COME DAGO-DIXIT, IL SUCCESSORE DI PROFUMO ALL’ACRI SARÀ GIUSEPPE AZZONE DI CARIPLO (CHE POTREBBE ESSERE ELETTO ALL’UNANIMITA’) – LA DECISIONE E’ FIGLIA DELL’ACCORDO TRA IL GRANDE BURATTINAIO DELLE FONDAZIONI BANCARIE, L’OTTUAGENARIO GIUSEPPE GUZZETTI, E IL PRESIDENTE DELLA FONDAZIONE CRT, CARO A FAZZOLARI, “FURBIZIO” PALENZONA - LA MARCIA INDIETRO DELL’EX UNICREDIT E IL POSSIBILE ARRIVO DI GAETANO MICCICHÈ ALLA PRESIDENZA DI CDP

-

Condividi questo articolo


ARTICOLI CORRELATI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Da startmag.it

 

giovanni azzone giovanni azzone

Tutta in discesa per Giovanni Azzone la strada che porta alla guida dell’Acri.

 

Dopo la rinuncia di Fabrizio Palenzona, presidente della Fondazione Crt, ora il numero uno della Fondazione Cariplo potrebbe addirittura essere eletto all’unanimità.

 

Dunque tutte le 84 fondazioni bancarie si ricompatterebbero intorno ad Azzone che dalla sua avrebbe, come scrive il Messaggero, “equilibrio, competenza, serietà, metodo” e, soprattutto, l’appoggio di Giuseppe Guzzetti che per oltre 20 anni ha guidato proprio la Fondazione Cariplo.

 

Il quasi novantenne Guzzetti, stando a rumors giornalistici, per sbarrare la strada a Palenzona avrebbe mobilitato sia il presidente uscente Francesco Profumo sia il numero uno di CariCuneo, Ezio Raviola.

 

LA CONVERGENZA SU AZZONE…

GIUSEPPE GUZZETTI GIUSEPPE GUZZETTI

Secondo quanto riferisce Rosario Dimito sul quotidiano del gruppo Caltagirone, si profilerebbe dunque all’orizzonte un voto unanime su Azzone e la riprova sarebbe nel fatto che Palenzona, in qualità di presidente della Consulta delle fondazioni del Piemonte e Liguria, lo avrebbe invitato alla prossima riunione del raggruppamento dei 15 enti territoriali del nord ovest in programma a Torino il prossimo 15 febbraio.

 

Non solo: si è deciso di anticipare la nomina dell’ex rettore del Politecnico di Milano in occasione del Consiglio dell’Acri, in agenda per il 21 febbraio, nonostante Profumo abbia annunciato che si dimetterà dalla Compagnia di Sanpaolo – e dunque decadrà dalla presidenza dell’Acri – il 22 febbraio.

 

 

 

…E QUEL PENSIERINO DI PALENZONA

fabrizio palenzona foto di bacco fabrizio palenzona foto di bacco

Azzone a questo punto non dovrebbe neppure trovare ostacoli nel suo lavoro all’Acri, visto anche il placet di Palenzona che, per il Messaggero (e anche molto lapalissianamente), “ha ritenuto di rientrare in gioco per non restare isolato”. E ciò può avere un senso pure in ottica futura visto che dalla posizione dell’Acri dipenderanno le sorti di alcune importanti partite, prima fra tutte il rinnovo (ad aprile) dei vertici di Cassa Depositi e Presiti, di cui 65 fondazioni detengono il 15,93%.

 

Di certo la marcia indietro di Palenzona non può che aver fatto piacere a Guzzetti che da subito si è opposto alle mire dell’ex Unicredit il quale, dal canto suo, non aveva risparmiato attacchi al grande dominus delle fondazioni.

GIOVANNI AZZONE GIOVANNI AZZONE

 

(...)

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! - FORZA ITALIA, SI CAMBIA MUSICA: LETIZIA MORATTI RITORNA PREPOTENTEMENTE IN FORZA ITALIA MA NON NEL RUOLO DI COMPARSA: PER IMPRIMERE UNA SVOLTA MODERATA AL PARTITO DEL FU CAVALIERE, PIER SILVIO E MARINA HANNO SCELTO UN POLITICO DISTANTE 'ANNI DUCE' DALLA DESTRA DEI FEZ-ZOLARI, UNA CHE NON MANCA MAI DI RICORDARE IL PADRE PARTIGIANO, TANT'È CHE ALLE REGIONALI IN LOMBARDIA SCESE IN CAMPO, E FU SCONFITTA, DA MELONI-SALVINI - L'ADDIO ALL'ERA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI E' GIÀ INIZIATO A MEDIASET CON LO SBARCO DELLA BERLINGUER. SI È AVUTA ULTERIORE PROVA DEL CAMBIO DI STRATEGIA DI PIER SILVIO CON LA MIELOSA PROFFERTA DI ASSUNZIONE RIVOLTA PUBBLICAMENTE A FABIO FAZIO, SBARCATO NON A CASO SU CANALE5 COME CONDUTTORE DELLO SPECIALE IN MEMORIA DI MAURIZIO COSTANZO - IL NUOVO BISCIONE SECONDO IL BERLUSCONINO: MENO TRALLALA' PER CASALINGHE E PIU' PROGRAMMI INTELLETTUALMENTE VIVACI. I TALK DI RETE4? CALMA. FINCHE' C'E' CONFALONIERI... - VIDEO

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…