NELLA BATTAGLIA PER TIM SI APRE UNO SPIRAGLIO: PER RICUCIRE CON VIVENDI, PRIMO AZIONISTA DELLA COMPAGNIA, L'AD PIETRO LABRIOLA (CHE SI RICANDIDA) POTREBBE APRIRE PUNTANDO A NOMINARE UN PRESIDENTE GRADITO A BOLLORÉ – LA MANCATA CANDIDATURA DELL’USCENTE SALVATORE ROSSI, CONTESTATISSIMO DAL FINANZIERE BRETONE, È UN PRIMO RAMOSCELLO D’ULIVO. L’ITER PER LA PRESENTAZIONE DI UNA LISTA DEL CDA È COMINCIATO IERI…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Manuel Follis per “La Stampa”

 

PIETRO LABRIOLA PIETRO LABRIOLA

Una lista del cda Tim con un presidente gradito a Vivendi potrebbe risolvere la partita del rinnovo del consiglio? Lo sperano in tanti, sia all'interno del board sia al governo. Di sicuro, l'iter per la presentazione di una lista del cda uscente è ufficialmente partito ieri. Nel primo pomeriggio si è infatti tenuta l'induction (informativa) con i consiglieri per illustrare la normativa e i passi che aspettano il board nel caso dovesse intraprendere la strada della lista del cda.

 

BOLLORE' DE PUYFONTAINE BOLLORE' DE PUYFONTAINE

Tutto questo in vista del consiglio previsto il 18 gennaio, nel quale i membri del board saranno chiamati ad approvare il regolamento propedeutico alla presentazione della lista. Tra i principali elementi di novità potrebbe esserci la riduzione del numero dei componenti del consiglio da 15 a nove. In ogni caso, che la volontà dell'ad, Pietro Labriola, sia quella di ricandidarsi con l'appoggio del cda uscente è ormai chiaro. Certo restano alcuni ostacoli e alcuni nodi da sciogliere, il principale dei quali è rappresentato dal primo azionista Vivendi, che detiene il 24% di Tim.

 

I PRINCIPALI AZIONISTI DI TIM - PIETRO LABRIOLA I PRINCIPALI AZIONISTI DI TIM - PIETRO LABRIOLA

Non è un mistero che gli ultimi mesi del 2023, contrassegnati dai lavori per dare il via libera alla cessione della rete Tim (Netco) a Kkr, abbiano incrinato fortemente i rapporti tra il primo azionista francese e i vertici della società […]. Anche ipotizzando che l'iter […] proceda senza intoppi, alla fine servirà il voto in assemblea, dove il 24% di Vivendi pesa come un macigno.

 

Difficile immaginare che il gruppo il cui principale esponente in Italia è Arnaud De Puyfontaine presenti una sua lista […] ma c'è l'opzione che i transalpini appoggino una eventuale lista presentata da altri. Che fare?

 

salvatore rossi foto di bacco (2) salvatore rossi foto di bacco (2)

L'ipotesi più probabile […] è che si cerchi il modo di ricucire i rapporti tra le parti, anche perché Rossi, il manager più contestato dai francesi, ha già fatto sapere che non si ricandiderà. Il tutto considerando che quella di Tim è una partita seguita con grande attenzione da parte del governo, che non è escluso cercherà in qualche modo di propiziare soluzioni condivise. Un presidente gradito anche a Vivendi potrebbe bastare? Non è detto, ma potrebbe essere un buon inizio.

 

Altro aspetto da considerare saranno le scelte di Assogestioni, che oggi esprime 5 consiglieri […]. In caso ai blocchi di partenza si presentassero due liste, una del cda uscente e una antagonista sostenuta da Vivendi, i gestori potrebbero rinunciare a proporre rappresentanti (come già accaduto quando Elliott sfidò Vivendi) e qualcuno degli attuali consiglieri espressi da Assogestioni potrebbe far parte della lista del cda.

