COMMISSARIARE O NON COMMISSARIARE? QUESTO È IL DILEMMA DEL TESORO – IL MINISTERO DELL’ECONOMIA FA SLITTARE DI ALTRE DUE SETTIMANE LA NOMINA DI ANNA MARIA POGGI COME NUOVO PRESIDENTE DELLA FONDAZIONE CRT, MA RESTA ANCORA APERTA L’IPOTESI DI INVIARE UN COMMISSARIO PER RISOLVERE IL PASTROCCHIO SEGUITO ALLE DIMISSIONI DI PALENZONA – COMUNQUE, SI DECIDERÀ ENTRO IL 7 GIUGNO, PRIMA DELLE EUROPEE (E DELLE REGIONALI IN PIEMONTE): IL TIMORE È CHE LA FONDAZIONE DIVENTI OGGETTO DI ULTERIORI APPETITI DEI PARTITI…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Claudia Luise per “La Stampa”

 

ANNA MARIA POGGI ANNA MARIA POGGI

Quindici giorni per decidere. Come anticipato da La Stampa è arrivata ieri mattina l'autorizzazione dal Mef per prorogare di due settimane l'elezione del presidente della Fondazione Crt. La nomina, quindi, slitta: si farà entro il 7 giugno (in base a quando arriva risposta da Roma) e dovrebbe essere scelta la giurista Anna Maria Poggi, indicata all'unanimità con il sostegno delle istituzioni.

 

Sempre se il Tesoro non decide di sospendere tutto e inviare un commissario da Roma. La deroga formale era un passaggio obbligato «per non violare lo statuto». Il presidente Fabrizio Palenzona si è dimesso il 23 aprile e ieri sarebbe scaduto il mese di tempo previsto da statuto per il rinnovo della carica.

 

fabrizio palenzona foto di bacco fabrizio palenzona foto di bacco

Ma i 15 giorni in più servono all'autorità di vigilanza per verificare la documentazione inviata dalla Fondazione Crt dopo l'esposto presentato da Palenzona e trasmesso […] dall'autorità di vigilanza alla procura di Roma. Quindi decidere se commissariare, azzerare il consiglio di amministrazione o lasciare che il nuovo corso inizi a lavorare (il cdi eletto il 19 aprile e, appunto, il nuovo presidente Poggi).

 

Uno slittamento breve perché poi in Piemonte incombono le elezioni e il timore è che la fondazione diventi oggetto di appetiti dei partiti più di quanto non lo sia già. Il 7 giugno è considerato il limite massimo anche perché nel fine settimana si vota.

Maurizio Irrera Maurizio Irrera

 

Ieri i consiglieri si sono comunque incontrati […] e si sono detti disposti a convocare il consiglio appena il Tesoro si esprime, quindi anche prima del 7 giugno, per non «perdere altro tempo». Mentre il cda ha continuato in queste settimane a funzionare, sia chiudendo la partita delle nomine (l'ultima è stata l'indicazione di Lucia Calvosa per Cdp) sia procedendo con le erogazioni già in programma, il cdi è bloccato.

 

Entrato in carica il 19 maggio, prima della votazione per la presidenza non si possono nemmeno formare le commissioni che poi devono indicare gli ambiti prioritari di intervento e stabilire gli stanziamenti dell'ente filantropico. Effetto che a cascata si ripercuote sul territorio perché si rischia di non far arrivare in tempo i fondi.

 

fondazione crt fondazione crt

[…] «Con le telefonate non si deroga agli atti giuridici» è uno degli appunti che i consiglieri di indirizzo avevano rivolto al presidente ad interim, Maurizio Irrera. E indirettamente al Tesoro. Nella riunione di martedì proprio Irrera è stato chiamato a chiarire come siano andati i fatti e ha dovuto dettagliare le interlocuzioni informali avute con due dirigenti del Mef: prima Vincenzo Meola […] e poi il direttore generale Marcello Sala.

 

Quindi ha spiegato che la prima telefonata è stata quella di Meola il 15 maggio. Sollecitava proprio che da via XX Settembre arrivasse la richiesta di proroga per evitare di andare all'elezione senza prima un responso sul commissariamento. Sono passati due giorni e il venerdì 17 a chiamare è stato Sala. […]

marcello sala marcello sala

 

A complicare la situazione, c'è pure il fascicolo per ora senza reato e senza indagati, aperto dalla procura di Torino dopo l'esposto dell'ex segretario generale, Andrea Varese. Un esposto che mette al centro la vicenda del "patto occulto" proposto dall'ex consigliere Corrado Bonadeo che, anche se non firmato, avrebbe portato di fatto alla sfiducia del manager.

