COME DAGO-DIXIT, IL FONDO KKR HA PRESENTATO IERI SERA L’OFFERTA VINCOLANTE PER LA RETE DI TIM, SENZA LA FIRMA DEL MEF (IL CUI IMPEGNO VIENE PERÒ ESPRESSAMENTE CITATO NEL DOCUMENTO) – SUL PREZZO, C’È STATA UNA LEGGERA LIMATURA, MA SENZA STRAVOLGIMENTI: LA RETE SARÀ PAGATA 20 MILIARDI (COMPRESI 10 DI DEBITO), AI QUALI SE NE POTREBBERO AGGIUNGERE ALTRI TRE – VIVENDI NE CHIEDEVA 30, E POTRÀ ALZARE IL TIRO SULLA SOCIETÀ DEI SERVIZI. E PREPARA LE CARTE BOLLATE SE IL VIA LIBERA ALL’OPERAZIONE ARRIVASSE CON ASSEMBLEA ORDINARIA…

-

Condividi questo articolo


ARTICOLI CORRELATI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Estratto dell’articolo di Francesco Spini per www.lastampa.it

 

pietro labriola a Italian Tech Week pietro labriola a Italian Tech Week

È stata presentata nella serata di ieri l’offerta vincolante con cui Kkr punta ad acquisire la rete di Tim. Il fondo americano si è preso tutto il tempo possibile […] per portare la proposta all’attenzione del consiglio del gruppo di tlc, che esaminerà le carte in una riunione da convocarsi entro una ventina di giorni, comunque prima dell’8 novembre, data dell’esame dei conti dei nove mesi.

 

La lettera è firmata da Kkr. Ma nel documento sarebbe espressamente citato l’impegno del Tesoro che – in virtù del Dpcm di agosto, non ancora però pubblicato in Gazzetta Ufficiale – avrà il 20% della società di rete (NetCo) investendo fino a 2,5 miliardi.

 

henry kravis henry kravis

Sarebbe ribadito quanto già scritto nella lettera di intenti firmata quest’estate, ossia il ruolo centrale del governo nella definizione delle scelte strategiche. È previsto l’ingresso anche del fondo F2i, altro soggetto italiano, ma i toni che lo riguardano sarebbero più sfumati, non foss’altro perché deve ancora completare la raccolta del denaro necessario a prendere tra il 10 e il 15% della società di rete.

 

Quanto agli aspetti salienti, ovvero il prezzo, secondo alcune fonti ci sarebbe stata una leggera limatura, rispetto a quanto anticipato nella proposta non vincolante. Non cambiamenti sostanziali, però: la rete sarà pagata a Tim in tutto 20 miliardi, 10 sotto forma di accollo di debito e 10 di capitale. Oggetto della vendita è la rete primaria, poi quella secondaria già scorporata in FiberCop (società di cui Kkr è già azionista per il 37,5% e valutata dal fondo oltre 11 miliardi) e i cavi internazionali di Sparkle. Potrebbero arrivare altri 3 miliardi, che per ora restano incerti.

 

vincent bollore vincent bollore

Uno è previsto solo nel caso si realizzi la fusione con Open Fiber (l’altra società di rete controllata dalla Cdp) e con essa la mitologica rete unica. Un altro sarà riconosciuto in caso di concessione da parte del governo nella Rab, un sistema tariffario incentivante tipico dei monopoli. Un terzo è legato ad altri eventi incerti.

 

mediaset vivendi 3 mediaset vivendi 3

Il prezzo, insomma, nonostante le pressioni sarebbe rimasto laddove era partito il 22 giugno, con un massimo di 23 miliardi. […]

 

Compito ben più arduo sarà convincere gli azionisti più pesanti della società, i francesi di Vivendi che con il loro 23,75% hanno sempre manifestato – da ultimo anche direttamente al governo – contrarietà all’operazione.

 

Se, come appare, sarà certificato che poco è cambiato nella valutazione, i francesi, che aspiravano ad avvicinarsi ai 30 miliardi, potranno alzare il tiro, obiettando la sostenibilità della ServCo. Sostenibilità del debito, oggi a 26 miliardi netti. Sarà tagliato di quasi16 miliardi, al netto di quanto andrà a Kkr per via della quota in FiberCop, ma è considerato ancora alto e questo sebbene […] il rapporto debito/ebitda non andrà oltre le 1,5-2 volte. E sostenibilità per numero di dipendenti, visto che su 40 mila circa 20 mila resteranno alla ServCo, per poi scendere.

henry kravis 1 henry kravis 1

 

Si apre dunque una fase delicata e complicata. Nelle mail dei consiglieri ci sono 3 pareri secondo cui basterebbe un semplice sì del cda, senza neppure dover passare dall’assemblea.

