CIRINÀ? MA PER CARITÀ! – IL CDA DI GENERALI HA RISPOSTO ALLA CONSOB SPIEGANDO I MOTIVI DIETRO AL NO ALL’INGRESSO DELL’EX MANAGER NEL BOARD: IL MANAGEMENT DEL LEONE SI È LIMITATO A RIBADIRE CHE LE REGOLE “FIT&PROPER” ESCLUDONO L’IDONEITÀ IN CASI DI “GRAVI MISURE DISCIPLINARI O AMMINISTRATIVE”, IN SEGUITO A “NEGLIGENZA GRAVE O COMPORTAMENTO DOLOSO”. COME POTEVA ESSERE IDONEO UN MANAGER CHE SI CANDIDA CONTRO IL SUO AD, VIENE SOSPESO, POI LICENZIATO E INFINE FA CAUSA?

-

Condividi questo articolo


F. Sp. per “La Stampa”

 

PHILIPPE DONNET PHILIPPE DONNET

Il cda delle Generali conferma il suo «no» a Luciano Cirinà e anche il collegio sindacale dà disco verde alla cooptazione di Stefano Marsaglia. Come anticipato, è stato diffuso dalla compagnia il comunicato di risposta alla Consob che, secondo i dettami del quinto comma dell'articolo 114 del Tuf, aveva richiesto alla compagnia di rendere pubblici i motivi che hanno indotto il cda a ritenere Cirinà inadeguato.

 

La storia è nota: Cirinà era manager di primo piano del Leone. Poi è stato candidato da Caltagirone a sostituire l'ad Donnet. Per questo è stato prima sospeso, poi licenziato. Lui, di rimando, ha fatto causa. Così quando s' è trattato di sostituire in cda proprio il dimissionario Caltagirone il consiglio, con i voti contrari della minoranza, gli ha sbarrato la strada.

 

Luciano Cirinà Luciano Cirinà

Consob così ci ha voluto vedere chiaro ma la maggioranza del cda ha dibattuto a lungo se fosse il caso di rispondere oppure di presentare reclamo e poi ricorso: l'articolo 114 del Tuf, è stato il ragionamento, si usa solo in caso di spiegazioni su fatti «price sensitive», capaci di muovere il titolo.

 

CLAUDIO COSTAMAGNA FRANCESCO GAETANO CALTAGIRONE LUCIANO CIRINA CLAUDIO COSTAMAGNA FRANCESCO GAETANO CALTAGIRONE LUCIANO CIRINA

E questo, a parere della maggioranza del cda, non lo è. L'informativa alla fine è arrivata, ma si limita a ribadire che le regole "Fit&Proper" escludono l'idoneità in casi di «gravi misure disciplinari o amministrative» in seguito a «negligenza grave o comportamento doloso». Si riportano le posizioni contrarie di Marina Brogi e Flavio Cattaneo, secondo cui il niet a Cirinà «viola lo Statuto e la normativa applicabile».

 

LE LISTE DEI CANDIDATI PER IL CDA GENERALI LE LISTE DEI CANDIDATI PER IL CDA GENERALI

La nomina di Cirinà avrebbe dovuto essere un «atto dovuto». Infine in collegio sindacale, citando i pareri del giurista Gaetano Presti, ritiene il processo di cooptazione di Marsaglia «adeguatamente strutturato e coerente con l'analisi giuridica svolta». Ed è stato quindi «positivamente valutato». L'informativa, secondo la minoranza non esaustiva rispetto alle richieste di Consob, è passata a maggioranza. E presto la discussione continuerà in tribunale.

PHILIPPE DONNET GENERALI PHILIPPE DONNET GENERALI luciano cirina luciano cirina CLAUDIO COSTAMAGNA LUCIANO CIRINA CLAUDIO COSTAMAGNA LUCIANO CIRINA luciano cirina luciano cirina FRANCESCO GAETANO CALTAGIRONE PHILIPPE DONNET FRANCESCO GAETANO CALTAGIRONE PHILIPPE DONNET

 

Condividi questo articolo

business

FRATELLI DI TELECOM – IL PIANO SULLA RETE UNICA DELLA MELONI  FA VOLARE IL TITOLO DI TIM IN BORSA. LA PROPOSTA È UN CAMBIO DI ROTTA RISPETTO ALLO SPEZZATINO BY LABRIOLA. L’IDEA È SEMPLICE: UN’OFFERTA PUBBLICA DI CDP SU TUTTA TIM, E POI LA VENDITA DI TUTTI GLI ASSET TRANNE LA RETE  – “LA STAMPA”: “C’È UN PARADOSSO: PER RENDERE ALLETTANTE UN'OPA CHE DIFFICILMENTE PIACERÀ A BRUXELLES, IL PROGETTO FINIREBBE PER LIQUIDARE A PESO D'ORO ANCHE VIVENDI, CHE GIÀ CHIEDEVA UNA CIFRA ESORBITANTE PER LA SOLA RETE”