PIETRO LABRIOLA PIETRO LABRIOLA

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA FESTA APPENA COMINCIATA È GIÀ FINITA? NO: MA LA SARDEGNA SARÀ L’INIZIO DELLA FINE SE LA DUCETTA NON SI FICCA NELLA TESTOLINA CHE LA POLITICA NON È UN MUSCOLOIDE “QUI COMANDO IO!” - GRAZIE A SU POPULU SARDU, IL CENTROSINISTRA UNITO HA PIÙ NUMERI DEL CENTRODESTRA A PEZZI - FINO A IERI, ALLE AVVISAGLIE DI SALVINI DI TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO, LA MELONA GONFIAVA I MUSCOLI E GHIGNAVA MINACCIANDO DI RIPORTARE LA “NAZIONE” AL VOTO. E CON LA VITTORIA DI TRUZZU, AVREBBE CAPITALIZZATO LA SUA PREMIERSHIP DA EROE DEI DUE MONDI - CON LA DISFATTA SARDA E SALVINI AL MURO, DOVE VA “IO SO’ GIORGIA E VOI NON SIETE UN CAZZO”? - SENZA IL TERZO MANDATO, ZAIA PRONTO A SCENDERE DAL CARROCCIO E ADERIRE ALLA LIGA VENETA, DI FATTO, LA LEGA SI SPACCA. PER LA DUCETTA INIZIANO GIORNI MOLTO, MOLTO DIFFICILI…

FLASH! – SABATO 24 FEBBRAIO I GIORNALI FILO-MELONIANI TUTTI IN SOLLUCCHERO PER LA NOTIZIA DELLA NUOVA VISITA DI GIORGIA MELONI ALLA CASA BIANCA, ENFATIZZANDO IL VIAGGIO DEL 1 MARZO DELLA DUCETTA NEGLI USA (“LIBERO”: “L’ITALIA PROTAGONISTA”; “IL MESSAGGERO”: “OGGI PATTO CON ZELENSKY. E POI VERTICE DA BIDEN”). MA ERANO I SOLITI SPECCHIETTI PER GLI ALLOCCONI, VISTO CHE SI TRATTA DI UNA PRASSI DEL G7: OGNI ANNO, IL PRIMO MINISTRO DEL PAESE CHE ASSUME LA PRESIDENZA, VA IN TOUR TRA LE CAPITALI DEI PAESI CHE FANNO PARTE DEL GRUPPO DEI 7. INFATTI, È GIÀ STATA IN GIAPPONE E IL 2 MARZO ANDRÀ IN CANADA...

MELONI MARCI - DOMENICA 18 FEBBRAIO DAGOSPIA MEJO DEL MAGO OTELMA: UNICO ORGANO DI INFORMAZIONE A PREVEDERE LA DISFATTA SARDA! "FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI: TODDE SORPASSA TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ -. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? 

1968, IL “MIRACOLO” DEL TEATRO VIVENTE – “ODIO E AMORE”, LA BELLISSIMA E ANCORA ATTUALISSIMA POESIA DEL LIVING THEATRE, BALBETTATA DA DAGO IN ‘’ROMA SANTA E DANNATA’’, ACCENDE LA CURIOSITÀ DEI LETTORI – PER LA RAPPRESENTAZIONE DI ‘’PARADISE NOW’’ ALL'UNIVERSITÀ LA SAPIENZA DI ROMA, DAVANTI ALLA FACOLTÀ DI LEGGE, COVO DEI FASCISTI, LO SCONTRO ERA DATO PER SCONTATO. INVECE ACCADDE IL “MIRACOLO DELL’AMORE”: MENTRE JUDITH MALINA COMINCIÒ A DECLAMARE LA POESIA, I RAGAZZI DEL LIVING COMINCIARONO A FARE A MENO DEI LORO VESTITI… - VIDEO E TESTO INTEGRALE