 

Vivendi, dal canto suo, ha 4 pareri legali secondo cui non basterebbe nemmeno un’assemblea ordinaria “consultiva” da tenersi entro dicembre (l’ipotesi su cui si sta ragionando più concretamente) ma occorrerebbe una straordinaria, in cui i francesi avrebbero un facile potere di blocco.

pietro labriola a Italian Tech Week pietro labriola a Italian Tech Week

 

In ogni caso, se nemmeno il governo riuscirà a trovare un accordo con Vivendi […], si profila una stagione fatta di contenziosi e carte bollate che, partendo da Roma, raggiungerebbe Bruxelles che dovrà esaminare gli intrecci del Mef, tra il 20% della rete Tim e la Open Fiber della controllata Cdp. Il closing dell’operazione Kkr-Rete è atteso per metà 2024: ma cosa succederà se nel frattempo, il cda – che si rinnova in primavera – sarà tornato a parlare francese?

open fiber 2 open fiber 2

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

MOLTO FRACASSO PER NULLA! QUANDO IL DIRETTORE HA PAURA, FA SOLO CASINO E RUMORE. IL "DON CARLO" DI CHAILLY È PAURA (SUA) E FRACASSO – IL DAGOREPORT SULLA PRIMA DELLA SCALA - "LO SPETTACOLO NON HA UNA DIREZIONE, NON RESTERÀ NELLA MEMORIA. TENERE VERDI IN UNA VISIONE UNITARIA, (DON CARLO, PIÙ DI OGNI ALTRO TITOLO), È IMPRESA TITANICA. IL TRIO LESCANO, MELI, PERTUSI, SALSI LE PRENDE DI SANTA RAGIONE DALLE DUE STRANIERE NETREBKO E GARANCA. DEI MASCHIETTI LO SVOCIATO PERTUSI È DI GRAN LUNGA È IL MIGLIORE, GLI ALTRI DUE HANNO LA PATATA IN BOCCA. PER UCCIDERE IL RITO, PRIMA DELL'INNO E DELL'OPERA È USCITO UN OMINO, IL SOPRINTENDENTE DOMINIQUE MEYER, CHE HA ROTTO LA SACRALITÀ DEL 7 DICEMBRE PER NON DIRE NULLA SE NON UNA… - VIDEO

DAGOREPORT - PER LE EUROPEE, LA ZELIG DI COLLE OPPIO HA GIÀ PRONTO UN PIANO PER AVERE LA MOGLIE DROGATA E LA SIRINGA PIENA: LASCIARE LIBERTÀ DI VOTO AGLI ULTRÀ DI ECR, GLI SPAGNOLI DI VOX E I POLACCHI DEL PIS, COSÌ SARÀ LIBERA DI TRASFORMARSI IN DEMOCRISTIANA E VOTARE PER LA “MAGGIORANZA URSULA” O PER LA NUOVA ARRIVATA ROBERTA METSOLA - CONTATI I VOTI (I FRATELLINI D’ITALIA SONO CERTI CHE SALVINI PRENDERÀ UNA BRUTTA BOTTA), LA MELONI SI RIMBOCCHERÀ LE MANICHE PER UN RIMPASTO DI GOVERNO: I PAPABILI A GIRARE I TACCHI SONO SANGIULIANO, ZANGRILLO E SANTANCHÉ (GIÀ SPINTA DA ARIANNA A DIMETTERSI DA COORDINATRICE FDI IN LOMBARDIA) - PER QUANTO RIGUARDA IGNAZIO LA RUSSA, LA DUCETTA SE LO TIENE FINCHE’ PUO’…

DAGOREPORT – ZELENSKY, T’HANNO RIMASTO SOLO: L’EX COMICO, CHE SI È AVVITATO SU UNA POSIZIONE DI TOTALE INTRANSIGENZA AI NEGOZIATI CON PUTIN, DEVE FARE I CONTI NON SOLO CON LA CHIUSURA DEI RUBINETTI DEGLI AIUTI DA PARTE DEGLI USA, MA ANCHE CON L’OPPOSIZIONE INTERNA. GLI UCRAINI SONO STANCHI DELLA GUERRA, COME DIMOSTRANO LE ACCUSE DEL SINDACO DI KIEV, VITALY KLITSCHKO – DI FRONTE AL FLOP DELLA CONTROFFENSIVA, INVECE DI TRATTARE CON PUTIN, ZELENSKY HA RISPOSTO CON LE PURGHE – BIDEN VUOLE LA PACE PRIMA DELLE ELEZIONI NEGLI USA: PER ASSENZA DI ALTERNATIVE, SI ARRIVERA' ALLA CESSIONE AI RUSSI DI CRIMEA E PARTE DEL DONBASS…