CALTAGIRONE: MAZZIATO A TRIESTE, CORNIFICATO A MILANO? – CHIUSA CON DISFATTA LA PARTITA GENERALI, SI APRE IL FRONTE MEDIOBANCA, DOVE DEL VECCHIO HA IN TASCA IL 20%. CON IL QUALE CI FA LA BIRRA. LA BCE NON PERMETTE A UN PRIVATO DI PRENDERSI UNA BANCA. QUINDI IL PAPERONE DI AGORDO SI COALIZZERA’ CON INTESA, CUI LA BCE NON PUO’ DIRE DI NO. E CALTA CHE FA, SI METTE IN FILA INDIANA COL SUO 5%? DIFFIDENTE DI TUTTO E TUTTI, ORA TEME DI FINIRE SCHIACCIATO TRA CARLO MESSINA E DEL VECCHIO…

-

Condividi questo articolo


DAGOREPORT

Donnet Caltagirone Del Vecchio Donnet Caltagirone Del Vecchio

Avendo vinto a Trieste, il vispo Nagel ha lanciato il ramoscello d’ulivo agli arzilli vecchietti. Calta e Del Vecchio ovviamente non hanno raccolto in quanto voleva dire: adesso trattiamo alle mie condizioni. Quindi, in Generali è stato subito scontro: la minoranza di Caltagirone (tre consiglieri) è fuori dai comitati. 

 

Alberto Nagel Caltagirone Alberto Nagel Caltagirone

A scatenare la rottura, e la futura guerriglia, è stata la proposta sfacciata, formulata dalla maggioranza Donnet-Nagel, di non riproporre il comitato per le operazioni strategiche, dove venivano esaminate in maniera preventiva ma con poteri solo consultivi le operazioni proposte in tema di fusioni e acquisizioni. Ora tutte le operazioni dovranno passare direttamente in consiglio, nell'ottica di aumentare la separazione tra questo e i soci che vi sono rappresentati.

Milleri Del Vecchio Nagel Milleri Del Vecchio Nagel

 

A questo punto, si apre l’altro fronte, quello meneghino di Piazzetta Cuccia, dove il boss di Luxottica ha in tasca il 20%. Con il quale non va da nessuna parte perché la Bce non permette a un imprenditore privato qual è Del Vecchio di guidare una banca. 

 

Per superare lo stato di sterilità, e togliersi la soddisfazione di accompagnare all’uscita il vispo Alberto Nagel, il paperone di Agordo, con il suo stratega Milleri, deve provvedere ad allearsi con una grande banca italiana, ergo: Intesa San Paolo. 

ALBERTO NAGEL CARLO MESSINA ALBERTO NAGEL CARLO MESSINA

 

Con un’Opa insieme a Del Vecchio-Milleri, Intesa si prenderà Mediobanca con il suo tesoretto del 13% di Generali e per l’ipocondriaco Carlo Messina il sogno diventa realtà: vende Intesa Vita per l’Antitrust e dopo un fallimento mette finalmente il guinzaglio al Leone di Trieste. 

 

FRANCESCO GAETANO CALTAGIRONE PHILIPPE DONNET FRANCESCO GAETANO CALTAGIRONE PHILIPPE DONNET

E il compagno di viaggio di Del Vecchio, che fa, si mette in fila indiana col suo 5%? A Caltariccone, diffidente di tutto e tutti, non piace non essere protagonista, e ora teme di finire schiacciato tra Messina e del Vecchio. Mazziato a Trieste, cornificato a Milano? 

 

 

 

Condividi questo articolo

business

TOCCA RICICCIARE CHURCHILL: LA DEMOCRAZIA È LA PEGGIOR FORMA DI GOVERNO, ECCEZION FATTA PER TUTTE LE ALTRE SPERIMENTATE - XI JINPING, ERDOGAN E PUTIN FANNO GLI SBORONI MA HANNO GROSSI PROBLEMI INTERNI: IL CINESE INTIGNA CON LA POLITICA DEL “COVID ZERO” BLOCCANDO LA CATENA DI PRODUZIONE, E RISCHIA DI ESSERE FATTO FUORI AL CONGRESSO DEL PARTITO; IL “SULTANO” DEVE FRONTEGGIARE L’INFLAZIONE AL 70% E IL CROLLO DELLA LIRA TURCA. E “MAD VLAD”? SI È AVVENTURATO IN UNA GUERRA INUTILE E MOLTO COSTOSAE FA FINTA CHE L’ECONOMIA RUSSA POSSA RESISTERE, MA NON È AFFATTO COSÌ…

E’ DURA CON IL GRANO DURO: I PREZZI SONO SALITI DELL’80% IN UN ANNO E STIME PREVEDONO UN CALO DELLA PRODUZIONE IN ITALIA DEL 2% - A OGGI È DIFFICILE IPOTIZZARE RIDUZIONI DI PREZZO SUPERIORI AL 15%, ANCHE PER LE CONDIZIONI SEMPRE PIÙ CRITICHE SUL GENERALE MERCATO DEI CEREALI - NON C’E’ SOLO LA GUERRA: IN EUROPA IL CLIMA SECCO STA METTENDO A RISCHIO IL RACCOLTO DI FRUMENTO DURO SOPRATTUTTO IN FRANCIA, MENTRE IN ITALIA LE RECENTI PIOGGE POTREBBERO NON ESSERE SUFFICIENTI A COMPENSARE LA SICCITÀ DEI MESI PRECEDENTI…