I BENETTON TAGLIANO LA TESTA AL TORO E LANCIANO L’OPA DIFENSIVA SU “ATLANTIA” (COME DAGO-RIVELATO). COSÌ I MAGLIARI VENETI TOGLIERANNO LA HOLDING DA PIAZZA AFFARI BRUCIANDO SUL TEMPO I FONDI GIP E BROOKFIELD, CHE PUNTAVANO A PAPPARSI IL GRUPPO PER SPACCHETTARLO E CEDERE IL GIOIELLINO “ABERTIS” A FLORENTINO PEREZ. NON È ESCLUSA UNA CONTRO-RISPOSTA, ANCHE SE LA CORDATA "AVVERSARIA" SOSTIENE DI NON AVERE INTENZIONI OSTILI - IL NODO RESTA IL PREZZO. LA PARTITA È SEGUITA CON MOLTA ATTENZIONE ANCHE A PALAZZO CHIGI, DOVE SI VALUTA L’APPLICAZIONE DEL GOLDEN POWER

-

Condividi questo articolo


ATLANTIA AUTOSTRADE ATLANTIA AUTOSTRADE

1 - DAGOREPORT! BENETTON AL CONTRATTACCO – PER CONTRASTARE L’ASSALTO AD ATLANTIA DA PARTE DI FLORENTINO PEREZ E DEI FONDI INTERNAZIONALI GIP E BROOKFIELD, A PONZANO VENETO CIRCOLA L’IDEA DI LANCIARE UN’OPA AMICHEVOLE SU ATLANTIA, CON IL SUPPORTO DI BLACKSTONE E ALTRE BANCHE, TOGLIENDOLA COSÌ DALLA BORSA

https://www.dagospia.com/rubrica-4/business/dagoreport-benetton-contrattacco-ndash-contrastare-rsquo-assalto-306035.htm

 

alessando benetton alessando benetton

2 - I BENETTON PRONTI ALLA PRIMA MOSSA UN'OPA SU ATLANTIA CON CRT E I FONDI

Claudia Luise e Francesco Spini per “La Stampa”

 

Da domani in avanti ogni giorno può essere quello buono. Di certo c'è che i Benetton hanno deciso di passare all'azione, togliere Atlantia da Piazza Affari lanciando un'Opa insieme con un socio di fiducia, il fondo Blackstone, a cui vanno affiancando altri soggetti finanziari come Fondazione Crt e il fondo Gic.

 

Il lavoro di Edizione, supportata da Mediobanca, entra nello sprint finale per far decollare l'operazione - a quanto scrive Bloomberg - già da mercoledì. I finanziamenti sarebbero già pronti. Il lavoro si concentra sulla struttura di BidCo, il veicolo che lancerà l'offerta e che sarà controllato al 51% da Edizione, la cassaforte dei Benetton.

 

GLI AZIONISTI DI ATLANTIA - GRAFICO SBAGLIATO SU REPUBBLICA GLI AZIONISTI DI ATLANTIA - GRAFICO SBAGLIATO SU REPUBBLICA

Gli sforzi nelle ultime ore si sono concentrati a coinvolgere, oltre a Blackstone, anche i soci storici di Atlantia che da anni affiancano Treviso. Crt, al proposito, ha riunito un cda che ha deliberato di trasferire una parte del 4,54% attualmente detenuto nel gruppo specializzato nelle infrastrutture. Per ragioni regolamentari la fondazione può trasferire circa il 3%. Il restante 1,5% sarà monetizzato, vendendo le quote sul mercato, realizzando così una lauta plusvalenza.

 

florentino perez florentino perez

Il prezzo a cui Crt ha acquistato sarebbe infatti intorno ai 17 euro. E ieri, in corso di seduta, il titolo di Atlantia è andato in altalena tra prese di beneficio, rialzi fin verso i massimi da febbraio 2020 a 22,1 euro, per ridiscendere nel finale, quando ha chiuso in calo dell'1,09% a 21,83 euro.

 

ABERTIS ABERTIS

Anche Gic, il fondo sovrano di Singapore che ha l'8,29%, starebbe considerando l'opportunità di disinvestire dalla società quotata per partecipare invece nel soggetto non quotato, realizzando subito una plusvalenza ed evitando in futuro, in particolare in un frangente incerto come quello attuale, di dover adeguare il prezzo ai valori di mercato.