FONDAZIONE CRT FONDAZIONE CRT FABRIZIO PALENZONA - MAURIZIO IRRERA - CATERINA BIMA - DAVIDE CANAVESIO - ANNA MARIA DI MASCIO - ANTONELLO MONTI FABRIZIO PALENZONA - MAURIZIO IRRERA - CATERINA BIMA - DAVIDE CANAVESIO - ANNA MARIA DI MASCIO - ANTONELLO MONTI fabrizio palenzona foto di bacco (2) fabrizio palenzona foto di bacco (2) Maurizio Irrera Maurizio Irrera ANNA MARIA POGGI ANNA MARIA POGGI

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT – DOPO LE EUROPEE, NULLA SARÀ COME PRIMA! LA LEGA VANNACCIZZATA FA PARTIRE IL PROCESSO A SALVINI: GOVERNATORI E CAPIGRUPPO ESCONO ALLO SCOPERTO E CHIEDONO LA DATA DEL CONGRESSO – CARFAGNA E GELMINI VOGLIONO TORNARE ALL’OVILE DI FORZA ITALIA MA TAJANI DICE NO – CALENDA VORREBBE TORNARE NEL CAMPO LARGO, MA ORMAI SI È BRUCIATO (COME RENZI) – A ELLY NON VA GIÙ RUTELLI: MA LA VITTORIA DEL PD È MERITO DEI RIFORMISTI DECARO,BONACCINI, GORI, RICCI, CHE ORA CONTERANNO DI PIÙ – CONTE NON SI DIMETTE MA PATUANELLI VUOLE ACCOMPAGNARLO ALL’USCITA

VOTI A PERDERE - NELL’ITALIA DEI SONDAGGI TAROCCHI ANCHE I VOTI (REALI) SI PESANO E NON SI CONTANO - ALLE EUROPEE LA MELONI HA PERSO 700 MILA ELETTORI (-10%) RISPETTO ALLE POLITICHE 2022 – LA SCHLEIN (PD) NE HA GUADAGNATI 160 MILA RIDUCENDO LA DISTANZA TRA I DUE PARTITI AL 5% (CIRCA UN MILIONE DI CONSENSI) -  E’ LA LEGGE DELL’ASTENSIONISMO: GIU’ I VOTANTI E SU LE PERCENTUALI (EFFIMERE) – ALTRO CHE “SVOLTA A DESTRA” O LEADERSHIP RAFFORZATA DELLA DUCETTA DELLA GARBATELLA…

DAGOREPORT - NON HA VINTO FRATELLI D’ITALIA, HA STRAVINTO LA MELONA. LA CAMPAGNA ELETTORALE L’HA FATTA SOLO LEI, COL SUO PIGLIO COATTO E COL SUO MODO KITSCH DI APPARIRE TRA BANCHI DI CILIEGIE E CORRENDO CON I BERSAGLIERI. UNA NARRAZIONE RINFORZATA DALLO SVENTOLIO DEL TRICOLORE NEL MONDO: AHO', CON GIORGIA LA ''NAZIONE'' (NON IL PAESE) CONTA - CHI DICE CHE ELLY SCHLEIN HA VINTO, SPARA UNA CAZZATA. GLI ELETTI DEM SONO IN GRAN PARTE RIFORMISTI, LONTANI DALLE SUPERCAZZOLE DELLA MULTIGENDER CON TRE PASSAPORTI - SEPPELLITO RDC, A BAGNOMARIA IL SUPERBONUS, IL PAVONE CONTE E' STATO SPENNATO. I GRILLINI NON SI IDENTIFICANO NEI CONTIANI IN SALSA CASALINO E/O IN MODALITÀ TRAVAGLIO - LA SORPRESA AVS NON VA ACCREDITATA UNICAMENTE ALLA SALIS: IL BUM È AVVENUTO GRAZIE A UNA TRASMIGRAZIONE DI VOTI DA ELETTORI 5STELLE CHE NON SE LA SENTIVANO DI VOTARE PD - SALVINI: L’UNICO FATTORE CHE PUÒ MANTENERE IN PIEDI LA SUA LEADERSHIP È L’AUTONOMIA - DA QUI AL 2027, LA DUCETTA AVRÀ TRE GATTE DA PELARE: PREMIERATO, AUTONOMIA E GIUSTIZIA. MA IL VERO ICEBERG DELLA NAVIGAZIONE DEL GOVERNO DUCIONI SARANNO L’ECONOMIA E IL PATTO DI STABILITÀ