CHE FINE FA LABRIOLA? LO SCOPRIREMO SOLO VIVENDI – L’AD DI TIM A PARIGI NON È STATO RICEVUTO DAL PRESIDENTE DEL GRUPPO FRANCESE, YANNICK BOLLORÉ, NÉ DALL’AD, ARNAUD DE PUYFONTAINE, MA DA ALCUNI COLLABORATORI. ENNESIMO SEGNALE DELLA SFIDUCIA NEI SUOI CONFRONTI DA PARTE DEL PRIMO AZIONISTA DI TELECOM: LABRIOLA HA RIFERITO CHE L’OFFERTA DI KKR È IN VANTAGGIO, MA PER I FRANCESI RESTA TROPPO BASSA (COME QUELLA DI CDP)

-

Condividi questo articolo


PIETRO LABRIOLA TIM PIETRO LABRIOLA TIM

Estratto dell’articolo di Sara Bennewitz per “la Repubblica”

 

Il futuro di Telecom è appeso all’esito del cda del 4 maggio, quando si deciderà se andare avanti o meno con le offerte di Kkr (21 miliardi) e Cdp-Macquarie (19,3 miliardi) per la rete.

 

L’ad Pietro Labriola è andato a Parigi per discuterne con Vivendi (24% di Tim), ma non è stato ricevuto dal presidente Yannick Bollorè e dall’ad de Puyfontaine, ma da alcuni loro collaboratori.

 

YANNICK E VINCENT BOLLORE YANNICK E VINCENT BOLLORE

Ai quali ha riferito che l’offerta di Kkr è in vantaggio […]. Per Vivendi invece l’offerta […] è bassa anche con un eventuale rilancio e lascerebbe troppi debiti e dipendenti in carico alla nuova ServiCo.

 

I francesi non vogliono che l’ad che hanno appoggiato 14 mesi fa li costringa a svendere il primo asset di Tim e Labriola non vuole andarsene per i dissapori con il primo socio, perché crede che sia nell’interesse di Tim andare avanti con le offerte.  […]

ARNAUD DE PUYFONTAINE ARNAUD DE PUYFONTAINE PIETRO LABRIOLA PIETRO LABRIOLA cyrill vincent e yannick bollore cyrill vincent e yannick bollore PIETRO LABRIOLA PIETRO LABRIOLA

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - DOVE VA IL PD, SENZA LA BANANA DELLA LEADERSHIP? IL FALLIMENTO DI ELLY SCHLEIN È SOTTO GLI OCCHI DI TUTTI. GENTILONI È UNA “SAPONETTA” SCIVOLATA DA RUTELLI A RENZI, PRIVO DI PERSONALITÀ E DI CARISMA. QUALITÀ ASSENTI ANCHE NEL DNA DI FRANCESCHINI, ORLANDO E GUERINI, PER NON PARLARE DI BONACCINI, CHE HA LO STESSO APPEAL DI UNA POMPA DI BENZINA - ECCO PERCHÉ, IN TALE SCENARIO DI NANI E BALLERINI, SOSTENUTO DAI MAGHI DELL’ULIVO BAZOLI E PRODI, BEPPE SALA POTREBBE FARCELA A RAGGRUPPARE LA SINISTRA E IL CENTRO E GUIDARE LE ANIME DIVERSE E CONTRADDITTORIE DEL PD. NELLO STESSO TEMPO TROVARE, ESSENDO UN TIPINO PRAGMATICO, UN EQUILIBRIO CON L’EGO ESPANSO DI GIUSEPPE CONTE E SQUADERNARE COSÌ UNA VERA OPPOSIZIONE AL GOVERNO MELONI IN CUI SCHLEIN HA FALLITO

DAGOREPORT: IL DELITTO PAGA SEMPRE (PURE IN VATICANO) - IL DUO BERGOGLIO-PAROLIN AVEVA DEPOSTO MONSIGNOR ALBERTO PERLASCA DA RESPONSABILE DELL'UFFICIO ECONOMICO DELLA SEGRETERIA DI STATO, ALL’INDOMANI DELLO SCANDALO DELLA COMPRAVENDITA DEL PALAZZO LONDINESE. ACQUA (SANTA) PASSATA: IL TESTIMONE CHIAVE DEL PROCESSO BECCIU, IN OTTIMI RAPPORTI CON FRANCESCA CHAOUQUI E GENOVEFFA CIFERRI, E’ STATO RINOMINATO PROMOTORE DI GIUSTIZIA AGGIUNTO AL SUPREMO TRIBUNALE DELLA SEGNATURA APOSTOLICA, CHE FUNGE ANCHE DA TRIBUNALE AMMINISTRATIVO PER TUTTA LA CHIESA - DOPO IL CARDINALE BECCIU, CHISSÀ A CHI TOCCHERÀ...