CARA STELLANTIS NON PUOI PRENDERE I SOLDI E SCAPPARE - I SETTE MINUTI DI CONFERENCE CALL TRA ELKANN, CARLOS TAVARES E IL MINISTRO GIORGETTI CERTIFICANO IL GELO TRA IL GOVERNO DRAGHI E I VERTICI DEL GRUPPO AUTOMOBILISTICO CHE HA INIZIATO A FRIGNARE PER L’ALTO COSTO DEL LAVORO IN ITALIA - PER DISSUADERE STELLANTIS DAL FARE TAGLI NELLE FABBRICHE ITALIANE, L’ESECUTIVO SVENTOLA I 6,3 MILIARDI DEL PRESTITO INTESA GARANTITO DA SACE E DELL’USO DELLA CASSA INTEGRAZIONE COVID…

-

Condividi questo articolo


Giovanna Predoni per https://www.tag43.it

 

John Elkann John Elkann

Sette minuti sette. Tanto è durata lunedì 24 maggio la conference call tra il titolare del Mise, Giancarlo Giorgetti, e i vertici di Stellantis. Ovvero il presidente John Elkann e Carlos Tavares, l’amministratore delegato del gruppo automobilistico nato dal matrimonio tra Psa Peugeot e Fca.

 

CON DRAGHI UN INCONTRO BREVE E MOLTO FREDDO

Si trattava di uno dei primi abboccamenti col nuovo governo di Mario Draghi, che prima di partire per Bruxelles aveva incontrato Elkann (novello Cavaliere del lavoro, come anticipato il 5 maggio da Tag43) e non era stata proprio un ritrovarsi di amorosi sensi. Alla fine niente foto, né comunicato, neanche di circostanza. Per ritrovare una foto bisogna spostarsi in Vaticano, dove i vertici di Stellantis hanno presentato a Papa Francesco la nuova 500 elettrica.

CARLOS TAVARES JOHN ELKANN - STELLANTIS CARLOS TAVARES JOHN ELKANN - STELLANTIS

 

Presidente e ad di Stellantis erano calati a Roma per dare il via a una sorta di operazione simpatia. Il programma prevedeva la presentazione al Papa della nuova 500 elettrica, una capatina a Palazzo Chigi, poi la conference con il ministro leghista ma fedelissimo del premier. La sera, infine, il ritorno a Torino per partecipare all’indomani, e non da spettatori, alla benefica iniziativa della Partita del cuore all’Allianz Stadium, ovvero l’impianto dove gioca la Juventus.

MARIO DRAGHI GIANCARLO GIORGETTI MARIO DRAGHI GIANCARLO GIORGETTI

 

IL NODO DEL PRESTITO INTESA DA 6,3 MILIARDI E LA CASSA COVID

Al di là dei convenevoli di rito, erano molti gli argomenti sul tavolo. Uno in particolare che interessava tutti gli interlocutori: ovvero il futuro delle fabbriche italiane e del conseguente livello di occupazioni su cui sinora Tavares si era espresso sibillinamente, denunciando in una intervista con un giornale francese come il costo del lavoro in Italia fosse più alto rispetti a quello degli altri Paesi dove Stellantis produce le sue automobili.

 

John Elkann John Elkann

Ebbene, sia Draghi sia Giorgetti sono stati perentori. Il governo non permetterà che a fronte del prestito di 6,3 miliardi erogato a Fca nel giugno del 2020 da Banca Intesa e garantito all’80% attraverso Sace, nonché dell’utilizzo della cassa integrazione Covid, il gruppo automobilistico possa avere mano libera su eventuali tagli dell’organico.

 

ORA STELLANTIS DEVE PENSARE A UNA DIVERSA STRATEGIA PER LE FABBRICHE ITALIANE

«Lo potete fare», avrebbe detto Giorgetti, «se rimborserete il prestito e rinuncerete all’uso della cassa integrazione». Il governo, insomma, non può avallare un’operazione che va a discapito dell’occupazione figurando come garante finanziario ed erogatore di ammortizzatori sociali. Laconicamente, Elkann e Tavares sono ripartiti per Torino rimandando tutto a un nuovo incontro, la cui tempistica non è stata resa nota. Ma non avverrà prima che l’azienda franco-italiana abbia elaborato una diversa strategia che possa essere accettabile materia di discussione con l’esecutivo.

GIANCARLO GIORGETTI E MARIO DRAGHI LEGGONO DAGOSPIA GIANCARLO GIORGETTI E MARIO DRAGHI LEGGONO DAGOSPIA

 

 

Condividi questo articolo

business

OH, CHE BEL CASELLO! - CON IL PASSAGGIO DI ASPI DALLA GALASSIA BENETTON A CDP CON I FONDI ESTERI BLACKSTONE E MACQUARIE, CI SARÀ UNA RIVOLUZIONE SIA IN TERMINI INFRASTRUTTURALI, SIA FINANZIARI: SULLE AUTOSTRADE PIOVERANNO INVESTIMENTI PER 26 MILIARDI MENTRE I FONDI ESTERI VOGLIONO RENDERE LA SOCIETA’ PROFITTEVOLE CON UN RITORNO ATTESO IPOTIZZATO DEL 7-8% -  NEL TEMPO CDP POTREBBE GRADUALMENTE RIDIMENSIONARE LA PARTECIPAZIONE DEL 51% IN FAVORE DI CASSE DI PREVIDENZA E ASSICURAZIONI ITALIANE…

QUELLA TESTIMONIANZA NON S’HA DA FARE! – CASO SANTANDER-ORCEL: IL TRIBUNALE DI MADRID BLOCCA DI NUOVO TUTTO E RINVIA L'UDIENZA IN CUI GLI EX VERTICI DI UBS AXEL WEBER E MAX  SHELTON AVREBBERO DOVUTO CONFERMARE CHE SAREBBE TOCCATO ALLA BANCA GUIDATA DA ANA BOTIN PAGARE I BONUS DIFFERITI DEL NEO-BOSS DI UNICREDIT - POTERE DEL SANTANDER, CHE IN SPAGNA CONTA PIÙ DEL GOVERNO. MA PRIMA O POI WEBER E SHELTON DOVRANNO SEDERSI DAVANTI A UN GIUDICE E CONFERMARE CHE AVEVANO AVVISATO LA BOTIN. E ALLORA LA BANCA SPAGNOLA VIVRÀ LA PRIMA SCONFITTA IN TRIBUNALE DELLA SUA STORIA…