CI PENSA MATTARELLA (L'ALTRO) - BANKITALIA È RIUSCITA A TOGLIERE LE NOMINE DELLA POPOLARE DI BARI DALLA GESTIONE POLITICA POST ELEZIONI REGIONALI IN PUGLIA. E DI FRONTE ALL'INDEBOLIMENTO DEL M5S CHE MIRAVA A INSEDIARE UN VERTICE DI PROPRIO GRADIMENTO NEL NUOVO BOARD TARGATO MCC, ALLA PRESIDENZA DELLA BANCA ANDRÀ BERNARDO MATTARELLA, AMMINISTRATORE DELEGATO DEL MEDIOCREDITO CENTRALE CHE HA IL 97%

-

Condividi questo articolo

Rosario Dimito per ''Il Messaggero''

 

BERNARDO MATTARELLA BERNARDO MATTARELLA

Bankitalia sarebbe riuscita a sottrarre le nomine della Popolare di Bari dalla gestione politica post elezioni regionali in Puglia. E di fronte all'indebolimento del M5S che mirava a insediare un vertice di proprio gradimento nel nuovo board targato Mcc, l'Istituto guidato da Ignazio Visco, d'intesa con la Vigilanza europea, sarebbe riuscito a strappare una designazione tecnica, fuori dalla mischia, lontana anche da eventuali rivendicazioni da parte di Michele Emiliano, confermato governatore. E dunque, alla presidenza della Pop Bari, secondo quanto risulta al Messaggero, Via Nazionale ha condiviso la nomina di Bernardo Mattarella, ad di Mcc che è l'azionista di maggioranza dell'istituto con il 97%. Entro venerdì 25 dovranno essere depositate le liste in vista dell'assemblea del 15 ottobre.

 

MARCO JACOBINI CON IL FIGLIO GIANLUCA MARCO JACOBINI CON IL FIGLIO GIANLUCA

LA PRESA DELL'AZIONISTA MCC Mattarella sarebbe una scelta tecnica, di professionalità, indipendenza e autonomia che serve per restituire credibilità alla rinascita dell'istituto dopo la stagione buia della gestione Jacobini-De Bustis e, soprattutto, dopo che una prima volta l'assemblea fissata per il 16 settembre era stata annullata per la contrapposizione tra M5S e Pd sulle nomine al vertice. Per la poltrona di ad la posizione sarà appannaggio di Giampiero Bergami, assunto da Mcc e distaccato in Puglia come direttore generale.

 

Restava la poltrona di presidente che ha un suo valore per la funzione di rappresentanza della banca evitando che essa possa essere influenzata dalla politica. Così qualche giorno fa Bankitalia avrebbe fatto sapere, anche a nome della Bce, che non avrebbe consentito deviazioni sulla presidenza da attribuire a Mattarella, da settembre 2017 al timone di Mcc. La presa diretta del socio forte potrà consentire interventi di riordino del credito nel Mezzogiorno, conseguenti al mandato contenuto nel decreto 142/2019.

 

ignazio visco daniele franco ignazio visco daniele franco

Il provvedimento del governo ha stanziato 900 milioni per la ricapitalizzazione di Mcc in funzione del salvataggio della Popolare di Bari e delle successive operazioni sul territorio. Di questa somma, 430 milioni sono stati stanziati per rafforzare patrimonialmente la banca pugliese commissariata a dicembre 2019 per farne un pivot a sostegno delle imprese. Rosario Dimito

 

Condividi questo articolo

business

UN DEPUTATO (E SOPRATTUTTO EX MINISTRO DEL TESORO) PUÒ DIVENTARE PRESIDENTE DI UNICREDIT? – DIBBA ATTACCA PADOAN: “NONCURANTE DEL GIGANTESCO CONFLITTO DI INTERESSI CHE LO RIGUARDA, PARE ABBIA DETTO CHE SI DIMETTERÀ. QUANTA GRAZIA! LE INGIUSTIZIE SOCIALI HANNO UN SOLO PADRE: L' ACCENTRAMENTO DI POTERE. ED ESISTE UN SOLO MODO PER CONTRASTARLO: RISOLVERE IL CONFLITTO DI INTERESSI” - COSA DICE LA LEGGE? ENTRO UN MESE DOVRÀ COMUNICARE LA SUA INCOMPATIBILITÀ ALLA GIUNTA PER LE ELEZIONI, POI…”