A CHI IL MONTE DEI PASCHI? A NOI! - IL PIANO DEL GOVERNO È INCASSARE 20 MILIARDI DI EURO IN TRE ANNI DALLA CESSIONE DI ALCUNE QUOTE DELLE PARTECIPAZIONI (ENI, FERROVIE, POSTE). UN’ALTRA FONTE DA CUI OTTENERE CASH È MPS, CHE NEL 2023 È TORNATO ALL'UTILE E AL DIVIDENDO - DOPO AVER VENDUTO IL 25% DI MPS, GIORGETTI MIRA A METTERE SUL MERCATO UN'ALTRA QUOTA. MA, TRAFITTI DA VOGLIA DI STATALISMO, GIORGETTI SI TROVA CONTRO LA FIAMMA MAGICA DI PALAZZO CHIGI…

-

Condividi questo articolo


Luca Monticelli per “La Stampa” - Estratto

 

GIANCARLO GIORGETTI - GIORGIA MELONI GIANCARLO GIORGETTI - GIORGIA MELONI

Il piano del governo è incassare 20 miliardi di euro in tre anni dalla cessione di alcune quote delle partecipazioni, senza perdere il controllo delle società statali ritenute strategiche. Per centrare il target inserito nella Nadef e ricavare l'1% di Pil, il ministro dell'Economia Giancarlo Giorgetti dice che «serve una buona reputazione, ed è ciò che stiamo costruendo».

 

Una fonte da cui ottenere risorse fresche è il Monte dei Paschi di Siena, che nel 2023 è tornato all'utile e al dividendo, e ora annuncia 300 assunzioni di personale da destinare alla rete commerciale. Dopo aver venduto il 25% di Mps, il Mef potrebbe mettere sul mercato un'altra quota dell'istituto di credito senese.

 

LUIGI LOVAGLIO MONTE DEI PASCHI DI SIENA LUIGI LOVAGLIO MONTE DEI PASCHI DI SIENA

«La cosa incredibile è che la banca è diventata l'oggetto del desiderio, adesso la vogliono tutti. È una posizione privilegiata per il governo, chi l'avrebbe detto un anno fa», sottolinea Giorgetti in Transatlantico al Senato.

 

In aula, nel corso del Question time, il ministro risponde a un'interrogazione sul processo di privatizzazione di Poste: «Il governo non vuole perdere il controllo, ci muoviamo sempre nella logica della difesa dell'interesse generale». Quanto pensa di ricavare il Tesoro dalla vendita di Poste? «Dipende dalle condizioni di mercato che di volta in volta si verranno a determinare», risponde. […]

LUIGI LOVAGLIO LUIGI LOVAGLIO giorgia meloni e giovanbattista fazzolari giorgia meloni e giovanbattista fazzolari giancarlo giorgetti giorgia meloni giancarlo giorgetti giorgia meloni giovanbattista fazzolari giorgia meloni al senato giovanbattista fazzolari giorgia meloni al senato giorgia meloni giancarlo giorgetti giorgia meloni giancarlo giorgetti

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! - FORZA ITALIA, SI CAMBIA MUSICA: LETIZIA MORATTI RITORNA PREPOTENTEMENTE IN FORZA ITALIA MA NON NEL RUOLO DI COMPARSA: PER IMPRIMERE UNA SVOLTA MODERATA AL PARTITO DEL FU CAVALIERE, PIER SILVIO E MARINA HANNO SCELTO UN POLITICO DISTANTE 'ANNI DUCE' DALLA DESTRA DEI FEZ-ZOLARI, UNA CHE NON MANCA MAI DI RICORDARE IL PADRE PARTIGIANO, TANT'È CHE ALLE REGIONALI IN LOMBARDIA SCESE IN CAMPO, E FU SCONFITTA, DA MELONI-SALVINI - L'ADDIO ALL'ERA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI E' GIÀ INIZIATO A MEDIASET CON LO SBARCO DELLA BERLINGUER. SI È AVUTA ULTERIORE PROVA DEL CAMBIO DI STRATEGIA DI PIER SILVIO CON LA MIELOSA PROFFERTA DI ASSUNZIONE RIVOLTA PUBBLICAMENTE A FABIO FAZIO, SBARCATO NON A CASO SU CANALE5 COME CONDUTTORE DELLO SPECIALE IN MEMORIA DI MAURIZIO COSTANZO - IL NUOVO BISCIONE SECONDO IL BERLUSCONINO: MENO TRALLALA' PER CASALINGHE E PIU' PROGRAMMI INTELLETTUALMENTE VIVACI. I TALK DI RETE4? CALMA. FINCHE' C'E' CONFALONIERI... - VIDEO

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…