I CINESI SGOMMANO VIA DA PIRELLI, MA TRONCHETTI PROVERA HA GIÀ IL PIANO B – IL GOVERNO POTREBBE RICORRERE AL GOLDEN POWER PER LIMITARE LA PRESENZA DI SINOCHEM. LA DECISIONE POTREBBE ACCELERARE UN RIASSETTO DI CUI SI VOCIFERA DA TEMPO: IL GOVERNO CINESE STA FACENDO PRESSING SULLE SUE SOCIETÀ AFFINCHÉ ABBANDONINO GLI INVESTIMENTI ESTERI. IN OGNI CASO, TRONCHETTI HA GIÀ PREPARATO IL DOPO, CON IL PATTO DI CONSULTAZIONE SIGLATO TRA CAMFIN E BREMBO, CHE RAFFORZA IL NOCCIOLO DURO DEGLI AZIONISTI “ALTERNATIVI” AL PARTNER CINESE…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Marigia Mangano per "il Sole 24 Ore”

 

marco tronchetti provera marco tronchetti provera

Pirelli posticipa l’assemblea degli azionisti a fine giugno in attesa che il Governo si esprima sul patto di sindacato tra Sinochem e Camfin in base alla normativa Golden Power. Un verdetto che, se dovesse portare alla sterilizzazione dei diritti di voto del partner cinese, potrebbe far partire ufficialmente il riassetto del gruppo della Bicocca.

 

Al vaglio dell’Esecutivo è finito il patto triennale Italia- Cina che è stato appena rinnovato fino al 2026. La notifica è datata 6 marzo e secondo l’iter il Governo dovrebbe pronunciarsi entro 45 giorni dall’atto di notifica. Si guarda così al 20 aprile, anche se tecnicamente potrebbero essere richiesti approfondimenti che farebbero slittare la pronuncia al 20 maggio, con audizioni e documentazione aggiuntiva.

 

SINOCHEM SINOCHEM

[…] L’Italia starebbe infatti studiando come ridurre l’influenza del socio cinese Sinochem sul produttore di pneumatici Pirelli. Le autorità italiane […] starebbero attualmente discutendo diverse opzioni che includerebbero la limitazione della condivisione delle informazioni sui dati sensibili e sulla tecnologia strategica con membri del consiglio nominati da Sinochem, fino a limitazioni dei diritti di voto.

 

Da qui l’impressione, secondo gli addetti ai lavori, che il nodo Golden Power possa accelerare quel riassetto che da tempo si vocifera sul mercato. A più riprese, negli ultimi tempi, spuntano voci di un imminente disimpegno di Sinochem da Pirelli, complice il pressing che il Governo cinese starebbe facendo sulle società della Repubblica Popolare affinché abbandonino gli investimenti esteri meno redditizi o meno strategici.

 

marco tronchetti provera e ren jianxin marco tronchetti provera e ren jianxin

[…] Il gruppo Pirelli e il suo numero uno Marco Tronchetti Provera sembrano però aver già predisposto tutto per questa eventualità. Tant’è che il recente patto di consultazione siglato tra Camfin e Brembo, socio al 6% della Bicocca, ha di fatto rafforzato il nocciolo duro degli azionisti “alternativi” al partner cinese. […]

 

Portare sotto un nuovo accordo di consultazione la quota del gruppo della famiglia Bombassei, […]  sembra dunque “allineare” gli interessi e i diritti di voto di tre attori: Camfin, Brembo e la famiglia Niu. Un nucleo stabile di azionisti a cui fa capo complessivamente circa il 24% di Pirelli che potrebbe in futuro “sostituire” la stessa Sinochem se i piani di disimpegno da Pirelli dovessero passare dalla carta ai fatti.

 

marco tronchetti provera marco tronchetti provera

Ieri intanto il cda ha approvato i risultati definitivi dell’esercizio 2022 che, come già annunciato, si è chiuso con un utile netto consolidato di 435,9 milioni di euro, in crescita del 35,5% e ricavi in aumento del 24,1% a 6.615,7 milioni di euro. All’assemblea verrà proposta la distribuzione di un dividendo di 0,218 euro per azione (0,161 euro per azione nel 2021) per un totale complessivo di 218 milioni di euro.

TRONCHETTI PROVERA TRONCHETTI PROVERA Tronchetti Provera Tronchetti Provera

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - UN PUCCINI ALL’IMPROVVISO! – SCOOP! UN BRANO INEDITO DI GIACOMO PUCCINI SARA’ ESEGUITO PER LA PRIMA VOLTA AL LUCCA CLASSICA MUSIC FESTIVAL, IL PROSSIMO 28 APRILE – COMPOSTO NEL 1877 DA UN GIOVANE PUCCINI, S’INTITOLA “I FIGLI DELL’ITALIA BELLA – CESSATO IL SUO DELL’ARMI”: ERA RIMASTO A LUNGO “NASCOSTO”, POI DISPONIBILE SOLO IN FORMA INCOMPIUTA E, INFINE, RIPORTATO ALLA LUCE NELLA SUA INTEGRITA’ GRAZIE AL CENTRO STUDI PUCCINI – IL MISTERO DIETRO ALLA PARTITURA E I DIRITTI AQUISITI ORA DAL CONSERVATORIO “LUIGI BOCCHERINI” DI LUCCA...