 

ATLANTIA ATLANTIA

Quella che si annuncia è una delle operazioni più importanti dell'anno. Il nodo ora resta il prezzo a cui essa sarà lanciata. Il titolo resta su valori importanti, come si diceva, per questo gli osservatori ipotizzano un livello tra 24 e 25 euro come un possibile punto di lancio.

 

Altra grande incognita sarà la reazione della cordata composta da due fondi specializzati nel settore infrastrutturale come Gip e Brookfield che, da tempo, lavorava su un progetto teso a conquistare Atlantia per spacchettarla, cedendo la maggioranza delle autostrade spagnole di Abertis all'iberica Acs del magnate Florentino Perez. Un piano illustrato ai Benetton, ma da essi ritenuto inaccettabile al punto da far scattare la contromossa.

ABERTIS1 ABERTIS1

 

Ci sarà una risposta? La cordata "avversaria" ha sempre sostenuto di non avere intenzioni ostili, eppure anche solo per una questione reputazionale, dopo essere venuta allo scoperto potrebbe considerare un rilancio, da intendere come un caloroso invito a sedersi tutti intorno al tavolo delle trattative.

abertis abertis

 

Condividi questo articolo

business

MILLERI E UNA NOTTE - DEL VECCHIO ERA RICOVERATO DA OLTRE UN MESE AL SAN RAFFAELE DI MILANO PER UN “INSULTO” AL CUORE, AGGRAVATO DA UNA POLMONITE BILATERALE - IL PAPERONE DI AGORDO INTRAPRESE MALVOLENTIERI LA CONQUISTA DI MEDIOBANCA, FATTA SOPRATTUTTO SU SOLLECITAZIONE DEL SUO DELFINO FRANCESCO MILLERI, CHE HA SEMPRE MALSOPPORTATO (EUFEMISMO) NAGEL. UN’OSTILITÀ CHE SI TRASFORMÒ IN ASTIO QUATTRO ANNI FA, ALL’EPOCA DEL FALLITA PRESA DELLO IEO E DEL MONZINO - A QUESTO PUNTO, TUTTO IL MONDO DELLA FINANZA È GOLOSO DI SAPERE SE I SETTE EREDI PERMETTERANNO ANCORA AL VISPO MILLERI DI CONTINUARE A GETTARE MILIARDI SULLA IRTA STRADA CHE PORTA A ESPUGNARE PIAZZETTA CUCCIA, O MAGARI LO CONVINCERANNO A CAMBIARE IDEA…

DEL VECCHIO FU: RIUSCIRÀ MILLERI A CAVARSELA ALLA PROVA DEI SETTE EREDI? - IL FONDATORE DI LUXOTTICA, PIÙ CHE METTERE IN SICUREZZA LE AZIENDE DI FAMIGLIA, HA VOLUTO METTERLE AL RIPARO "DALLA FAMIGLIA". ”UN MANAGER LO PUOI LICENZIARE, ANCHE SE COSTA CARO, UN FIGLIO NO”, ERA UNO DEI SUOI MOTTI. ORA PER LE DECISIONI PIÙ STRATEGICHE COME L'EROGAZIONE DI CEDOLE E LA SOSTITUZIONE DI AMMINISTRATORI, OCCORRE UN QUORUM DELL'88%, CHE È COME DIRE IL PLACET DI SETTE EREDI SU SETTE - ANCHE LE BATTAGLIE PER CONQUISTARE GENERALI E MEDIOBANCA, IN CORSO DA TRE ANNI, FORTISSIMAMENTE VOLUTE DA MILLERI E FINORA FRUSTRATE, POTREBBERO ESSERE ABBANDONATE DAGLI EREDI…

BONO NON VA IN PENSIONE – L’EX NUMERO UNO DI FINCANTIERI TORNA SUBITO IN PISTA CON “NOMISMA MARE”, LA NUOVA DIVISIONE DELLA SOCIETÀ DI CONSULENZE FONDATA DA ROMANO PRODI NEL 1991: LÌ RITROVERÀ ANCHE MASSIMO PONZELLINI, EX PRESIDENTE DELLA BANCA POPOLARE DI MILANO – L'OBIETTIVO È "ANALIZZARE E STUDIARE GLI ASPETTI DELLE ATTIVITÀ INTERCONNESSE CON IL MARE" (UN AMBIENTE CHE BONO CONOSCE PIUTTOSTO BENE, VISTI  VENT’ANNI DI GOVERNANCE NEL COLOSSO DELLA CANTIERISTICA...)