AUTOSTRADA FACENDO – LA FAMIGLIA GAVIO E IL FONDO ARDIAN HANNO LANCIATO UN’OPA TOTALITARIA SU ASTM, LA SOCIETÀ AUTOSTRADALE CHE GESTISCE LA TORINO-MILANO E L’AUTOSTRADA DEI FIORI - I MANAGER DEL GRUPPO, CHE NEPPURE UN MESE FA AVEVANO COMPRATO AZIONI, FESTEGGIANO. TE CREDO, SI RITROVANO CON UN GUADAGNO POTENZIALE DEL 40%

-

Condividi questo articolo

Francesco Bonazzi per Alliance News

 

astm astm

ASTM vola in Borsa con l'OPA totalitaria che famiglia Gavio e fondo Ardian hanno lanciato sul titolo. E festeggiano anche i manager del gruppo, che neppure un mese fa avevano comprato azioni delle società e che oggi si ritrovano con un guadagno potenziale del 40%.

 

autostrada torino milano autostrada torino milano

L'offerta è stata comunicata a mercati chiusi, nella tarda serata di sabato, e viene lanciata attraverso la società veicolo Naf 2, controllata a sua volta da Naf, con quote al 60% di Gavio e al 40% di Ardian.

 

L'OPA prevede un premio del 29% rispetto al prezzo di chiusura di venerdì scorso e infatti oggi c'è un rapido adeguamento del valore di mercato a EUR25,26 - più 27% -, ovvero pochi centesimi sotto gli EUR25,60 dell'offerta. L'offerta riguarda di fatto il 48% delle azioni non ancora in mano al gruppo Gavio e ad Ardian, con l'esborso massimo in caso di adesione totalitaria che sarebbe pari a EUR1,7 miliardi.

 

Beniamino Gavio Beniamino Gavio

Tra le motivazioni del delisting che seguirà all'OPA totalitaria c'è principalmente quella di continuare la riorganizzazione del secondo concessionario autostradale italiano con maggior libertà e riservatezza rispetto a quelli che sono gli obblighi di Piazza Affari. Il gruppo piemontese gestisce i totale 4.600 chilometri di rete in tutto il Mondo, tra Italia, dove ha 1.400 chilometri, Gran Bretagna e Brasile.

 

I passi precedenti della riorganizzazione sono stati, due anni fa, la costituzione con il fondo infrastrutturale Ardian della joint venture Nuova Aurelia Finanziaria. Poi, a metà 2019, è arrivata la fusione con la controllata Sias, dopo un'offerta pubblica che mirava anch'essa al delisting e alla semplificazione della catena societaria.

autostrada dei fiori autostrada dei fiori

 

"Di sicuro, l'effetto coronavirus pesa sul'operazione, visto che i titoli di ASTM erano calati molto per via dei lockdown e questo rende l'OPA relativamente poco costosa", osserva un operatore milanese. Insomma, scelta di tempo che appare ineccepibile.

 

I conti del 2020 di ASTM, che gestisce varie tratte a cominciare dalla Torino-Milano, nel primo semestre avevano fatto registrare un brusco stop con ricavi autostradali in flessione da EUR556 milioni a EUR407,5 milioni e utile netto crollato da EUR133,7 milioni a EUR40,3 milioni. Ma, anche in un anno così complicato, in cui il concorrente Atlantia ha ceduto il 29% in Borsa - ASTM invece registra un più 2,5% -, i manager del gruppo Gavio hanno creduto nella loro azienda.

AUTOSTRADE GRUPPO SIAS GAVIO AUTOSTRADE GRUPPO SIAS GAVIO

 

Come ha dato conto Alliance News lo scorso 25 gennaio, meno di un mese fa, tra il 21 e il 25 gennaio, i vertici di ASTM avevano acquistato complessivamente 39.564 azioni, per un controvalore complessivo di EUR736.478,15. A comprare sono stati il presidente Alberto Rubegni, il CEO Umberto Tosoni, il CFO Alberto Gargioni, i direttori delle funzioni Finance, Stefano Viviano, Administration, Budgeting and Control, Alberto Pernigotti, e l'Investor Relations & Communications, Lawrence Young Kay.

autostrada dei fiori 1 autostrada dei fiori 1

 

Il 25 gennaio scorso, il titolo passava di mano a EUR18,03 contro gli EUR25,26 di oggi, per un rialzo medio complessivo del 40% circa. Nella nota di ASTM si leggeva che le operazioni di acquisto "confermano la fiducia nella società e nelle sue prospettive di crescita". Una fiducia decisamente con l'occhio lungo e che oggi si dimostra ben ripagata.

torino milano torino milano

 

Condividi questo articolo

business

ASPI E SPERA – I BENETTON CONTINUANO A TIRARE LA CORDA E DICONO CHE L’OFFERTA DI CDP PER L’88% DI AUTOSTRADE È “INFERIORE ALLE ATTESE” E “NON COERENTE”. L’ENNESIMO PENULTIMATUM LASCIA LA PORTA APERTA A UN’ULTERIORE TRATTATIVA. MA TUTTO DIPENDE ANCHE DAL NUOVO GOVERNO. SALVINI È GIÀ SULLE BARRICATE E I 5 STELLE SI GIOCANO LA FACCIA – INTANTO IL PATRON DEL REAL MADRID E DI “ACS” FLORENTINO PEREZ IERI HA DETTO DI ESSERE INTERESSATO A ENTRARE NEL CAPITALE. SARÀ VERO?