DAGOREPORT – IL DIAVOLO TRA DUE FUOCHI. IL MATRIMONIO TRA LOPETEGUI E IL MILAN È A UN PASSO. L’ACCORDO ECONOMICO È STATO TROVATO. MA PER L’ARRIVO DEL BASCO AL POSTO DI STEFANO PIOLI MANCA L'OK DI IBRAHIMOVIC, NOMINATO DA CARDINALE SUO PLENIPOTENZIARIO NEL CLUB – ZLATAN SPINGE PER ANTONIO CONTE, SOLUZIONE PIÙ GRADITA ALLA PIAZZA, IN CERCA DI UN MISTER CON GLI ATTRIBUTI (E LOPETEGUI IN SPAGNA È DETTO “EL CAGON”…) – RIUSCIRÀ IBRA A CONVINCERE LA SOCIETÀ A PUNTARE SU UN TECNICO DALLA PERSONALITÀ STRARIPANTE E MOLTO COSTOSO?

MADONNA? EVITA-LA! – QUELLA VOLTA CHE MADONNA VENNE A ROMA PER LA PRIMA DI “EVITA’’ E SI INCAZZÒ FACENDO ASPETTARE IL PUBBLICO PER UN’ORA E MEZZO - IL PATTO ERA CHE SUA FIGLIA, LOURDES, VENISSE BATTEZZATA NEGLI STESSI GIORNI DAL PAPA ALLA PRESENZA DEL PADRE, CHE SI CHIAMAVA JESUS - IL PRODUTTORE VITTORIO CECCHI GORI CONOSCEVA UN CARDINALE: “PRONTO, AVREI MADONNA, L’ATTRICE, CHE VORREBBE BATTEZZARE LA FIGLIA, LOURDES, COL PADRE, JESUS… E SE FOSSE DISPONIBILE IL PAPA…” – VIDEO

DAGOREPORT - CON AMADEUS, DISCOVERY RISCHIA: NON È UN PERSONAGGIO-FORMAT ALLA STREGUA DI CROZZA E FAZIO. È SOLO UN BRAVISSIMO CONDUTTORE MA SENZA UN FORMAT FORTE CHE L’ACCOMPAGNI, SARÀ DURISSIMA FAR DIGITARE IL TASTO 9. NELLA TV DI OGGI I PRODUTTORI DI CONTENUTI VENDONO CHIAVI IN MANO IL PACCHETTO FORMAT+CONDUTTORE ALLE EMITTENTI - ALLA CRESCITA DI DISCOVERY ITALIA, NEL 2025 SEGUIRA' ''MAX'', LA PIATTAFORMA STREAMING DI WARNER BROS-HBO CHE PORTERÀ A UNA RIVOLUZIONE DEL MERCATO, A PARTIRE DALLA TORTA PUBBLICITARIA. E LE RIPERCUSSIONI RIMBALZERANNO SUI DIVIDENDI DI MEDIASET E LA7 - A DIFFERENZA DI RAI E IN PARTE DI MEDIASET, DISCOVERY HA UNA STRUTTURA SNELLA, SENZA STUDI DI REGISTRAZIONE, SENZA OBBLIGHI DI ASSUNZIONI CLIENTELARI NÉ DI FAR TALK POLITICI - LIBERI DI FARE UN CANALE5 PIÙ GIOVANE E UN’ITALIA1 PIÙ MODERNA, IL PROSSIMO 9 GIUGNO DOVRANNO DECIDERE SE FARE O MENO UNO SPAZIO INFORMATIVO. NEL CASO IN CUI PREVARRA' IL SÌ, SARÀ UN TG MOLTO LEGGERO, UNA SORTA DI ANSA ILLUSTRATA (E QUI RICICCIA L'OPZIONE ENRICO MENTANA)    

DAGOREPORT – L’INTELLIGENCE DI USA E IRAN HANNO UN PROBLEMA: NETANYAHU - L'OPERAZIONE “TERRORISTICA” CON CUI IL MOSSAD HA ELIMINATO IL GENERALE DELLE GUARDIE RIVOLUZIONARIE IRANIANE NELL'AMBASCIATA IRANIANA A DAMASCO E LA SUCCESSIVA TENSIONE CON TEHERAN NON È SPUNTATA PER CASO: È SERVITA AL PREMIER ISRAELIANO A "OSCURARE" TEMPORANEAMENTE LA MATTANZA NELLA STRISCIA DI GAZA, CHE TANTO HA DANNEGGIATO L'IMMAGINE DI ISRAELE IN MEZZO MONDO - NETANYAHU HA UN FUTURO POLITICO (ED EVITA LA GALERA) SOLO FINCHÉ LA GUERRA E LO STATO D'ALLARME PROSEGUONO...