COME FINIRÀ CON LA RETE UNICA? LO SCOPRIREMO SOLO VIVENDI – I FRANCESI IN PRESSING: “È IL GIUSTO PASSO DA FARE, POSSIAMO ESSERE A UN PUNTO DI SVOLTA, E NON IMPORTA SE SARÀ PUBBLICA” – BOLLORÉ VUOLE MONETIZZARE, E CONTINUA A SPARARE CIFRE MONSTRE SULLA VALUTAZIONE DELLA RETE DI TIM, PIÙ DI 30 MILIARDI, MENTRE AI VALORI ATTUALI DI MERCATO TUTTA LA COMPAGNIA NE VALE 4,5…

-

Condividi questo articolo


R.E. per “la Stampa”

 

ARNAUD DE PUYFONTAINE ARNAUD DE PUYFONTAINE

Vivendi, primo socio di Tim, si schiera, e questa volta in maniera decisa, per la rete unica. Il ceo Arnaud De Puyfontaine, invitato al Meeting di Comunione e liberazione a Rimini a parlare di innovazione e digitalizzazione al servizio della persona, esce per un momento fuori tema e sembra mandare un messaggio alla politica, che con le sue schermaglie pre-elettorali rischia di rallentare il processo di riassetto del gruppo.

 

open fiber open fiber

«La Rete unica è il giusto passo da fare, possiamo essere a un punto di svolta», afferma.

«La visione di Vivendi è sempre stata quella di essere investitore a lungo termine. Ecco perché è iniziato questo viaggio in Italia», aggiunge il manager. Ed essendo un gruppo dedicato ai media e all'intrattenimento, ricorda che per distribuire i contenuti «bisogna avere le giuste infrastrutture e abbiamo per questo bisogno di Tim». L'obiettivo è banalmente utilitaristico ma forse era necessario sottolinearlo per fugare i fantasmi dei nazionalisti.

 

PIETRO LABRIOLA PIETRO LABRIOLA

«Lo ripeto sempre: noi vogliamo essere proattivi e costruttivi per creare questa rete unica a vantaggio di tutte le imprese e i cittadini italiani, e stiamo facendo il possibile affinché questo avvenga. La domanda non è chi debba essere proprietario della rete unica e ora non so dire chi lo sarà, l'importante non è chi ne sia proprietario, ma che obiettivo avrà, e se accelererà la banda larga per i cittadini e le imprese. Io farò ciò che serve per creare le giuste condizioni e un ambiente favorevole coi politici e con gli azionisti, se mi sarà permesso farlo» .

VINCENT BOLLORE ARNAUD DE PUYFONTAINE VINCENT BOLLORE ARNAUD DE PUYFONTAINE

 

Risponde indirettamente alle preoccupazioni di Antonio Tajani di Forza Italia, che sempre dal Meeting ha sottolineato, rispetto al progetto di rete unica allo studio di Tim, Cdp e Open Fiber, che «deve essere tutelata la sicurezza nazionale. Non è solo una questione economica: si può fare la concorrenza per quanto riguarda l'uso ma non per quanto riguarda la rete, che deve rimanere sotto il controllo dell'autorità dei governi» .

 

mario draghi vittorio colao mario draghi vittorio colao

Il Governo è il convitato di pietra e il ministro dell'Innovazione tecnologica Vittorio Colao fa il punto sulla transizione digitale, ma non parla di infrastrutture. E d'altra parte il ministro ha sempre detto di voler lasciar lavorare le aziende senza sbilanciarsi: «Sono stati diciotto mesi molto intensi, c'è un po' di rammarico perché il passaggio di consegne avverrà prima del previsto ma comunque...buon viaggio» è il bilancio e insieme l'augurio al prossimo Governo a cui passa il testimone anche del dossier rete unica, uno dei primi che il nuovo esecutivo dovrà essere affrontato essendo la scadenza per presentare un progetto fissata al 31 ottobre.

 

 

ARNAUD DE PUYFONTAINE ARNAUD DE PUYFONTAINE

 

 

 

vittorio colao vittorio colao

 

 

Condividi questo articolo

business

“LIZ TRUSS SEMBRA VIVERE NEL MONDO DELLE FIABE E IGNORARE LE PREOCCUPAZIONI E LA SOLIDARIETÀ SOCIALE” – IL PREMIO NOBEL PAUL KRUGMAN ASFALTA LA PREMIER BRITANNICA PER IL PIANO FISCALE (POI RIMANGIATO) CHE PREVEDEVA IL TAGLIO DELLE TASSE AI PIÙ RICCHI: “GLI INTERROGATIVI SULLE SUE CAPACITÀ DI GIUDIZIO SONO CONSOLIDATI DALL'INCOMPETENZA E DALL'INTEMPESTIVITÀ. DI QUESTI TEMPI, DECURTARE LE TASSE AI PIÙ FACOLTOSI, COLPITI MENO DAI PIÙ ALTI PREZZI ENERGETICI, MANDA UN MESSAGGIO: SOLO I MENO ABBIENTI DOVRANNO FARE FRONTE ALLE AVVERSITÀ”