BIVONA NON STA A CUCCIA – BLUEBELL, IL FONDO ATTIVISTA DEL BANCHIERE D’AFFARI GIUSEPPE BIVONA, CI RIPROVA E CHIEDE A MEDIOBANCA DI DISMETTERE LA PARTECIPAZIONE IN GENERALI, DISTRIBUENDO LE AZIONI TRA I SOCI A MO’ DI DIVIDENDO – LA MOSSA ERA STATA AVANZATA GIÀ DUE ANNI FA E FU ESCLUSA DA PIAZZETTA CUCCIA – LA DOMANDA SORGE SPONTANEA: CHI È IL BURATTINAIO DIETRO GIUSEPPE BIVONA? AH, SAPERLO...

-

Condividi questo articolo

GIUSEPPE BIVONA GIUSEPPE BIVONA

 

(ANSA) - Bluebell, il fondo attivista di Giuseppe Bivona, ci riprova e - con una lettera arrivata questa mattina in Piazzetta Cuccia - torna a chiedere che la partecipazione in Generali venga dismessa, distribuendo le azioni tra i soci di MEDIOBANCA a modo di un dividendo.

 

PHILIPPE DONNET ALBERTO NAGEL PHILIPPE DONNET ALBERTO NAGEL

Una richiesta che era stata avanzata gia' due anni fa in un dossier e precedentemente in assemblea, dove Bluebell partecipa con una manciata di azioni.

 

Se l'ipotesi di polverizzare la quota era gia' stata esclusa, per la funzione protettiva che MEDIOBANCA si e' sempre assunta nei confronti dell'azionariato del Leone oggi si aggiungono le ragioni di forza maggiore della Bce che nell'emergenza Covid chiede alle banche di non distribuire dividendo oltre al piano, appena presentato dal'ad Alberto Nagel, che perseguendo l'obiettivo di un rafforzamento nel wealth management ha dedicato (ipoteticamente) a questo l'eventuale valorizzazione della quota Generali.

philippe donnet generali philippe donnet generali philippe donnet gabriele galateri di genola philippe donnet gabriele galateri di genola

 

Condividi questo articolo

business

MONTE DEI PEGNI – SEI MILIARDI E PASSA DELLO STATO NON SONO SERVITI A NIENTE: DOPO TRE ANNI IN MANO AL TESORO MPS STA MESSA PEGGIO DI PRIMA – A DIRLO SONO I CONTI SEMESTRALI PRESENTATI DAI VERTICI DI ROCCA SALIMBENI, CHE HANNO SPOSTATO IL RITORNO DELL’UTILE DI ALTRI TRE ANNI – E LA FONDAZIONE (EX AZIONISTA DI MAGGIORANZA) CHIEDE 3,8 MILIARDI DI RISARCIMENTO. ORA BISOGNA VENDERLA, MA A QUESTE CONDIZIONI CHI SE LA COMPRA? CONTATTI TRA IL SOTTOSEGRETARIO BARETTA E I FRANCESI DI BNP E CREDIT AGRICOLE 

CHI CONTROLLA LE APP, CONTROLLA IL MONDO - APPLE E GOOGLE HANNO RIMOSSO FORTNITE DAGLI STORE ACCUSANDO LA CASA DI PRODUZIONE “EPIC GAMES” CHE HA "OSATO" UTILIZZARE UN SISTEMA DI PAGAMENTO INTERNO ALL’APP, BYPASSANDO LA COMMISSIONE DEL 30% TRATTENUTA DAI DUE GRUPPI - RISULTATO? CHI VORRÀ SCARICARE IL GIOCO SU UN IPHONE, NON POTRÀ PIÙ FARLO - LA QUESTIONE RIACCENDE IL TEMA, FONDAMENTALE, DEL MONOPOLIO DI APPLE E GOOGLE: CHI NON SI ADEGUA AGLI STANDARD O NON PAGA QUEL CHE VIENE CHIESTO, È FUORI - LA VIDEO DENUNCIA DI "EPIC GAMES"