E CHE GAS! – CON L’ARRIVO DEL FREDDO, LE BOLLETTE DEL GAS DIVENTANO PIU’ SALATE. A CAUSA DELL'AUMENTO DELLA DOMANDA, A NOVEMBRE LE TARIFFE SONO SALITE DEL 13,7% PER IL MERCATO REGOLATO – LA SPESA PER FAMIGLIA ARRIVA A 145 EURO AL MESE IN MEDIA – UN RINCARO CHE METTE FINE ALLA TREGUA SUL CARO ENERGIA, DOPO LA FRENATA DI OTTOBRE, QUANDO SI ERA REGISTRATO UN -12,9%...

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Luca Pagni per www.repubblica.it

 

CARO BOLLETTE GAS CARO BOLLETTE GAS

Con l'arrivo della stagione fredda, tornano a crescere le bollette del gas. Nel mese di novembre - a causa dell'aumento della domanda - le tariffe saliranno del 13,7%. Un rincaro che mette fino alla tregua sul caro energia, dopo la frenata del mese di ottobre quando le bollette erano scese del 12,9%.

 

Lo ha comunicato l'Arera (l'ex Autorità per l'energia), deputata per legge ad aggiornare le tariffe del gas una volta al mese. Il provvedimento riguarda tutti gli utenti rimasto sul mercato regolato: si tratta del 45% circa delle famiglie italiane che, in pratica, non hanno mai cambiato fornitore da quando è stato liberalizzato il settore.

 

bollette luce gas bollette luce gas

Ma, in realtà, riguarda molti più utenti, perché con la scadenza delle offerte sottoscritte da chi è passato al libero mercato, già da qualche mese l'aggiornamento dell'Authority è diventato il punto di riferimento per una platea molto più ampia di consumatori. […]

 

L'aumento rispetto al mese scorso è principalmente dovuto a quanto accaduto sui mercato all'ingrosso del gas: in previsione della stagione fredda i prezzi della materia prima sono saliti a partire dalla metà di novembre, ribaltandosi sui costi a carico dei consumatori. Ricordiamo che da ottobre, l'Authority non si basa più sulle quotazioni dell'indice Ttf di Amsterdam, ma sul Psv: si tratta del Punto di scambio virtuale che fa riferimento al mercato all'ingrosso in Italia.  […]

GAS N ROSES - MEME BY CARLI GAS N ROSES - MEME BY CARLI bollette luce gas bollette luce gas putin gas putin gas

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - DOVE VA IL PD, SENZA LA BANANA DELLA LEADERSHIP? IL FALLIMENTO DI ELLY SCHLEIN È SOTTO GLI OCCHI DI TUTTI. GENTILONI È UNA “SAPONETTA” SCIVOLATA DA RUTELLI A RENZI, PRIVO DI PERSONALITÀ E DI CARISMA. QUALITÀ ASSENTI ANCHE NEL DNA DI FRANCESCHINI, ORLANDO E GUERINI, PER NON PARLARE DI BONACCINI, CHE HA LO STESSO APPEAL DI UNA POMPA DI BENZINA - ECCO PERCHÉ, IN TALE SCENARIO DI NANI E BALLERINI, SOSTENUTO DAI MAGHI DELL’ULIVO BAZOLI E PRODI, BEPPE SALA POTREBBE FARCELA A RAGGRUPPARE LA SINISTRA E IL CENTRO E GUIDARE LE ANIME DIVERSE E CONTRADDITTORIE DEL PD. NELLO STESSO TEMPO TROVARE, ESSENDO UN TIPINO PRAGMATICO, UN EQUILIBRIO CON L’EGO ESPANSO DI GIUSEPPE CONTE E SQUADERNARE COSÌ UNA VERA OPPOSIZIONE AL GOVERNO MELONI IN CUI SCHLEIN HA FALLITO

DAGOREPORT: IL DELITTO PAGA SEMPRE (PURE IN VATICANO) - IL DUO BERGOGLIO-PAROLIN AVEVA DEPOSTO MONSIGNOR ALBERTO PERLASCA DA RESPONSABILE DELL'UFFICIO ECONOMICO DELLA SEGRETERIA DI STATO, ALL’INDOMANI DELLO SCANDALO DELLA COMPRAVENDITA DEL PALAZZO LONDINESE. ACQUA (SANTA) PASSATA: IL TESTIMONE CHIAVE DEL PROCESSO BECCIU, IN OTTIMI RAPPORTI CON FRANCESCA CHAOUQUI E GENOVEFFA CIFERRI, E’ STATO RINOMINATO PROMOTORE DI GIUSTIZIA AGGIUNTO AL SUPREMO TRIBUNALE DELLA SEGNATURA APOSTOLICA, CHE FUNGE ANCHE DA TRIBUNALE AMMINISTRATIVO PER TUTTA LA CHIESA - DOPO IL CARDINALE BECCIU, CHISSÀ A CHI TOCCHERÀ...