DAL CAIRO A NEW YORK, PIOVONO PIETRE NERE - BLACKSTONE FA UNA NUOVA CAUSA, STAVOLTA PERSONALE, CONTRO URBANETTO, DOPO CHE IL GIUDICE DI MANHATTAN HA SOSPESO IL PROCEDIMENTO IN ATTESA DELL'ARBITRATO MILANESE. IL FONDO CHE SI È COMPRATO GLI IMMOBILI CHE FURONO DEL ''CORRIERE DELLA SERA'' VUOLE 300 MILIONI DI DANNI, POCO GLI IMPORTA SE ARRIVANO DA RCS O DA CAIRO IN PERSONA. LA GUERRA VA AVANTI: ANCHE SE PERDE L'ARBITRATO, BLACKSTONE NON INTENDE FERMARSI

-

Condividi questo articolo

 

Paolo Mastrolilli per “la Stampa

 

urbano cairo foto mezzelani gmt008 urbano cairo foto mezzelani gmt008

Blackstone alza il tiro nella disputa contro Rcs, facendo causa personalmente a Urbano Cairo. Il fondo americano infatti ha presentando un nuovo "Complaint" davanti alla Supreme Court dello stato di New York, con cui accusa il presidente della casa editrice italiana di aver interferito con la vendita della sede storica del Corriere della Sera, e chiede di condannarlo a pagare fino a 300 milioni di dollari di danni.

 

Cairo al momento non commenta, perché non ha ancora ricevuto la notifica.

 

La cessione

Nel novembre del 2013 Rcs aveva venduto i tre stabili di via Solferino, via San Marco e via Balzan a Blackstone, per 120 milioni di euro, affittando poi una parte dei locali. Il 10 luglio 2018 Milano Finanza ha scritto che Blackstone stava rivendendo gli immobili ad Allianz per 250 milioni di euro.

 

FONDO BLACKSTONE FONDO BLACKSTONE

Tre giorni dopo gli americani hanno ricevuto una lettera dal presidente di Rcs, che dichiarava nullo l' atto del 2013 perché il fondo si era approfittato delle difficili condizioni della sua compagnia per costringerla a svendere in maniera svantaggiosa gli edifici. Il 9 novembre la casa editrice ha chiesto un arbitrato a Milano per risolvere la disputa, e il 20 novembre Blackstone ha risposto presentando un "Complaint" alla Corte Suprema dello stato di New York, domandando che riconosca la validità dell' acquisto e condanni Rcs a pagare i danni.

 

L' arbitrato

 

sede del corriere della sera in via solferino a milano 3 sede del corriere della sera in via solferino a milano 3

Il 24 aprile scorso il giudice Saliann Scarpulla ha sospeso la causa a New York, dando la precedenza all' arbitrato di Milano, che è cominciato il 15 aprile e riprenderà a settembre. Il 22 però Blackstone ha presentato la nuova causa, sperando di notificarla a Cairo durante un suo previsto viaggio negli Usa. Il presidente di Rcs però ha cancellato questa visita, e quindi ora i documenti gli verranno consegnati in Italia secondo la convenzione dell' Aja.

 

La prima causa di Blackstone aveva preso di mira la Rcs, sostenendo che l' acquisto della sede del Corriere era legale, e il tentativo di annullarlo cinque anni dopo era un atto di estorsione, avviato per impedire la rivendita ad Allianz. La seconda causa sostiene gli stessi argomenti, ma stavolta colpisce personalmente Cairo, perché lui è l' attore principale dell' iniziativa presa per danneggiare il fondo americano.

 

La reazione dell' editore

 Il presidente di Rcs ieri ha deciso di non commentare, perché non ha ancora ricevuto la notifica.

 

Il 24 aprile ha vinto il primo round di questa sfida, perché Scarpulla ha sospeso il procedimento di New York, dando la precedenza all' arbitrato di Milano. La giudice è sembrata molto scettica sulla sua competenza a prendere il caso, perché la transazione originaria e tutti gli atti relativi sono avvenuti in Italia. Questo potrebbe far supporre che assumerà lo stesso atteggiamento nei confronti della nuova causa contro Cairo.

 

Battaglia legale

I legali di Blackstone però danno un' interpretazione diversa.

sede del corriere della sera in via solferino a milano 1 sede del corriere della sera in via solferino a milano 1

Loro riconoscono che Scarpulla è apparsa scettica riguardo la sua giurisdizione sulla transazione originaria, ma invece non lo è stata sull' eventuale giudizio relativo all' interferenza di Rcs nella rivendita degli immobili ad Allianz, perché questa azione è avvenuta in un momento successivo e ha danneggiato una compagnia basata a New York. In ogni caso, anche se Scarpulla chiudesse definitivamente il procedimento a Manhattan, gli avvocati di Blackstone sono pronti a fare causa a Cairo anche a Milano.

 

Se vinceranno l' arbitrato, la useranno per ottenere personalmente da lui il pagamento dei danni, che stimano in circa 300 milioni di dollari.

Se lo perderanno, valuteranno il dispositivo della sentenza per decidere come procedere, ma comunque avvertono che non si fermeranno.

 

Condividi questo articolo

business

“FCA IN TRATTATIVE AVANZATE PER UN'ALLEANZA CON RENAULT" - IL "FINANCIAL TIMES" SGANCIA LA BOMBA E PARLA DI UN NEGOZIATO CHE DAREBBE VITA AL MAGGIORE PRODUTTORE MONDIALE DI AUTOMOBILI – L’AD DI "FCA" MANLEY: "APERTI A VALUTARE TUTTE LE PROPOSTE FAVOREVOLI CHE SI PRESENTERANNO" - NEL CASO IN CUI FCA DOVESSE ENTRARE NELL'ALLEANZA REANULT-NISSAN-MITSUBISHI, LA BILANCIA DEL POTERE ALL'INTERNO DELLA PARTNERSHIP SI SPOSTEREBBE DAL GIAPPONE VERSO L'EUROPA, "PORTANDO AL TAVOLO JOHN ELKANN", SCRIVE "FT" – LA FIOM-CGIL: IL GOVERNO APRA UN TAVOLO CON IL LINGOTTO E I SINDACATI