LA COCA COLA SI UNISCE AL BOICOTTAGGIO DI FACEBOOK, INSTAGRAM, YOUTUBE, TWITTER E DEGLI ALTRI SOCIAL MEDIA ACCUSATI DI NON FARE ABBASTANZA PER COMBATTERE LA PRESENZA DI CONTENUTI D'ODIO E RAZZISTI NELLE PROPRIE PIATTAFORME: FERMERÀ TUTTE LE SUE PUBBLICITA' DIGITALE ALMENO PER UN MESE - E ZUCKERBERG SI RITROVA AD AVER PERSO GIA' 7,2 MILIARDI DI DOLLARI DI RICCHEZZA PERSONALE: LE AZIONI DEL SUO GRUPPO HANNO PERSO L’8,3%...

-

Condividi questo articolo

COCA COLA E FACEBOOK COCA COLA E FACEBOOK

RAZZISMO: COCA COLA SI UNISCE A BOICOTTAGGIO FACEBOOK

 (ANSA) - La Coca Cola ha annunciato di essersi unita al boicottaggio di Facebook, Instagram, YouTube, Twitter e degli altri social media accusati di non fare abbastanza per combattere la presenza di contenuti d'odio e razzisti nelle proprie piattaforme. Il gigante americano ha detto che fermerà tutte le sue pubblicita' digitale almeno per un mese a partire dal primo luglio. Al boicottaggio, promosso dalla campagna Stop Hate for Profit, hanno aderito altri colossi come Unilever e Verizon.

 

BOICOTTAGGIO FACEBOOK, ZUCKERBERG PIÙ 'POVERO' DI 7,2 MLD

mark zuckerberg nick clegg mark zuckerberg nick clegg

 (ANSA) - Mark Zuckerberg, vittima del boicottaggio di Facebook da parte dei big (da ultima la Coca Cola), si ritrova ad aver perso gia' 7,2 miliardi di dollari di ricchezza personale. Le azioni del gruppo infatti hanno chiuso la settimana di contrattazioni a Wall Street perdendo l'8,3%, il risultato peggiore degli ultimi tre mesi. E secondo il Bloomberg Billionaires Index, con il calo di 56 miliardi di dollari del valore di mercato di Facebook il patrimonio del suo fondatore e' sceso a 82,3 miliardi di dollari. Zuck e' cosi' scivolato al quarto posto nella classifica dei Paperoni, superato dal re del lusso Bernard Arnault, boss di Louis Vuitton, che raggiunge sul podio con Jeff Bezos e Bill Gates.

 

Condividi questo articolo

business

AUTOSTRADE, VINCITORI E VINTI – SORGI: “CONTE HA GUIDATO IL PARTITO DELL'ESTROMISSIONE IMMEDIATA DEI BENETTON E HA DOVUTO ACCETTARE UN COMPROMESSO FINALE CHE VEDE I CONCESSIONARI VENETI ANCORA A BORDO. AMMACCATI, CERTO, MA A BORDO - DI MAIO HA SPINTO CONTE SULLA LINEA “REVOCA E BASTA” MENTRE TRATTAVA DIETRO LE QUINTE SULLA MEDIAZIONE FINALE. ADESSO PUÒ SCARICARE SUL PREMIER IL PESO DEL FALLIMENTO DELLA LINEA DURA - MATTARELLA HA AGITO NELL'OMBRA, SILENZIOSO COME SEMPRE, UNICO CREDIBILE INTERLOCUTORE DI UNA MERKEL PREOCCUPATA PER GLI INVESTITORI TEDESCHI”

CHE VERGOGNA QUESTA EUROPA CHE BACCHETTA I GOVERNI, VINCOLA I CITTADINI E NON RIESCE A FARE PAGARE LE TASSE ALLE MULTINAZIONALI - I MECCANISMI FISCALI OLANDESI E IRLANDESI NON SONO STATI SMONTATI DALL’ARCIGNA VESTAGER: PER LA CORTE DI GIUSTIZIA EUROPEA, LA COMMISSIONE UE NON È STATA CONVINCENTE NEL DIMOSTRARE L’ELUSIONE FISCALE, VISTA LA DEMATERIALIZZAZIONE DELL'ECONOMIA DIGITALE - UN PUNTO DI VISTA CHE, IN PASSATO, ERA RIUSCITO ANCHE A “DEMATERIALIZZARE” L'IVA NEL COMMERCIO ELETTRONICO...