAGOREPORT - STATI DISUNITI D'AMERICA: NIKKI HALEY CONTINUA A ESSERE UMILIATA DA TRUMP MA NON SI FERMERÀ: HA DALLA SUA ANCORA MOLTI MILIONI DI FINANZIAMENTI (16,5 INCASSATI SOLO A GENNAIO) E I SUOI DONATORI VOGLIONO FARLA ARRIVARE ALLA CONVENTION PER VEDERE L'EFFETTO CHE FA. NON SIA MAI CHE ARRIVI UNA CONDANNA PER IL PUZZONE – TRUMP È TALMENTE DETESTATO CHE, SECONDO I DEM, GLI ELETTORI DELLA HALEY CONVERGEREBBERO SU BIDEN. E C’È CHI SI SPINGE ALLA FANTA-POLITICA: UN TICKET DI “SLEEPY JOE” CON NIKKI COME VICE…

FLASH! – MA CHE CI AZ-ZECCA L’AGRICOLTURA CON LA ZECCA DELLO STATO? LEGGETE IL BANDO PER IL NUOVO UFFICIO STAMPA DELLA ZECCA, GUIDATO DALL'ECLETTICO FRANCESCO SORO (GIA' CAPO DI GABINETTO DI MALAGÒ AL CONI, CON CUI È FINITA A STRACCI, POI PASSATO AL MISE SOTTO L’ALA PROTETTIVA DI GIORGETTI) - SORO CHIEDE, TRA I REQUISITI, OLTRE A LAUREA E  “CONSOLIDATA” ESPERIENZA NEI MEDIA, UNA DOTE INDISPENSABILE PER LA ZECCA: “RISULTERANNO SIGNIFICATIVE EVENTUALI ESPERIENZE RIFERITE ALLA FILIERA AGROALIMENTARE E VITIVINICOLA” - CHISSA' QUANTI CANDIDATI AVRANNO TALE COMPETENZA? AH, SAPERLO...