IL CONTAGIO NON VA ADAGIO A PIAZZA AFFARI - LE 26 PRINCIPALI AZIENDE INDUSTRIALI QUOTATE NEL LISTINO DI MILANO HANNO PERSO 20 MILIARDI DI UTILI E 11 DI VALORE DI BORSA A CAUSA DELLA PANDEMIA - MA C’È ANCHE CHI ESCE VINCITORE: GRANDE DISTRIBUZIONE, ELETTRONICA, E OVVIAMENTE FARMACEUTICA – MALISSIMO PETROLIO, MODA E AERONAUTICA

-

Condividi questo articolo

L. Ram. per “il Messaggero”

recessione coronavirus recessione coronavirus

 

Il Covid fa male ma non a tutti. Società del web che forniscono piattaforme digitali e app in grado di connettere le persone, l' elettronica che produce i device indispensabili a sopravvivere nel lockdown, la grande distribuzione che non chiude mai: sono le aziende che nell' anno della grande pandemia hanno prosperato mentre i fatturati di auto, moda, trasporti aerei e società petrolifere collassavano a causa della chiusura delle città e delle economie.

 

trader coronavirus wall street borsa borse trader coronavirus wall street borsa borse

A tracciare un quadro degli impatti del Covid su oltre 160 grandi multinazionali industriali è stata l' Area Studi di Mediobanca. Che ne ha analizzato anche gli effetti sulle 26 blue chip industriali e dei servizi comprese nel FtseMib a Piazza Affari, a cui la pandemia tra febbraio e settembre è costata 11 miliardi di valore di Borsa (ai 46 miliardi del grande tonfo primaverile è seguito un recupero di 35 miliardi grazie al rally sulla vittoria di Biden e ai progressi nei vaccini), 20 miliardi di utili, 64 di ricavi e 18 di margini industriali.

 

chiusi per virus chiusi per virus

Se i bilanci al 30 settembre delle multinazionali hanno evidenziato una contrazione aggregata del 4,3% del fatturato e un crollo del margine operativo netto del 22,8%, a livello settoriale ci sono stati vincitori e vinti. Tra i primi figurano le websoft, la grande distribuzione e l' elettronica - che hanno visto crescere i ricavi rispettivamente del 18,4%, dell' 8,8% e del 5,7% - mentre sono stati sommersi dalla pandemia l' industria petrolifera (-32,3%), l' aeronautica (-30,6%), la moda (-21,3%) e l' automotive (-17,4%), con i primi tre settori che hanno chiuso i conti in rosso.

 

trader coronavirus wall street borsa borse trader coronavirus wall street borsa borse

C' è stato poi chi ha tenuto, come l' alimentare (+3,7%), il settore farmaceutico (+3,1%) e le paytech (+0,3%), e chi ha limitato i danni come le tlc (-1,8%) e il beverage (-5,4%). Nel periodo la pandemia è costata alle blue chip industriali di Piazza Affari il 21,6% dei ricavi rispetto al 2019, e il 53,3% del margine operativo netto.

 

Le tensioni si sono fatte sentire anche sulla struttura finanziaria, con un aumento dal 118,7% al 146,5% del rapporto tra debiti finanziari e mezzi propri. Per l' intero esercizio Mediobanca stima che il calo del ricavi dei grandi gruppi manifatturieri del Ftse Mib si mantenga attorno al 18% consuntivato a settembre, a dimostrazione di una certa resilienza alla seconda ondata di Covid.

 

diasorin diasorin

Ma in Borsa chi ha vinto e chi ha perso? La produzione di test per il virus ha incoronato DiaSorin (+48,4%), davanti ad Amplifon (+19,7%), Recordati (+16,5%), Prysmian (+15%) e Campari (+13,8%). In fondo all' indice, con quotazioni più che dimezzate, si sono collocate invece Saipem (-66,7%), Tenaris (-57,6%), Leonardo (-52,5%) ed Eni (-51,8%).

chiuso per virus chiuso per virus fabbrica coronavirus 2 fabbrica coronavirus 2 i cartelli nei negozi del centro di roma che rischiano di chiudere 9 i cartelli nei negozi del centro di roma che rischiano di chiudere 9

 

Condividi questo articolo

business

PALADINO DEGLI AFFARI – DITE A MATTIA FELTRI CHE LA FIDANZATA DEL PREMIER NON È UNA “MOGLIE" E "FIGLIA DI” QUALUNQUE, MA POSSIEDE IL 47,5% DELLA “AGRICOLA MONASTERO SANTO STEFANO VECCHIO”. LA SOCIETÀ CONTROLLA IL GRAND HOTEL PLAZA E LA IMMOBILIARE SPLENDIDO, A CUI SONO INTESTATI VARI EDIFICI E NEGOZI DI LUSSO E SETTE IMMOBILI A VIA DI FONTANELLA BORGHESE. LA STESSA DEL SUPERMERCATO DOVE SI È RIFUGIATA CON IL BORSONE DELLA PALESTRA – I DETTAGLI CHE NON TORNANO NELLA STORIA DELLA SCORTA

FANTAFINANZA A MISURA DUOMO - NEL CASO IN CUI ALBERTO NAGEL VENGA NOMINATO A CAPO DI UNICREDIT, COL COMPITO DI PRENDERSI IN CARICO LA SALMA SENESE, DOVE ANDRÀ MEDIOBANCA: VERSO BANCA INTESA O VERSO UNICREDIT? OVVIAMENTE, UNA VOLTA METABOLIZZATA LA BANCA SENESE, NULLA VIETEREBBE A NAGEL DI RIPRENDERSI IL SUO ISTITUTO DEL CUORE E CREARE UN POLO BANCARIO TROPPO GROSSO ANCHE PER I DENTI AGUZZI DI DEL VECCHIO - CERTO, PER UNA FUSIONE CI VOGLIONO ALMENO SEI MESI E OTTENERE I SEMAFORI VERDI DELLA BCE. E NEL FRATTEMPO DEL VECCHIO, UNA VOLTA RAGGIUNTO IL 20% DI MEDIOBANCA, INIZIERÀ A FAR VEDERE I SORCI VERDI A NAGEL E PAGLIARO...