AUTOSTRADE DI STATO - È FATTA: A QUASI QUATTRO ANNI DAL CROLLO DEL PONTE MORANDI, AUTOSTRADE PER L’ITALIA TORNA SOTTO IL CONTROLLO PUBBLICO. IL PASSAGGIO ALLA CORDATA GUIDATA DA CDP PER 8,1 MILIARDI È AVVENUTO FORMALMENTE OGGI -L’AD RIMARRÀ ROBERTO TOMASI, LO STESSO CHE HA GESTITO LA FASE DELLA TRATTATIVA PER LA VENDITA, CHE SI È PROTRATTA PER CIRCA DUE ANNI - I PROBLEMI DA RISOLVERE SONO TANTISSIMI, A PARTIRE PROPRIO DALLA LIGURIA. SE NON ALTRO, SI POTRÀ TORNARE A INVEIRE CONTRO IL GOVERNO…

-

Condividi questo articolo


 

Sara Bennewitz per “la Repubblica”

 

crollo ponte morandi crollo ponte morandi

Dall'Iri alla Cdp, attraverso un percorso tortuoso lungo 23 anni, le Autostrade per l'Italia (Aspi) tornano sotto il controllo pubblico. C'è voluto un fatto grave, come il crollo del Ponte Morandi del 2018, per riportare sotto lo stato un'infrastruttura strategica per un Paese, che per orografia, è tra i più complicati d'Europa.

 

roberto tomasi ad di autostrade roberto tomasi ad di autostrade

La privatizzazione del 1999 fu un mancato successo, solo i Benetton - in cordata con primarie istituzioni tricolori - si presentarono con un'offerta per rilevare il 30% di Aspi. Adesso sono i Benetton a cedere l'88% per 8,18 miliardi. e salutare a loro volta Piazza Affari con un'Opa su Atlantia da 18,9 miliardi.

 

Allora c'era da costruire e ampliare la rete, oggi c'è da investire sulla parte hard e su quella soft, fatta di algorttmi, tracciamento del traffico e piattaforme che favoriscano l'esodo scaglionato, in cambio di sconti tariffari.

 

Autostrade Autostrade

L'ad della nuova società resta Roberto Tomasi, lo stesso che ha gestito l'ultima fase di Aspi, quella della lunga vendita che si è protratta per circa due anni. I problemi da risolvere - tra cui la Liguria - sono tantissimi. Ma da oggi i conducenti potranno tornare a inveire contro il governo, padrone dell'82,7% di Cdp.

dario scannapieco dario scannapieco roberto tomasi 2 roberto tomasi 2

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY


business

SI METTE MALE PER XI JINPING: L’ECONOMIA CINESE DÀ SEGNALI MOLTO PREOCCUPANTI, PROPRIO ALLA VIGILIA DEL CONGRESSO CHE DOVREBBE DARGLI IL TERZO MANDATO. MA È COLPA SUA: INSISTE CON LA STRATEGIA DELLO “ZERO COVID” BLOCCANDO I RIFORNIMENTI A MEZZO MONDO E FACENDO CROLLARE LE VENDITE AL DETTAGLIO - SOLO CHE GLI INVESTITORI STRANIERI  NON SONO FESSI E SCAPPANO: SOLO AD APRILE, CI SONO STATE CESSIONI PER 16 MILIARDI DI DOLLARI DI DEBITO CINESE, E GLI INVESTIMENTI ESTERI DIRETTI SONO COLATI A PICCO

DOPO LA GUERRA, RISCHIAMO LA CARESTIA – SENZA LA RIAPERTURA DEI TRAFFICI DI CEREALI DALL’UCRAINA, MILIONI DI PERSONE IN AFRICA E MEDIO ORIENTE RISCHIANO LA FAME! COME FARE? L’EUROPA STA CERCANDO DI AGGIRARE IL BLOCCO DEI PORTI PER SALVARE I 30 MILIONI DI TONNELLATE DI PRODOTTI BLOCCATI DAI RUSSI, METTENDO A DISPOSIZIONE LE CITTÀ ROMENE, POLACCHE E BULGARE CHE SI AFFACCIANO SUL MAR NERO. L’ALTERNATIVA È LA ROTTA BALTICA, MA DI MEZZO C’È LA BIELORUSSIA DI LUKASHENKO…